79360 Sila-Nunam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sila-Nunam
(79360 Sila-Nunam)
Scoperta 3 febbraio 1997
Scopritori Jun Chen, David Jewitt, Jane X. Luu, Chad Trujillo
Classificazione TNO, Cubewano
Designazioni
alternative
1997 CS29
Parametri orbitali
(all'epoca K118R)
Semiasse maggiore 6 562 050 540 km
43,8639742 UA
Perielio 6 498 759 568 km
43,4409062 UA
Afelio 6 625 341 513 km
44,2870422 UA
Periodo orbitale 106111,12 giorni
(290,52 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
2,24454°
Eccentricità 0,0096450
Longitudine del
nodo ascendente
304,35038°
Argom. del perielio 218,92307°
Anomalia media 329,66892°
Par. Tisserand (TJ) 5,921 (calcolato)
Dati osservativi
Magnitudine ass. 5,3

79360 Sila-Nunam è un asteroide cubewano. Scoperto nel 1997, presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 43,8639742 UA e da un'eccentricità di 0,0096450, inclinata di 2,24454° rispetto all'eclittica.

L'asteroide è dedicato alle divinità Inuit Silap Inua, signore del cielo, e Nunam, signora della terra.

Il 5 ottobre 2005, Denise C. Stephens e Keith S. Noll analizzando immagini del 22 ottobre 2002 riprese dal telescopio Hubble hanno individuato un satellite che ha ricevuto la designazione provvisoria di S/2005 (79360) 1. Il satellite ha un diametro di 290 km che è di poco inferiore a quello della componente principale per cui è stato stimato un diametro massimo di 400 km. Il satellite orbita ad una distanza di circa 2300 km, impiegando circa 6 giorni a completare una rivoluzione.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wm. Robert Johnston, (79360) 1997 CS29, 9 ottobre 2005. URL consultato il 1 agosto 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Asteroidi del sistema solare L'asteroide 951 Gaspra
Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare