Estádio Olímpico João Havelange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stadio Olimpico João Havelange
Engenhão
Engenhão vista atrás do gol.jpg
Informazioni
Ubicazione Rio de Janeiro
Brasile Brasile
Inizio lavori 2003
Inaugurazione 2007
Costo 192 milioni di dollari o 380 milioni di reais brasiliani
Mat. del terreno Erba
Dim. del terreno 105 m × 68 m
Progetto Carlos Porto
Uso e beneficiari
Calcio Botafogo Botafogo
Capienza
Posti a sedere 45 000
 

L'Estádio Olímpico João Havelange è uno stadio di Rio de Janeiro, in Brasile. Lo stadio ospita le partite interne del Botafogo. Lo stadio ospiterà le gare di atletica delle Olimpiadi estive del 2016, prima volta in cui le gare di atletica si disputano in uno stadio diverso da quello dove si svolgono le cerimonie di apertura e chiusura dei giochi olimpici estivi. La capacità dello stadio sarà portata a 60 000 per i Giochi. Il 10 settembre 2008 il Brasile ha giocato per la prima volta nello stadio per la partita valida per le qualificazioni ai Mondiali 2010 contro la Bolivia finita in pareggio (0-0). Lo stadio è di proprietà della città di Rio de Janeiro, ma è stato affittato al Botafogo almeno fino al 2027. Prende il nome da João Havelange che è stato presidente della FIFA dal 1974 al 1998. Il costo dello stadio sarebbe dovuto essere di 30 milioni di dollari statunitensi (o 60 milioni di reais brasiliani). Lo stadio ha ospitato alcune partite di calcio dei XV Giochi Panamericani, ospitati a Río de Janeiro, in Brasile, nel 2007: dodici partite della prima fase degli uomini e i tornei di calcio femminile.

La chiusura[modifica | modifica sorgente]

Il 26 marzo 2013 l'impianto sportivo è stato chiuso per motivi di sicurezza. A seguito di un controllo, infatti, è stato rilevato come la copertura dello stadio possa crollare se sottoposto a venti a 63 km/h.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.corriere.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]