Wyatt Crockett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wyatt Crockett
Wyatt Crockett August 2017.jpg
Crockett nel 2017 in una partita per la Nuova Zelanda
Dati biografici
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 193 cm
Peso 116 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Pilone
Squadra Canterbury
Franchigia Crusaders SANZAAR
Carriera
Attività provinciale
2005- Canterbury 67 (30)
Attività in franchise
2006- Crusaders 187 (50)
Attività da giocatore internazionale
2009- Nuova Zelanda Nuova Zelanda 71 (10)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2015

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 22 dicembre 2017

Wyatt William Vogels Crockett (Christchurch, 24 gennaio 1983) è un rugbista a 15 neozelandese, pilone della squadra provinciale di Canterbury in ITM Cup e della franchise dei Crusaders in Super Rugby, campione del mondo 2015 con gli All Blacks.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente dalla Otago Boys High School di Dunedin, Crockett debuttò in ITM Cup nel 2005 nelle file della provincia di Canterbury contro Marlborough[1]; nel 2006 esordì anche in Super Rugby nelle file del Crusaders contro gli Highlanders[1], vincendo subito il torneo alla sua prima stagione.

A giugno 2009 debuttò negli All Blacks contro l'Italia[2], vittoria per 27-6 a Christchurch; al 2014 sono 36 gli incontri internazionali, con la presenza in 4 tornei del Championship, il primo nel 2011.

Nel 2015 fu convocato nella rosa neozelandese alla Coppa del Mondo in Inghilterra, con la quale si laureò campione.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) 2014 Squad Naming (PDF), Canterbury Rugby Football Union. URL consultato il 30 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2015).
  2. ^ (EN) Hayden Meikle, Boys to men - first among the OBHS First XV, in Otago Daily Times, 13 giugno 2009. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2009).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]