Tram ATAC: motrici bassotte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tram ATAC serie 2500
poi ATM
Vettura tranviaria a carrelli
La 2501 in prova (1948) in p.za V Giornate, a Milano[1]
La 2501 in prova (1948) in p.za V Giornate, a Milano[1]
Anni di costruzione 1948
Anni di esercizio 19481951 (Roma)
19521966 (Milano)
Quantità prodotta 2
Costruttore Caproni
Lunghezza 12 840 mm
Capacità 29 posti a sedere
91 posti in piedi
Scartamento 1 445 mm
Interperno 6 740 mm
Passo dei carrelli 1 800 mm (anteriore
1 600 mm (posteriore)
Massa vuoto 10,7 t
Rodiggio Bo' 2
Velocità massima omologata 52 km/h
Tipo di motore TIBB GLM 1242
Dati tratti da:
Tram e tramvie a Milano, p.124

Le vetture tranviarie serie 2500 dell'ATAC di Roma erano due vetture sperimentali a pianale ribassato, costruite dalla Caproni di Milano nel 1948.

Numerate 2501 e 2503, furono in servizio fino al 1951 sulla rete tranviaria di Roma, in seguito acquistate dall'ATM di Milano, che le immise in servizio dotandole di perteghetta al posto dell'archetto in uso a Roma.

Poiché tendevano a sviare, a causa delle ruote posteriori di piccolo diametro e indipendenti, vennero utilizzate saltuariamente. Nel 1966 vennero radiate definitivamente, venendo demolite dopo un breve periodo di accantonamento al Deposito Borgazzi di Monza.

Erano state soprannominate le bassotte.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si noti infatti la matricola anteriore, del tutto diversa dai caratteri normalmente utilizzati da ATM, visibili invece nelle immagini successive al ritorno a Milano della vettura, avvenuto nel 1952.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Blasimme, Motrici tranviarie ultraleggere ad aderenza parziale, in Italmodel Ferrovie, nº 174, marzo-aprile 1974, pp. 6023-6024.
  • Giovanni Cornolò e Giuseppe Severi, Tram e tramvie a Milano 1840-1987, Milano, Azienda Trasporti Municipali, 1987, pp. 114-116.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]