Tram ATAC: motrici PCC

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tram ATAC serie 8000
Vettura tranviaria a carrelli
Vettura 8033 in livrea arancio ministeriale
Vettura 8033 in livrea arancio ministeriale
Anni di costruzione 1957-1958
Anni di esercizio 1957-2001
Quantità prodotta 22
Costruttore OM
Lunghezza 14 740 mm
Altezza 3 200 mm
Capacità 134 (21 a sedere)
Scartamento 1 445 mm
Interperno 7 100 mm
Passo dei carrelli 1 900 mm
Massa in servizio 27,8 t
Massa vuoto 16,8 t
Diametro ruote motrici 680 mm
Potenza continuativa 40,5 kW
Velocità massima omologata 50 km/h
Alimentazione 600 V cc
Tipo di motore CGE CV1135-A
Dati tratti da:
tramroma.com.
Una vettura in livrea verde "Roma 71"

Le vetture tranviarie serie 8000 dell'ATAC di Roma erano una serie di vetture tranviarie entrate in servizio sulla rete tranviaria cittadina nel 195758.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le vetture furono costruite in 20 esemplari, numerati da 8001 a 8039[1], dalla OM di Milano. Inizialmente si prevedeva di costruire un numero maggiore di unità, ma la decisione fu rivista in seguito alla riduzione della rete dovuta alle Olimpiadi del 1960.

Le vetture serie 8000 furono soprannominate "all electric" per l'assenza di impianto pneumatico, o anche "tipo PCC", per la somiglianza con le note vetture americane.

Nel 1982 pervennero all'ATAC due vetture della serie 5400 dell'ATM di Milano, concettualmente identiche alle 8000, che dopo la ricostruzione delle casse furono incluse nella serie, con numeri 8041 e 8043.

Le vetture serie 8000 furono infine accantonate nel 2001.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sulla rete tranviaria di Roma le vetture sono numerate con soli numeri dispari, essendo i pari riservati alle rimorchiate.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]