Peter van Agtmael

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Peter van Agtmael (Washington, 1981) è un fotografo documentarista statunitense. Dal 2006 si è concentrato sulle guerre in Iraq e in Afghanistan e sulle loro conseguenze negli Stati Uniti[1][2][3][4][5]. È membro di Magnum Photos[6].

I saggi fotografici di Van Agtmael sono stati pubblicati su The New York Times Magazine[7][8], Time[9][10], The New Yorker[11] e The Guardian[12]. Ha pubblicato tre libri[13][14][15], il primo fu "secondo tour, Hope I Don't Die", fu pubblicato da Photolucida come premio per aver vinto il Critical Mass Book Award[16][17]. Ha ricevuto un W. Eugene Smith Grant dal W. Eugene Smith Memorial Fund[18] per completare il suo secondo libro, "Disco Night l'11 settembre". Il terzo, "Buzzing at the Sill", fu pubblicato da Kehrer Verlag nel 2016[19]. Ha ricevuto due riconoscimenti dal World Press Photo[20][21], l'Infinity Award for Young Photographer dell'International Center of Photography[22] e una sovvenzione dal Pulitzer Center on Crisis Reporting[23].

Vita e lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Van Agtmael è nato a Washington DC[24] ed è cresciuto a Bethesda, nel Maryland[25]. Ha studiato storia a Yale, laureandosi nel 2003. È diventato membro nominato di Magnum Photos nel 2008, membro associato nel 2011 e membro a pieno titolo nel 2013[6][26][27].

Dopo la laurea ha ricevuto una borsa di studio per vivere in Cina per un anno e documentare le conseguenze della Diga delle Tre Gole[28]. Ha fotografato i rifugiati in Sudafrica positivi all'HIV[3]; lo tsunami asiatico nel 2005; gli aiuti umanitari dopo gli effetti dell'uragano Katrina su New Orleans nel 2005 e dopo il terremoto di Haiti del 2010[29], le riprese sul posto, della prima stagione della serie TV Treme New Orleans nel 2010[12]; il disastro ambientale della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon nel 2010[9], l'uragano Sandy nel 2012 e le sue conseguenze[11], Nabi Salih e Halamish in Cisgiordania nel 2013[8] ed il conflitto Israele – Gaza del 2014[7] e le conseguenze[10].

Dal 2006 si è concentrato sulle guerre in Iraq e in Afghanistan e sulle loro conseguenze negli Stati Uniti[1]. Ha visitato l'Iraq per la prima volta nel 2006 all'età di 24 anni ed è tornato in Iraq e in Afghanistan diverse volte, incorporato con le truppe militari statunitensi. In seguito ha continuato a indagare sugli effetti di quelle guerre negli Stati Uniti[13]. Nel 2007 il suo portfolio dall'Iraq e dall'Afghanistan ha vinto il Monograph Award (brossura) nel Critical Mass Book Award di Photolucida[16][17]. Nell'ambito del premio Photolucida ha pubblicato il suo primo libro, "2nd Tour, Hope I Don't Die". Con il lavoro svolto tra gennaio 2006 e dicembre 2008[30], questa "è l'esperienza diretta di un giovane fotoreporter: gli effetti delle guerre su di lui, sui soldati e sui paesi coinvolti". La sovvenzione W. W. Eugene Smith per la fotografia umanistica del 2012, fu di 30.000 dollari per lavorare al suo secondo libro, "Disco Night dell'11 settembre", che "racconta le vite dei soldati che ha incontrato sul campo e a casa".

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni di van Agtmael[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni con contributi di van Agtmael[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006: 25 Under 25: Up and Coming fotografi americani, Il Centro Studi Documentario presso la Duke University, Duke University, Durham, NC.[senza fonte]
  • 2007: secondo premio, categoria di storie di notizie generali, World Press Photo Awards, World Press Photo, Amsterdam[20], per una serie che descrive incursioni notturne in Iraq.
  • 2007: Monograph Award (softbound), Critical Mass Book Award, Photolucida[16][17].
  • 2008: borsa di studio del Pulitzer Center on Crisis Reporting, Washington, DC[23].
  • 2011: Infinity Award, categoria Young Photographer, International Center of Photography, New York[22].
  • 2012: W. Eugene Smith Grant del W. Eugene Smith Memorial Fund[18].
  • 2014: secondo premio, categoria ritratti osservati, World Press Photo Awards, World Press Photo, Amsterdam[21].

Mostre con altri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Niko Koppel, Showcase: '2nd Tour, Hope I Don't Die', in The New York Times, 3 November 2009. URL consultato il 16 January 2015.
  2. ^ Bob Herbert, The Ultimate Burden, in The New York Times, 24 August 2009. URL consultato il 16 January 2015.
  3. ^ a b Bruno Bayley, Peter van Agtmael Won't Deny the Strange Allure of War, Vice, 15 May 2013. URL consultato il 17 January 2015.
  4. ^ Alessia Glaviano, Peter van Agtmael, Vogue Italia, 30 May 2014. URL consultato il 17 January 2015.
  5. ^ Harrison Jacobs, These Photos show the Harsh Reality of War in Iraq and Afghanistan, in Business Insider, 4 August 2014. URL consultato il 16 January 2015.
  6. ^ a b Magnum Photos appoints new full members – British Journal of Photography, su www.bjp-online.com. URL consultato il 30 aprile 2018.
  7. ^ a b Jodi Rudoren, On the Ground in Israel and Gaza: Two photographers capture scenes from the most recent outbreak of war., in The New York Times, 28 August 2014. URL consultato il 19 January 2015.
  8. ^ a b The Resisters, in The New York Times, 17 March 2013. URL consultato il 19 January 2015.
  9. ^ a b Exclusive Photos: The Oil Spill Spreads, in Time. URL consultato il 19 January 2015.
  10. ^ a b Karl Vick, Inside Gaza with Photographer Peter van Agtmael, in Time, 24 November 2014. URL consultato il 19 January 2015.
  11. ^ a b Elissa Curtis, Staten Island in the Wake of Sandy, in The New Yorker, 5 February 2013. URL consultato il 17 January 2015.
  12. ^ a b David Simon, Behind-the-scenes photographs of David Simon's new drama, 'Treme', in The Guardian, 4 May 2010. URL consultato il 17 January 2015.
  13. ^ a b Olivier Laurent, Peter van Agtmael's Disco Night Sept 11, su British Journal of Photography, 13 May 2014. URL consultato il 16 January 2015.
  14. ^ Peter van Agtmael's Journey Through War, in Time. URL consultato il 17 January 2015.
  15. ^ David Rosenberg, Life through the Eyes of a War Photographer, Slate, 17 June 2014. URL consultato il 17 January 2015.
  16. ^ a b c Critical Mass Books: 2nd Tour Hope I Don't Die, Photolucida. URL consultato il 17 January 2015.
  17. ^ a b c Critical Mass Winners: Findings, Cage Call & Perfectible Worlds, Photo-Eye, 1º October 2008. URL consultato il 17 January 2015.
  18. ^ a b 2012: Peter van Agtmael, W. Eugene Smith Memorial Fund. URL consultato il 16 January 2015.
  19. ^ Peter van Agtmael - Fotografie - Bücher - Kehrer Verlag, su kehrerverlag.com. URL consultato il 13 February 2018.
  20. ^ a b 2006, Peter van Agtmael, 2nd prize, General News stories, World Press Photo. URL consultato il 16 January 2015.
  21. ^ a b 2014, Observed Portraits, 2nd prize stories, Peter van Agtmael, World Press Photo. URL consultato il 16 January 2015.
  22. ^ a b Peter van Agtmael, International Center of Photography. URL consultato il 16 January 2015.
  23. ^ a b Peter van Agtmael, Pulitzer Center on Crisis Reporting. URL consultato il 16 January 2015.
  24. ^ Chris Hedges, The Pictures of War You Aren't Supposed to See, Truthdig, 4 January 2010. URL consultato il 16 January 2015.
  25. ^ A Photographer's Unfiltered Account of the Iraq War, in The New York Times, 15 May 2013. URL consultato il 19 January 2015.
  26. ^ Peter Popham, Young Magnum: The hotshots ready to take their place in history, in The Independent, 9 December 2012. URL consultato il 17 January 2015.
  27. ^ Stephanie Murg, Magnum Photos Adds Olivia Arthur and Peter van Agtmael as Full Members, Adweek, 9 July 2013. URL consultato il 16 January 2015.
  28. ^ Robin Lindley, Interview: The human face of war, in Real Change, 17 March 2010. URL consultato il 17 January 2015.
  29. ^ Staff writer, The Convoy to Nowhere, The Wall Street Journal, 28 January 2010. URL consultato il 19 January 2015.
  30. ^ 2nd Tour, Hope I Don't Die, in Mother Jones. URL consultato il 17 January 2015.
  31. ^ "Battlespace - Unrealities of war: Photographs from Iraq and Afghanistan", Prix Bayeux-Calvados. Accessed 17 January 2015.
  32. ^ "Bringing the War Home", Impressions Gallery. Accessed 3 December 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN101506889 · ISNI (EN0000 0000 7211 3187 · WorldCat Identities (EN101506889