Terremoto di Loma Prieta del 1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terremoto di Loma Prieta del 1989
Cypress structure.jpeg
Data17 ottobre 1989
Ora17:04 (ora locale)
Magnitudo momento6,9
Profondità18 km
EpicentroForesta di Nisene Marks State Park, California
37°02′24″N 121°52′48″W / 37.04°N 121.88°W37.04; -121.88Coordinate: 37°02′24″N 121°52′48″W / 37.04°N 121.88°W37.04; -121.88
Nazioni colpiteStati Uniti Stati Uniti
Intensità MercalliIX - X
Vittime63 morti, 3.757 feriti
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Terremoto di Loma Prieta del 1989
Posizione dell'epicentro

Il terremoto di Loma Prieta è stato un evento sismico particolarmente violento, avvenuto nella Baia di San Francisco, in California, il 17 ottobre 1989. Il sisma ebbe una magnitudo di 6.9 e durò 15 secondi.[1]

Il sisma e le conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei punti in cui il Bay Bridge cedette

Avvenuto nella Baia di San Francisco, in California, il 17 ottobre 1989, ha causato 63 morti, oltre 3.000 feriti e circa 10.000 sfollati, e ingenti danni agli edifici ed alle infrastrutture. L'epicentro del terremoto è stato registrato nel Parco Statale della Foresta di Nisene Marks, nella Contea di Santa Cruz, in un'area spopolata delle Montagne di Santa Cruz, pochi chilometri a nord-est di Santa Cruz. Il terremoto si è verificato durante il warm-up per la terza partita di World Series del 1989, e perciò è stato il primo grande terremoto ad essere trasmesso in diretta televisiva.

Danni causati[modifica | modifica wikitesto]

Il sisma ha causato gravi danni in tutta la San Francisco Bay Area, più in particolare nelle città di San Francisco e Oakland, ma anche in molti altri centri più piccoli della regione: migliaia di case sono state disintegrate, in molte zone il terreno si è spaccato a causa del movimento della crosta terrestre, molti ponti si sono spezzati o hanno subito gravi lesioni, tra cui il Bay Bridge e alcuni ponti e viadotti delle strade statali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paula Dunbar, Significant Earthquake, su ngdc.noaa.gov. URL consultato il 7 febbraio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2003006457