Thomas Hoepker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Höpker (2009)

Thomas Hoepker (in tedesco Thomas Höpker) (Monaco di Baviera, 10 giugno 1936) è un fotografo e fotoreporter tedesco, membro di Magnum Photos. È noto per le eleganti funzionalità fotografiche a colori. Ha documentato anche la distruzione del World Trade Center dell'11 settembre[1]. Hoepker originariamente si è fatto un nome negli anni '60 come fotoreporter con il desiderio di fotografare le condizioni umane[2].

Vita e lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a scattare foto quando a 16 anni ricevette una vecchia macchina fotografica in vetro 9x12 da suo nonno. Sviluppò le sue stampe nella cucina e nel bagno della sua famiglia e iniziò a guadagnare un po di soldi vendendo foto ad amici e compagni di classe. Hoepker ha studiato storia dell'arte e archeologia dal 1956 al 1959 a Gottinga, a Monaco, in Germania, dove gli fu insegnato come comprendere immagini e composizione. Mentre a scuola continuò a fotografare e vendere immagini per aiutare a finanziare la sua istruzione[3].

Dal 1960 al 1963 ha lavorato come fotografo per Münchner Illustrierte e Kristall, riferendo da tutto il mondo. Poi, nel 1964, iniziò a lavorare come fotoreporter per Stern . Negli anni '70 ha anche lavorato come cameraman per la TV tedesca, realizzando film documentari. Nel 1976 lui e sua moglie, la giornalista Eva Windmoeller, si trasferirono a New York come corrispondenti per Stern. Dal 1978 al 1981 è stato direttore della fotografia per American Geo. Dal 1987 al 1989 Hoepker si stabilì ad Amburgo, lavorando come art director per Stern[4].

Magnum Photos iniziò a distribuire le fotografie di Hoepker nel 1964. È diventato membro a pieno titolo nel 1989. Ha ricoperto l'incarico di Presidente Magnum dal 2003 al 2006[5].

Per gran parte della sua carriera, Hoepker ha usato le fotocamere Leica. Negli anni '70 iniziò a utilizzare anche le fotocamere reflex a obiettivo singolo insieme alla sua Leica, usandola per scatti grandangolari e fotocamere Nikon o Canon con obiettivi zoom. Nel 2002 ha iniziato a utilizzare le reflex digitali[6].

Hoepker vive a New York City con la sua seconda moglie Christine Kruchen, con la quale realizza documentari televisivi.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Jugend in dieser Zeit, Steingrüben, Germania, 1957
  • Finlandia, Terra Magica, Germania, 1960
  • Lebendiges Kiel, Presseamt der Stadt Kiel, Germania, 1963
  • Yatun papa. Padre degli indiani. Dr. Theodor Binder, Kosmos, Germania, 1963
  • Horst Janssen, ritratti dell'artista, Galerie Brockstedt, Germania, 1967
  • Die Iren und ihre Lieder, (Gli irlandesi e le loro canzoni), Germania, 1974
  • Berliner Wände, C. Hanser, Germania, 1976
  • Heinz Mack, Expedition in künstliche Gärten. Art in Desert and Ice, Sternbuch, Germania, 1977
  • Vienna, Libri Time / Life, Olanda, 1978
  • Thomas Höpker (I Grandi Fotografi), Rizzoli, Italia, 1983
  • Die New York-Story, GEO Buch, Germania, 1983
  • Adesso! Überdosis New York / HA Schult., Germania, 1984
  • Der Wahn vom Weltreich: ex colonie tedesche, Sternbuch, Germania, 1984
  • Ansichten.Fotos von 1960 bis 1985, Braus, Heidelberg, Germany, 1985
  • Leben in der DDR. Vita nella Germania orientale, Sternbuch, Germania, 1985
  • Amerika: storia della scoperta dalla Florida al Canada, Germania, 1986
  • HA Schult, New York, Berlino, Germania, 1986
  • Newyorkese: 50 ritratti insoliti, Stemmle, Sciaffusa, Germania, 1987
  • Roma, Hofmann & Campe, Germania, 1988
  • HA Schult, Fetisch Auto, Germania, 1989
  • Land of Enchantment, New Mexico, Philip-Morris books, Germany, 1991
  • Il ritorno dei Maya: il Guatemala. A Tale of Survival, Henry Holt, USA, 1998. ISBN   978-1-899235-81-0
  • Thomas Hoepker, Photographien 1955-2005, Schirmer & Mosel, Germania, 2005. ISBN 978-3-8296-0219-8
  • Champ, Berlino: Peperoni, 2012. ISBN 978-3941825338
  • Thomas Hoepker, New York, TeNeues, Germania, 2013. ISBN 978-3-8327-9712-6
  • Heartland. Berlino: Peperoni, 2013. ISBN 9783941825451
  • Big Champ. Berlino: Peperoni, 2015.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Village Arabati (1973)
  • Death in a Cornfield (1998)
  • Robinson Crusoe Island (2000)
  • Isola di Pasqua (2003)
  • Ice-cold Splendor (2005)

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1967: 3rd Place Award for Photo Stories, World Press Photo, Amsterdam[7]
  • 1977: 1st Place Award for Art and Sciences, World Press Photo, Amsterdam[8]
  • Leica Hall of Fame Induction, Leica Awards[9]

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Kunst und Gewerbe Museum, Amburgo, Germania, 1965
  • Rizzoli Gallery, New York e Rizzoli Gallery, Washington DC, 1976
  • Retrospettiva, 25 città in Germania, 1985-1987
  • Maya Kunsthalle Colonia, Colonia, Germania, 1994
  • Retrospettiva, Claus Tebbe Gallery, Colonia, Germania, 1995
  • Photographien 1955-2005, Photomuseum, Monaco, Germania, 2006
  • Heartland, Leica Gallery Praga, Praga, Germania, 2014 [10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ APIPAR NORAPOOMPIPAT, The Hovering Eye, su Bangkok Post. URL consultato il 22 January 2019.
  2. ^ Geoffrey Eu, Thomas Hoepker, su Business Times. URL consultato il 21 December 2018.
  3. ^ Interview with Hewlett-Packard-HP, su h30418.www3.hp.com.
  4. ^ Magnum Photos Home, su www.magnumphotos.com.
  5. ^ Interview: Thomas Hoepker on 60 Years of Photojournalism, su American Photo Magazine. URL consultato il September 2, 2014.
  6. ^ Leica M8 Experience, su www.outbackphoto.com.
  7. ^ 1967 Thomas Hoepker GNS3-CF, su World Press Photo.
  8. ^ 1977 Thomas Hoepker AE1, su World Press Photo Organization.
  9. ^ Leica Hall of Fame, su Leica.
  10. ^ Thomas Hoepker Heartland, su Leica Gallery Prague. URL consultato il 15 April 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73945725 · ISNI (EN0000 0001 1574 5783 · LCCN (ENn85016118 · GND (DE118631063 · BNF (FRcb124385211 (data) · ULAN (EN500345684 · NDL (ENJA00443731 · WorldCat Identities (ENn85-016118