Andrea Parodi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cantautore, vedi Andrea Parodi (cantautore).
Andrea Parodi
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica etnica
Folk rock
Pop rock
Periodo di attività 1977-2006
Etichetta Storie di note
Gruppi Coro degli Angeli, Tazenda
Album pubblicati 20
Studio 15
Live 5
Gruppi e artisti correlati Tazenda, Coro degli Angeli, Gianni Morandi

Andrea Parodi (Porto Torres, 18 luglio 1955Quartu Sant'Elena, 17 ottobre 2006) è stato un cantante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Porto Torres in Sardegna da padre savonese e madre sarda, si diploma Allievo Capitano di Lungo Corso presso l'Istituto Tecnico Nautico della sua città natale, dove tornerà ad insegnare come docente di Marinaresca.

Insieme a Gino Marielli e Gigi Camedda dei Tazenda matura una lunga esperienza di 10 anni, fino all' Ottobre del 1987 nella band pop/rock del Coro degli Angeli, di Sassari, gruppo formato nel 1978 sotto il nome di Sole Nero, che nei primi anni ottanta collabora in studio e dal vivo con Gianni Morandi e con loro realizzerà ben tre album.

Tazenda[modifica | modifica wikitesto]

Proprio con Gino Marielli e Gigi Camedda, anche loro fuorusciti dal Coro degli Angeli, nel 1988 forma i Tazenda. Nel 1990 vincono il programma di Raiuno Gran Premio, condotto da Pippo Baudo. Sempre con i Tazenda partecipa negli anni novanta a due edizioni del Festival di Sanremo, dove il gruppo arriva quinto nel 1991 in coppia con Pierangelo Bertoli cantando Spunta la luna dal monte e ottavo nel 1992 con Pitzinnos in sa gherra; inoltre, al Festivalbar del 1992. Sempre nel 1991 i Tazenda vincono il Cantagiro (in coppia con Paola Turci) nella nuova edizione di Ezio auditore. Nel 1990 lui e i Tazenda collaborano con Fabrizio De André cantando come coristi nella canzone Monti di mola, dell'album Le nuvole.

Si impegna anche come regista, dirigendo i video dei Tazenda e alcuni documentari sulla Sardegna, oltre che come produttore di altri artisti sardi, come Marino de Rosas.

La carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 esce dai Tazenda per intraprendere la carriera solista. Tuttavia, il suo primo cd solista Abacada non riscuote un grande successo. Nonostante questo, proprio negli ultimi anni di vita raggiunge l'apice del suo successo collaborando con Noa e con Al Di Meola, con il quale pubblicherà un cd live. Con lo stesso Al Di Meola compie un tour europeo, segnando il tutto esaurito in quasi tutti i concerti. Il 28 giugno 2003 si è esibito, insieme al chitarrista Gianluca Corona, al Teatro Civico di Alghero in occasione del momento artistico-musicale all'interno della serata di cerimonia di premiazione del "Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo". Il 20 luglio 2005 partecipa al concerto-tributo a De André tenutosi all'anfiteatro di Cagliari, cantando Hotel Supramonte.

Il ritorno nei Tazenda[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 ritorna con i vecchi compagni dei Tazenda, ottenendo un nuovo successo di pubblico: 20.000 le presenze del concerto di Porto Torres (4 giugno 2006), più di 15.000 le presenze del concerto a La Maddalena il 20 agosto 2006. Tiene l'ultimo concerto il 22 settembre 2006, all'Anfiteatro Romano di Cagliari, con la partecipazione di molti amici, tra cui ancora una volta i Tazenda con cui aveva recentemente inciso il live Reunion. Questo concerto è stato inserito in un CD (12 tracce) e messo in vendita con il quotidiano L'Unione sarda. In quest'ultimo concerto sono lampanti i segni della malattia che poco meno di un mese dopo lo porterà alla morte.

L'ultimo suo lavoro è Rosa resolza, realizzato in collaborazione con Elena Ledda. Collaborazione professionale che corona un'amicizia e un rapporto umano. L'ultima canzone, Gracias a la vida (di Violeta Parra), è un'esecuzione live dal suo ultimo concerto del 22 settembre 2006 Undici Canzoni/Creazioni di forza e dolore.

Andrea Parodi muore dopo alcuni giorni di coma a Quartu Sant'Elena, il 17 ottobre 2006, del cancro di cui soffriva da circa due anni[1]. Numerose le manifestazioni e concerti furono dedicati all'artista dopo la sua scomparsa.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

« Spero che nel tempo anche le istituzioni sappiano essere all'altezza del grande bagaglio di cultura sarda che Andrea ha sapientemente divulgato in giro per il mondo »
(Piero Pelù)
« Buonasera. Io voglio dedicare questa canzone, con amore, al mio carissimo amico Andrea Parodi. La sua voce ha rappresentato per me la selvaggia bellezza misteriosa della Sardegna »
(Noa[2])
« La collaborazione e la scoperta di Andrea Parodi e questa combinazione di musicisti incredibili e sensibili della Sardegna hanno dimostrato di essere una delle esperienze musicali più appaganti della mia vita! Sono davvero onorato di far parte di questa esperienza incredibile! La voce inconfondibile di Andrea Parodi suscita emozioni che arrivano direttamente alle profondità dell'animo umano! A mio parere è una delle voci più importanti e originali del nostro tempo! Il mondo ha bisogno di sentire e vivere questa "Voce d'Oro"! Il concerto "Midsummer Night in Sardinia" del 2004 resterà nella mia memoria per sempre! È stato come un sogno! »
(Al Di Meola)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con il Coro degli Angeli[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Album dal vivo

Con i Tazenda[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Album dal vivo
Raccolte

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo sulla morte.
  2. ^ http://www.youtube.com/watch?v=OkzObWOdkOM=Dal sito youtube

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]