Martin Parr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martin Parr a Rennes, 2010

Martin Parr (Epsom, 23 maggio 1952) è un fotoreporter britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1970 al 1973 Martin Parr studia Fotografia presso il Manchester Polytechnic. Da allora ha lavorato a numerosi progetti fotografici, criticando la società moderna, il consumismo, il cibo e il turismo.

Nonostante gli inizi come fotografo in bianco e nero, inizia nel 1984 a lavorare a colori, suo punto di forza. Infatti, l'uso di foto dai colori molto saturi che enfatizzano il lato buffo e umoristico nei suoi lavori, sono ormai un marchio di fabbrica. Nel 1994 diventa fotografo dell'agenzia Magnum Photos. Nella sua carriera vi è anche una parentesi musicale: la direzione del videoclip musicale London dei Pet Shop Boys nel 2003.

Dal 2004 al 2012 è stato professore presso l'Università del Galles.

Libri fotografici[modifica | modifica wikitesto]

  • Home Sweet Home, New York, 1974
  • Bad Weather, Londra, 1982
  • A Fair Day. Photographs fron the West of Ireland, Wallasey, 1984
  • The Last Resort, Stochport, 1998, (anche 2009)
  • The Cost of Living, Manchester, 1989
  • Signs of Times, Manchester, 1992
  • Bored Couples, Parigi, 1993, (catalogo della mostra)
  • Home of Abroad, Londra, 1993
  • Small World, Stochport, 1995, (anche 2007)
  • West Bay, Londra 1997
  • Benidorm, Hannover 1999, (catalogo della mostra)
  • Common Sense, Stochport, 1999
  • Sguardi gardesani, Milano, 1999, (catalogo della mostra)
  • Think of England, Londra, 2000
  • Martin Parr, Londra, 2002 (anche in italiano, Contrasto, Roma)
  • Martin Parr con le poesie degli alunni dell'École Vitruve di Parigi, Bonsecours, 2005
  • Tutto Roma, Roma, 2006
  • Parr by Parr, 2010, in Gran Bretagna, Francia ed Italia
  • Up and Down Peachtree. Photographs do Atlanta, Roma, 2012
  • Real Food, Londra, 2016

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56665622 · ISNI (EN0000 0001 2134 1697 · LCCN (ENn83149025 · GND (DE119299011 · BNF (FRcb12246267w (data) · ULAN (EN500029893 · NLA (EN35086358 · NDL (ENJA001138529 · WorldCat Identities (ENn83-149025