Charles Mesure

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Mesure al San Diego Comic-Con International nel luglio 2010.

Charles William David Mesure (Somerset, 12 agosto 1970) è un attore neozelandese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Charles Mesure nasce nella contea di Somerset in Inghilterra, dove visse assieme ai suoi genitori fino all'età di cinque anni. Successivamente la sua famiglia si trasferì a Sydney, in Australia dove Charles visse per molti anni. Ha frequentato il Newington College tra il 1982 e il 1987 e si è laureato in recitazione al National Institute of Dramatic Art nel 1995. Nello stesso anno si trasferì in Nuova Zelanda dove iniziò la sua carriera recitativa.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

La carriera dell'attore inizia nel 1996, anno in cui entra a far parte del cast principale della soap opera City Life, nel ruolo di Ryan Waters, che interpreterà fino alla fine della serie avvenuta nel 1998. Nello stesso anno, proprio grazie alla sua interpretazione in City Life ricevette una nomination ai Best Actor New Zealand Television Award.

Nel 1999 ottiene il ruolo ricorrente dell'Arcangelo Michele nella serie televisiva Xena - Principessa guerriera che interpreterà fino al 2001, per un totale di cinque episodi. Sempre nel 1999 ha interpretato lo stesso personaggio anche in un episodio di Hercules. In precedenza era però già apparso in queste due serie, recitando comunque solo in ruoli minori.

Tra il 2000 ed il 2003 fa parte del cast principale della serie televisiva neozelandese Street Legal, recitando nel ruolo di Kees Van Dam. Grazie alla sua interpretazione in questa serie televisiva, nel 2003 ha vinto un Best Supporting Actor award.

Nel 2005 partecipa a numerosi progetti: recita nei film Boogeyman - L'uomo nero (con Barry Watson, Emily Deschanel e Lucy Lawless) e Il gigante dell'acqua (con Bruce Greenwood e Rena Owen), e partecipa alle serie televisive Lost, Una pupa in libreria e Senza traccia. Sempre dal 2005 interpreta inoltre il personaggio ricorrente del reporter J.D. Pollack nella serie televisiva Crossing Jordan.

Nel 2009 entra a far parte del cast della quinta stagione della serie televisiva neozelandese Outrageous Fortune - Crimini di famiglia, nel ruolo del Detective-Sergente Zane Gerard. Questo personaggio sarà molto importante nel arco di tutta la stagione, ma vedrà la sua fine in un drammatico cliffhanger finale, in cui viene pugnalato da Cheryl West (la protagonista principale della serie), alla quale spara tre colpi di pistola. Si scoprirà poi nella sesta stagione che lui è morto a causa delle lesioni subite.[1]

Nel 2010 è stato impegnato in due serie televisive. Per la Television New Zealand ha recitato nel ruolo del protagonista Alec Ross in This Is Not My Life, che riprende in maniera significativa nelle tematiche la serie televisiva degli anni sessanta Il prigioniero, mentre per la ABC è apparso come guest star nella prima stagione di V nel ruolo del mercenario Kyle Hobbes. Nel luglio 2010 il network ha confermato che l'attore è stato inserito nel cast principale della seconda stagione della serie.[2][3]

Dopo la cancellazione di V, l'attore è stato inserito nel cast principale dell'ottava stagione della serie televisiva Desperate Housewives, nel ruolo di Ben Faulkner, un costruttore sexy e affascinante che colpirà l'interesse di Renee Perry (Vanessa L. Williams).[4][5]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Film[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda di Charles Mesure sul sito ufficiale della serie televisiva Outrageous Fortune. Controllato il 18 novembre 2010.
  2. ^ Comic-Con Scoop: V Returns with Red Skies and Mother Trouble. E! Online. Controllato il 18 novembre 2010.
  3. ^ Charles Mesure. ABCmedianet.com.Controllato il 18 novembre 2010.
  4. ^ 'Desperate Housewives': 'V's' Charles Mesure Joins as Series Regular. Hollywoodreporter.com. Controllato il 1º settembre 2011.
  5. ^ Charles Mesure nel cast regular di Desperate Housewives. Movieplayer.it. Controllato il 1º settembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]