Alexi Stival

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cuca
Dati biografici
Nome Alexi Stival
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 178 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Shandong Luneng Shandong Luneng
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1984 Santa Cruz-RS Santa Cruz-RS 0 (0)[1]
1985-1986 Juventude Juventude 0 (0)[2]
1987-1990 Gremio Grêmio 48 (19)
1991 Internacional Internacional 13 (3)
1992 Gremio Grêmio 3 (3)
1992 Palmeiras Palmeiras 0 (0)
1993 Santos Santos 9 (2)
1994 Portuguesa Portuguesa 0 (0)[3]
1994 Remo Remo 13 (2)
1994-1995 Juventude Juventude 14 (1)
1995 Chapecoense Chapecoense 0 (0)[4]
Nazionale
1991 Brasile Brasile 1 (0)
Carriera da allenatore
1998 Uberlandia Uberlândia
1999 Avai Avaí
1999 Brasil Brasil
2000 Avai Avaí
2000 Inter de Limeira Inter de Limeira
2001 Remo Remo
2001 Inter de Lages Inter de Lages
2002 Gama Gama
2002 Criciuma Criciúma
2003 Parana Paraná
2003 Goias Goiás
2004 San Paolo San Paolo
2004 Gremio Grêmio
2005 Flamengo Flamengo
2005 Coritiba Coritiba
2005 Sao Caetano São Caetano
2006-2008 Botafogo Botafogo
2008 Santos Santos
2008 Fluminense Fluminense
2009 Flamengo Flamengo
2009-2010 Fluminense Fluminense
2010-2011 Cruzeiro Cruzeiro
2011-2013 Atletico Mineiro Atlético Mineiro
2014- Shandong Luneng Shandong Luneng
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 giugno 2010

Alexi Stival Beludo, detto Cuca (Curitiba, 7 giugno 1963), è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nel Santa Cruz del Rio Grande do Sul, con il quale ha messo a segno 4 gol nel Campionato Gaúcho, nel 1985 è passato al Juventude di Caxias do Sul. Nel 1987 ha fatto il salto di qualità, passando al Gremio di Porto Alegre. Nel 1991 dopo 48 presenze e 19 gol è passato ai rivali dell'Internacional; nel 1992 è ritornato al Gremio. Nello stesso anno, dopo 3 gol in altrettante partite, si è trasferito al Palmeiras di San Paolo. Nel 1993 è passato al Santos e, dopo 9 presenze e due gol, l'anno dopo è passato al Portuguesa, altra squadra di San Paolo dove in due partite ha segnato 2 gol nel Paulistão. Nello stesso anno è stato al Remo di Belém per poi tornare, dopo 13 partite e due gol, alla Juventude. Nel 1995, dopo 14 presenze e un gol, tha terminato la sua carriera da calciatore al Chapecoense con 2 gol nel Campionato Catarinense.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha giocato una partita per la Nazionale di calcio del Brasile, il 27 febbraio 1991, contro il Paraguay.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Cuca, dopo le prime esperienze in società minori (Uberlândia nel 1998, Brasil nel 1999, Avai nel 1999 e 2000, Inter de Limeira nel 2000, Remo e Inter de Lages nel 2001, Gama e Criciuma nel 2002 e Paranà nel 2003), si è messo in evidenza nel 2003 portando il Goiás dalla zona retrocessione alla Coppa Sudamericana 2004 nel corso del campionato. Così è stato chiamato alla guida del San Paolo che ha portato alla semifinale della Coppa Libertadores 2004, perdendo con l'Once Caldas, futura vincitrice, a causa di un gol all'ultimo minuto.

