Tram STFER serie 400

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tram STFER serie 400
Vettura tranviaria articolata a due casse
Vettura 404, conservata a Porta San Paolo
Vettura 404, conservata a Porta San Paolo
Anni di costruzione 1938 (prototipo)
1941 (serie)
Anni di esercizio 1941-1980
Quantità prodotta 12
Costruttore OMS (parte meccanica)
TIBB (parte elettrica)
Lunghezza 19 640 mm
Scartamento 1 445 mm
Passo dei carrelli 1 650 mm
Rodiggio Bo+2+Bo
Potenza continuativa 4 × 58 CV
Tipo di motore TIBB GDTM 1303
Dati tratti da:
Rotabili per servizio urbano, 1935-1980, tramroma.com. URL consultato il 12 ottobre 2015.

Le vetture tranviarie serie 400 della STFER[1] di Roma erano una serie di vetture tranviarie articolate, progettate per l'esercizio sulle tratte urbane (Termini-Capannelle e Termini-Cinecittà) delle tranvie dei Castelli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La vettura 401 salvata dalla demolizione in una foto nel 1992

Nel 1938, le Officine Meccaniche della Stanga di Padova costruirono per la STFER un prototipo di vettura tranviaria articolata, numerata 401, che rappresentò la prima applicazione al mondo della cosiddetta "giostra Urbinati" per il collegamento fra le due semicasse. Una vettura molto simile, la 7001, fu consegnata due anni dopo all'ATAG, esercente le tranvie urbane, e nel dopoguerra ne sarebbero derivate le vetture "Stanga".

Visti i buoni risultati ottenuti con il prototipo 401, la STEFER ordinò 11 unità di serie, che furono consegnate nel 1941 e numerate da 402 a 412.

Le vetture furono poste in servizio sulle tratte urbane (Termini-Capannelle e Termini-Cinecittà) della rete sociale e, a partire dal 1952, vennero affiancate dalle più moderne vetture della serie 500.

Nel 1980, alla chiusura dell'ultima tratta sostituita dalla linea A della metropolitana, le vetture furono accantonate.

Attualmente sopravvivono la vettura prototipo n. 401, in restauro presso l'ATTS di Torino e la vettura di serie n. 404, preservata presso il Museo di Porta San Paolo, a Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal 1941 denominata STEFER.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]