Wayne Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wayne F. Miller: Amm. Lord Louis Mountbatten, RN, si rivolge al personale a bordo della USS Saratoga (CV-3) a Trincomalee, Ceylon

Wayne Forest Miller (Chicago, 19 settembre 1918Orinda, 22 maggio 2013) è stato un fotografo statunitense, noto per la sua serie di fotografie The Way of Life of the Northern Negro. Attivo come fotografo dal 1942 al 1975, ha collaborato con Magnum Photos a partire dal 1958.

Primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Foto di Wayne F. Miller del novembre 1943 che ritrae un aviatore ferito mentre viene estratto dal suo aereo, un Grumman TBF.

Miller nacque in Chicago, Illinois, figlio di un medico e di un'infermiera, che gli donò una macchina fotografica come regalo per il diploma di scuola superiore[1]. Continuò a studiare da bancario all'Università dell'Illinois a Urbana, lavorando anche come fotografo. Dal 1941 al 1942 studiò alla Art Center School di Los Angeles. Poi si arruolò come tenente nella Marina degli Stati Uniti, dove fu assegnato all'unità fotografica di Edward Steichen nella Seconda Guerra Mondiale. Fu tra i primi fotografi occidentali a documentare la distruzione di Hiroshima.

Chicago[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la guerra si trasferì a Chicago. Vinse due Guggenheim Fellowship consecutive nel 1946-1948, lavorando a The Way of Life of the Northern Negro. Quelle immagini furono pubblicate nel suo libro South Side di Chicago, 1946-1948. Quel progetto documentò la migrazione in tempo di guerra degli afroamericani verso nord, in particolare guardando la comunità nera sul lato sud di Chicago, coprendo tutte le emozioni della vita quotidiana. Le persone rappresentate erano per lo più persone normali, ma compaiono alcune celebrità, come Lena Horne, Ella Fitzgerald, Duke Ellington e Paul Robeson.

Pubblicazioni e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Miller insegnò all'Institute of Design di Chicago prima di commissionare una casa moderna per la sua famiglia in crescita all'architetto Mario Corbett[2] a Orinda, in California, nel 1953. Fu fotografo freelance per Life e con sua moglie Joan[3] lavorò anche con Edward Steichen come curatore associato per la mostra The Family of Man[4] e il libro di accompagnamento[5] che aprì al Museum of Modern Art di New York nel 1955. Steichen selezionò otto fotografie di Miller, comprese due sulla nascita di suo figlio, per lo spettacolo che girò il mondo e fu visto da oltre 9 milioni di visitatori.

Miller ha fornì le fotografie per A Baby's First Year (1956) con Benjamin Spock e John B. Reinhart. Intraprendendo un progetto triennale ispirato a La famiglia dell'uomo, fotografò intensamente la sua famiglia. Il libro risultante The World is Young fu pubblicato nel 1958 ed apparì come un saggio di 10 pagine in LIFE (13 ottobre 1958)[6].

Contributo alla professione[modifica | modifica wikitesto]

Miller è stato fotografo a contratto per Life e ricoprì la carica di presidente di Magnum Photos dal 1962 al 1966. Fu a lungo membro dell'American Society of Magazine Photographers e fu nominato presidente nel 1954.

Nel 2000 Miller fu insignito della Missouri Honor Medal per il Distinguished Service in Journalism, Missouri School of Journalism, University of Missouri[7].

Ambientalista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 Miller entrò a far parte della Corporation for Public Broadcasting come direttore esecutivo del Public Broadcasting Environmental Center. Dopo il suo ritiro dalla fotografia nel 1975, ha co-fondato l'organizzazione Forest Landowners of California e lavorò per proteggere le foreste della California, in particolare combattendo le leggi fiscali che incoraggiavano l'abbattimento delle sequoie.

Morte ed eredità[modifica | modifica wikitesto]

Miller morì il 22 maggio 2013, nella sua casa di Orinda, in California, all'età di 94 anni, sopravvissuto alla moglie di 70 anni, l'ex Joan Baker (21 gennaio 1921 - 7 marzo 2014), e ai figli Jeanette Miller, David Miller, Dana Blencowe e Peter Miller[8][9]. Il Wayne Miller Archive si tiene presso il Center for Creative Photography (Università dell'Arizona).

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il primo anno di un bambino. New York: Duell, Sloan e Pearce, 1956. Con testo di Benjamin Spock e John B. Reinhart.
  • Il mondo è giovane. New York: Ridge Press, 1958.
  • South Side di Chicago: – Berkeley: University of California Press, 2000. ISBN   978-0-520-22316-5 .
  • A Facilità: Navy Men of World War II . New York: Harry N. Abrams, 2004. ISBN 978-0-8109-4805-1 di Evan Bachner. Con il lavoro di Miller, Horace Bristol, Victor Jorgensen e Barrett Gallagher.
  • Fotografie di Chicago: LaSalle Bank Photography Collection. Chicago, Illinois: LaSalle Bank, 2004. ISBN 0-9702452-3-8 di Carol Ehlers. Include lavori di Miller.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Yardley, Wayne Miller, 94, Photographer of War and Peace, Dies, in The New York Times, 26 May 2013. URL consultato il 28 May 2013.
  2. ^ Hess, Alan & Weintraub, Alan (2007). Forgotten modern : California houses 1940-1970 (1st ed). Gibbs Smith ; Enfield : Publishers Group UK [distributor], Salt Lake City, Utah pps. 73-84
  3. ^ 1st, ISBN 978-0-8263-1558-8.
  4. ^ Hirsch, Marianne (1997). Family frames : photography, narrative, and postmemory. Harvard University Press, Cambridge, Mass.
  5. ^ Steichen, Edward, Steichen, Edward, 1879-1973, (organizer) e Sandburg, Carl, 1878-1967, (writer of foreword), The family of man: the photographic exhibition, Published for the Museum of Modern Art by Simon and Schuster in collaboration with the Maco Magazine Corporation.
  6. ^ Sean O'Hagan, Wayne Miller obituary | Art and design | guardian.co.uk, London, Guardian, May 31, 2013. URL consultato il 31 maggio 2013.
  7. ^ Missouri Honor Medal Winners: Individuals, Missouri School of Journalism. URL consultato il 16 November 2015.
  8. ^ Schudel, Matt. "Wayne F. Miller, photographer, dies at 94." Washington, D.C.: The Washington Post, May 25, 2013.
  9. ^ Magnum News Wayne Miller (1918-2013), Magnumphotos.com. URL consultato il 23 maggio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luce, Ken. "Wayne Miller: World War II and The Family of Man". In Ken Light, testimone nel nostro tempo: vite di lavoro di fotografi documentaristi. Washington, DC: Smithsonian Institution Press, 2000. ISBN 1-56098-923-8; ISBN 1-56098-948-3
  • Wayne F. Miller: Photographs 1942-1958. Brooklyn, New York: Powerhouse Books, 2008. ISBN 978-1-57687-462-2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37822183 · ISNI (EN0000 0001 1758 723X · LCCN (ENn00021308 · GND (DE123303214 · BNF (FRcb14964575r (data) · NDL (ENJA00731855 · WorldCat Identities (ENn00-021308