Gottinga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gottinga
Città
(DE) Göttingen
Gottinga – Stemma
Gottinga – Veduta
Dati amministrativi
Stato Germania Germania
Land Flag of Lower Saxony.svg Bassa Sassonia
Distretto gov. Non presente
Circondario Gottinga
Territorio
Coordinate 51°32′N 9°56′E / 51.533333°N 9.933333°E51.533333; 9.933333 (Gottinga)Coordinate: 51°32′N 9°56′E / 51.533333°N 9.933333°E51.533333; 9.933333 (Gottinga)
Altitudine 150 m s.l.m.
Superficie 117 km²
Abitanti 121 364 (31-12-2011)
Densità 1 037,3 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 37001-37099
Prefisso 0551
Fuso orario UTC+1
Codice Destatis 03 1 52 012
Targa
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Germania
Gottinga
Gottinga – Mappa
Sito istituzionale

Gottinga, in tedesco Göttingen /'gœtɪŋən/, è una città della Bassa Sassonia, in Germania, è capoluogo del circondario rurale omonimo. La città è bagnata dalle acque del Leine. La sua popolazione nel 2011 era di 121.364 abitanti.

Informazioni generali[modifica | modifica sorgente]

Le origini di Gottinga sono da ricercare in un antico villaggio chiamato Gutingi. Questo villaggio è menzionato per la prima volta in un documento del 953. La città vera e propria viene fondata tra il 1150 e il 1200 a nord-ovest del sopracitato Gutingi. Nel medioevo la città è stata membro della Lega Anseatica, arricchendosi molto.

Oggi Gottinga è famosa per la sua università, l'Università Georg-August di Gottinga fondata nel 1737 e tuttora una delle più frequentate università d'Europa. Nel 1837 sette professori protestarono contro la Monarchia assoluta degli Hannover; gli insegnanti persero il loro lavoro ma vennero in seguito ricordati per sempre come i Sette di Gottinga. A Gottinga hanno studiato molte celebrità: i Fratelli Grimm, Heinrich Ewald, Wilhelm Weber, Robert Bunsen, Georg Gervinus e il cancelliere Otto von Bismarck. In tempi più recenti anche Jürgen Habermas e Gerhard Schröder sono stati studenti dell'università di Gottinga. Karl Barth ha avuto il suo primo incarico da professore qui e inoltre molti famosi matematici, quali Carl Friedrich Gauss, Bernhard Riemann e David Hilbert sono stati professori qui, oltre al fisico Friedrich Hund. A Gottinga morì Max Planck. Come molte altre città universitarie, anche Gottinga ha sviluppato un proprio folklore e dei rituali tipici. Il giorno del conseguimento del dottorato di ricerca ad esempio, i neo-Doktoren vengono disegnati su grandi fogli di carta in uno spazio che va dall'aula magna alla fontana del Gänseliesel, di fronte al vecchio municipio. Qui devono arrampicarsi sulla fontana e baciare la statua della Gänseliesel (la Lisetta delle oche). Questa pratica è proibita per legge, ma la legge non è mai stata fatta rispettare. È considerata come la ragazza più baciata al mondo.

A Gottinga sorge il monumento commemorativo della Notte dei cristalli, il pogrom condotto dai nazisti nella notte tra il 9 e 10 novembre 1938 in Germania, Austria e Cecoslovacchia. Il monumento è opera dell'artista Corrado Cagli, che lo realizzò componendo centinaia di stelle di Davide.

Gottinga in musica[modifica | modifica sorgente]

A Gottinga è dedicato il brano musicale Göttingen, un classico della chanson française, reso celebre dalla cantante Barbara (al secolo Monique Serf) e successivamente reinterpretato da molte cantanti fra cui Carla Bruni e Lara Fabian. La cantante Patricia Kaas cita le rose di Göttingen, già citate anche nel brano di Barbara, nella canzone D'Allemagne.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Goettingen panorama.jpg

Magnify-clip.png
Panorama del centro di Gottinga

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


Stemma del circondario di Gottinga Città e comuni del circondario di Gottinga Stemma della Bassa Sassonia

Città:   Dransfeld · Duderstadt · Gottinga · Hann. Münden
Comuni:   Adelebsen · Bilshausen · Bodensee · Bovenden · Bühren · Ebergötzen · Friedland · Gieboldehausen · Gleichen · Jühnde · Krebeck · Landolfshausen · Niemetal · Obernfeld · Rhumspringe · Rollshausen · Rosdorf · Rüdershausen · Scheden · Seeburg · Seulingen · Staufenberg · Waake · Wollbrandshausen · Wollershausen ·

Germania Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania