Mutillidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mutillidae
Ronisia barbara01.jpg
Ronisia barbara
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Mutillidae
Latreille, 1802
Sottofamiglie

I Mutillidi (Mutillidae Latreille, 1802) sono una famiglia di imenotteri vespoidei. Vengono comunemente chiamati Velvet Ant per il corpo ricoperto di peluria e l'aspetto che ricorda una formica.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

I maschi sono alati mentre le femmine sono attere. Come in tutti gli altri imenotteri solo le femmine presentano un pungiglione capace di provocare dolorose punture.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Tutti i Mutillidae sono parassitoidi solitari che attaccano per lo più larve o pupe di altri imenotteri solitari e raramente anche vari stadi di imenotteri sociali, ditteri, coleotteri, lepidotteri e blattoidei.[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Mutillidae ha distribuzione cosmopolita.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia dei Mutillidae contiene circa 230 generi e circa 8.000 specie in tutto il mondo[2].

Generi presenti in Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia sono presenti i seguenti generi[3]:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Brothers DJ, Tschuch G, Burger F, Associations of mutillid wasps (Hymenoptera, Mutillidae) with eusocial insects. in Insectes Sociaux, vol. 47, 2000, pp. 201-211.
  2. ^ Manley DG,, Pitts JP, A key to genera and subgenera of Mutillidae (Hymenoptera) in America north of Mexico with description of a new genus. in Journal of Hymenoptera Research, vol. 11, 2002, pp. 72-100.
  3. ^ (EN) Fabio Stoch, Checklist of the Italian fauna on-line in Fauna Italia, 2003. URL consultato il 25 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi