Tommy Lister

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tommy Lister
Tiny Lister 2010.jpg
Tom Lister Jr. nel 2010
NomeThomas Duane Lister Jr.
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
Luogo nascitaPine Bluff, Arkansas
24 giugno 1958
MorteMarina del Rey
10 dicembre 2020
Ring nameZeus
Z-Gangsta
Ze Gangsta
Residenza dichiarataMarina del Rey, California
Altezza dichiarata196 cm
Peso dichiarato140 kg
Debutto1989
Ritiro1996
Progetto Wrestling

Tommy "Tiny" Lister, nome d'arte di Thomas Duane Lister Jr. (Compton, 24 giugno 1958Marina del Rey, 10 dicembre 2020[1]), è stato un attore e wrestler statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore caratterista, impegnato spesso nel ruolo del cattivo, da giovane fu un wrestler professionista. Era alto 1,96 m e cieco dall'occhio destro visibilmente strabico.

Carriera nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

World Wrestling Federation (1989)[modifica | modifica wikitesto]

Lister recitò nel film del 1989 Senza esclusione di colpi, che era stato finanziato dalla World Wrestling Federation (WWF) e aveva come protagonista Hulk Hogan. Il ruolo di Lister era quello di Zeus, un brutale "Monster heel".

Senza esclusione di colpi ispirò un feud in WWF durante la seconda metà del 1989. Lister fu introdotto come "Zeus: The Human Wrecking Machine",[2] e utilizzò lo stesso personaggio del film. Zeus urlava "aw aw" e si batteva il petto durante le interviste e i match, e qualche volta sbagliava la pronuncia del nome degli avversari, come quando, riferendosi a Brutus "The Barber" Beefcake, lo chiamò "Beefcake Barber".

Alla fine, Zeus volle affrontare Hogan sul ring. Citando come motivazione il fatto che era geloso della popolarità di Hogan e la rabbia per essere stato da lui sconfitto nel film, Zeus chiedeva ora la sua propria vendetta personale nella "vita reale". Zeus si alleò con "Macho Man" Randy Savage, all'epoca altro rivale di Hulk, ed iniziò una rivalità con lui e il suo migliore amico, Brutus Beefcake. Le due coppie si affrontarono a SummerSlam 1989 in un tag team match che vide vincitori Hogan & Beefcake, quando Hogan schienò Zeus.

Dopo SummerSlam, Zeus formò un'altra alleanza con "The Million Dollar Man" Ted DiBiase che portò fino alle Survivor Series. All'evento, il team degli Hulkamaniacs (Hulk Hogan, Jake "The Snake" Roberts e Demolition) affrontò The Million Dollar Team (Ted DiBiase, Zeus & Powers of Pain). Zeus fu eliminato dal match per squalifica.[2] The Hulkamaniacs vinsero il match.

Dopo Survivor Series, il feud tra Hulk Hogan & Brutus Beefcake contro Randy Savage & Zeus ebbe la sua conclusione il 27 dicembre 1989 nel corso di uno Steel cage match disputatosi all'evento No Holds Barred: The Match/The Movie. Hogan & Beefcake sconfissero ancora una volta gli avversari in quello che si sarebbe rivelato essere l'ultimo match di Zeus in WWF.

World Wrestling Council (1990)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il feud con Hogan, Zeus continuò a lottare in maniera sporadica, principalmente nella World Wrestling Council di Porto Rico, dove affrontò Abdullah the Butcher.[3]

World Championship Wrestling (1996)[modifica | modifica wikitesto]

Per breve tempo, Lister lottò anche nella World Championship Wrestling (WCW) con il ring name Z-Gangsta, come membro della stable heel The Alliance to End Hulkamania nel marzo 1996. Poco tempo dopo si ritirò definitivamente dal ring per dedicarsi alla carriera di attore.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

È deceduto nel 2020 all'età di 62 anni, negli ultimi giorni mostrava sintomi di COVID-19.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Tommy Lister Jr. nel 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tommy 'Tiny' Lister, who played Deebo in 'Friday,' dies, su abcnews.go.com. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  2. ^ a b Zeus' WWE alumni profile, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 giugno 2012.
  3. ^ Filmato audio Zeus vs Abdullah The Butcher, WWC 1990, su YouTube.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21730192 · ISNI (EN0000 0000 4310 0862 · LCCN (ENno95048426 · GND (DE14398604X · WorldCat Identities (ENlccn-no95048426