Botafogo[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 2006, Cuca è stato assunto dal Botafogo, che ha guidato fino alla qualificazione in Coppa Sudamericana. Nel 2007, grazie al calcio vivace che la squadra esprimeva, con giocatori come Dodô, Zé Roberto, Lúcio Flávio, Jorge Henrique e altri, il Botafogo venne soprannominato Carrossel Alvinegro, e vinse la Taça Rio ed è stata in testa al campionato di calcio brasiliano dalla 6ª alla 18ª giornata. Cuca è stato anche il primo allenatore a guidare la squadra nel nuovo stadio, l'Engenhão.
Il periodo alla guida del Fogão, però, è anche segnato da diverse sconfitte: il mancato successo nel Campionato Carioca 2007 contro il Flamengo ai rigori, l'eliminazione in semifinale di Copa do Brasil con il Figueirense e l'eliminazione, per mano del River Plate, negli ottavi di finale della Copa Sudamericana 2007, hanno causato un abbattimento del morale della squadra e le dimissioni dell'allenatore, che però dopo nove giorni, nel settembre 2007, è però ritornato.
Nel 2008, il rivoluzionato Botafogo di Cuca, che venne soprannominato time guerreiro (squadra guerriera), vinse la Copa Peregrino e la Taça Rio. Le sconfitte con il Flamengo in Taça Guanabara e in Copa do Brasil, con il Corinthians, fecero sì che Cuca abbandonasse la squadra definitivamente.

Santos[modifica | modifica sorgente]

Nel giugno 2008 Cuca è passato al Santos, club in cui aveva giocato 15 anni prima.[5]

In una situazione particolarmente delicata, il Santos perse 3 a 0 con il Figueirense, e il tecnico diede le dimissioni, che però ha ritirato dopo essersi chiarito con la dirigenza. Però, visto che la striscia di risultati negativi è continuata, dopo una sconfitta al Vila Belmiro contro l'Atlético Mineiro per 3 a 2 il tecnico ha lasciato la squadra.[6].

Fluminense e Flamengo[modifica | modifica sorgente]

È stato chiamato dalla Fluminense fino alla fine del 2009.[7] Visti i risultati ancora una volta negativi, il 2 ottobre Cuca è stato esonerato.[8]

Nel 2009 fha firmato per il Flamengo, vincendo la Taça Rio battendo in finale il Botafogo, sua ex squadra.

Fluminense e Cruzeiro[modifica | modifica sorgente]

È tornato così alla Fluminense il 1º settembre 2009 ma il 19 aprile 2010 è stato esonerato per il fallimento nel Campionato Carioca e così l'8 giugno è stato ingaggiato dal Cruzeiro con un contratto fino al dicembre del 2011. Nel maggio 2011, durante la partita contro l'Once Caldas valida per gli ottavi di finale di Coppa Libertadores, Cuca si macchia di un gesto antisportivo colpendo con una spallata in pieno volto un giocatore della squadra avversaria che recuperava un pallone a bordo campo[9].

Atletico Mineiro[modifica | modifica sorgente]

Chiusa l'esperienza con il Cruzeiro passa ad allenare l'Atletico Mineiro con cui si laurea campione del SudAmerica nel 2013 vincendo la Coppa Libertadores.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Grêmio: 1989
Grêmio: 1989, 1990
Internacional: 1991

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Botafogo: 2007, 2008
Flamengo: 2009

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

  • Coppa Libertadores: 1
Atletico Mineiro: 2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 4+ (4) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Gaúcho.
  2. ^ 13+ (15) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Gaúcho.
  3. ^ 2+ (2) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Paulista.
  4. ^ 2+ (2) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Catarinense.
  5. ^ (PT) Cuca retorna à Vila Belmiro após 15 anos in Globo Esporte. URL consultato il 2-5-2009.
  6. ^ (PT) Cuca não é mais técnico do Santos in Globo Esporte, 7 agosto 2008. URL consultato il 2-5-2009.
  7. ^ (PT) Fluminense confirma a contratação do técnico Cuca in Folha Online, 11 agosto 2008. URL consultato il 2-5-2009.
  8. ^ (PT) Cuca não é mais técnico do Flu in Globo Esporte, 2 ottobre 2008. URL consultato il 2-5-2009.
  9. ^ (PT) Libertadores, disastro Brasile Che rissa a Belo Horizonte in Gazzetta dello Sport, 5 maggio 2011. URL consultato il 5-5-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]