Carlo d'Angiò (duca di Calabria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carlo, duca di Calabria)
Sepolcro del Duca di Calabria nella basilica di Santa Chiara a Napoli

Carlo d'Angiò (Napoli, 12989 novembre 1328) fu duca di Calabria, Vicario generale e principe ereditario del Regno di Napoli.

Stemma di Carlo di Calabria

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo nacque a Napoli da Roberto d'Angiò, che sarebbe poi divenuto re di Napoli, e da Jolanda d'Aragona, figlia di Pietro III, re di Aragona.

Divenne Duca di Calabria, nel 1309, grazie alla concessione ottenuta dal padre Roberto, quando, alla morte di Carlo II d'Angiò, era divenuto re di Napoli; fu inoltre nominato Vicario Generale del Regno.

Per agevolare la riconciliazione tra guelfi e ghibellini, papa Clemente V appoggiò il vecchio piano di ricostituire il regno di Arles[1], mettendo in contatto i capi delle due fazioni, Roberto il Saggio e il nuovo imperatore, Arrigo VII. Il piano prevedeva che il regno di Arles fosse ceduto dall'imperatore a Carlo, uno dei due figli di Roberto[2], il quale avrebbe sposato una delle due figlie di Arrigo. Il piano però fallì oltre che per l'opposizione di vari feudatari provenzali e borgognoni, anche per la fiera opposizione del re di Francia, Filippo il Bello, il quale, mal sopportando l'instaurazione di un regno dei cugini angioini nel sud-est della Francia, fece molte pressioni sulla corte papale di Avignone[3], sinché Clemente V, ritirò l'appoggio al progetto, che senza la sua approvazione fu tacitamente lasciato cadere[4].

Nelle intenzioni del padre Carlo avrebbe dovuto essere, nel 1315, a capo della spedizione militare da inviare in appoggio a Firenze ma, all'ultimo momento Roberto mutò la sua decisione e l'incarico passò al fratello del re, Filippo I di Taranto; la coalizione che comprendeva napoletani e fiorentini fu tuttavia sconfitta nella Battaglia di Montecatini, il 29 agosto.

Nel 1316 sposò Caterina (12951323), figlia di Alberto I d'Asburgo e, dopo la morte di questa, contrasse nuove nozze, l'11 gennaio 1324, con Maria di Valois (13091332), figlia di Carlo di Valois e di Mahaut de Saint-Pol, e sorella di Filippo di Valois, futuro re di Francia.

La vittoria di Castruccio Castracani ad Altopascio, il 23 settembre del 1325[5], portò i fiorentini sconfitti ad eleggere Carlo, Signore della città. Il 13 gennaio 1326 il duca accettò la nomina a signore di Firenze[6] per un periodo di dieci anni, ma vi restò solo dodici mesi; fu richiamato a Napoli nel 1327 a causa dell'avanzata di Ludovico il Bavaro in Italia.

Alla morte di Carlo, avvenuta improvvisamente l'11 novembre 1328[7], lasciò come erede la figlia Giovanna, che diventerà regina di Napoli.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Da Caterina ebbe una figlia:

  • Maria, nata nel 1322, morta all'età di 6 anni

Da Maria ebbe cinque figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il regno di Arles, che era stato incorporato nell'impero dall'imperatore Corrado il Salico, nel 1135 circa, si estendeva su un territorio, poi diviso tra contea di Provenza, contea di Forcalquier, marchesato di Provenza, ducato di Borgogna e una parte della Franca Contea
  2. ^ Nel 1257, il nonno di Roberto, Carlo I d'Angiò, aveva acquisito i diritti al trono del regno di Arles.
  3. ^ Filippo il Bello arrivò a far dire ai suoi ambasciatori che avrebbe ritenuto il papa il principale colpevole della indebita ricostituzione del regno di Arles.
  4. ^ Il regno di Arles, nel 1320, fu poi offerto al fratello di Filippo il Bello, Carlo di Valois, ma, Roberto il Saggio fu tra i più strenui oppositori al piano, per preservare i diritti al trono di Arles del figlio Carlo.
  5. ^ Nello stesso periodo i Bolognesi furono sconfitti dai ghibellini, a Zappolino, il 25 novembre
  6. ^ 13 gennaio 1326: Carlo di Calabria accetta la nomina a signore di Firenze « Storia di Firenze
  7. ^ Morì due mesi dopo che era morto il suo avversario, Castruccio Castracani, anche lui morto in giovane età.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edward Armstrong, L'Italia al tempo di Dante, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 235–296
  • Romolo Caggese, Italia, 1313-1414, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 296– 331
  • Paul Fournier, Il regno di Borgogna o di Arles dall'XI al XV secolo, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 383–410

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 95401701

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie