Charles Stross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Stross alla Worldcon 2005 a Glasgow (agosto 2005)

Charles David George Stross (Leeds, 18 ottobre 1964) è un autore di fantascienza britannico.

Fa parte di una nuova generazione di scrittori di fantascienza britannici specializzati nei sottogeneri della fantascienza hard e della space opera. Suoi contemporanei sono Alastair Reynolds, Ken MacLeod e Liz Williams. Il suo primo racconto pubblicato, The Boys, apparve in Interzone nel 1987. Il suo primo romanzo, Singularity Sky, fu pubblicato da Ace nel 2003 e fu candidato al Premio Hugo. Una raccolta di suoi racconti, Toast: And Other Rusted Futures apparve nel 2002. Successivamente altri suoi racconti furono candidati al Premio Hugo, il Premio Nebula e altri premi letterari di fantascienza.

Negli anni settanta e ottanta, Stross pubblicò alcuni articoli sui giochi di ruolo per Dungeons & Dragons nella rivista White Dwarf. Alcune sue creazioni come i githyanki (presi in prestito dal libro La luce morente (Dying of the Light) di George R.R. Martin), i githzerai, e gli slaadi furono inseriti in seguito nelle espansioni ufficiali del gioco.

Oltre al lavoro di scrittore Charles Stross è stato anche autore tecnico, giornalista freelance, programmatore e farmacista. Ha ottenuto una laurea in farmacia e informatica.

Un film d'animazione in grafica computerizzata basato sul suo racconto Rogue Farm[1] è uscito nell'agosto 2004.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Narrativa[modifica | modifica sorgente]

Romanzi autonomi[modifica | modifica sorgente]

Serie di Eschaton[modifica | modifica sorgente]

La serie è una space opera ambientata in un universo post-singolarità tecnologica

Serie di "Bob Howard - Laundry"[modifica | modifica sorgente]

La serie ha come protagonista l'ex consulente informatico Bob Howard, l'agente di un'agenzia segreta britannica nota informalmente come la Lavanderia. I racconti accomunano aspetti di fantascienza, horror lovecraftiano e spy story all'inglese.

I primi tre romanzi della serie sono stati scritti ricalcando lo stile di Len Deighton, Ian Fleming ed Anthony Price; The Apocalypse Codex si rifà allo stile di Peter O'Donnell, l'autore di Modesty Blaise. Secondo lo stesso autore,[2] dopo il romanzo del 2012 la serie ha acquisito un'identità propria e i racconti successivi non si rifaranno più allo stile dei romanzi di un altro autore.

Serie dei Principi Mercanti[modifica | modifica sorgente]

  • The Family Trade (2004)
  • The Hidden Family (2005)
  • The Clan Corporate (2006)
  • The Merchants' War (2007)
  • The Revolution Business (2009)
  • The Trade of Queens (2010)

Raccolte di racconti[modifica | modifica sorgente]

  • Toast: And Other Rusted Futures (2002)
  • Wireless (2009)

Saggistica[modifica | modifica sorgente]

  • The Web Architect's Handbook (1996)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rogue Farm
  2. ^ Light Blogging Alert

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia italiana di Charles Stross in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.

Controllo di autorità VIAF: 10094371 LCCN: n96066054