Stazione di Nesima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nesima
stazione ferroviaria
La stazione di Nesima (1).jpg
La stazione di Nesima, vista dall'ADe 25 (serie ADe 21-25).
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCatania
Coordinate37°30′59.4″N 15°02′58.92″E / 37.5165°N 15.0497°E37.5165; 15.0497
Altitudine135.65 m s.l.m.
Lineeferrovia Circumetnea
Storia
Stato attualein uso
Attivazione1958[1]
Caratteristiche
TipoStazione elevata sul piano stradale, passante
Binari3
InterscambiLinee urbane
Parcheggio scambiatore
Stazione di Nesima della Metropolitana di Catania
NoteStazione impresenziata
 
Mappa di localizzazione: Catania
Nesima
Nesima

La stazione di Nesima è una stazione della tratta urbana della ferrovia Circumetnea[2] al servizio della città di Catania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I lavori per la costruzione del primo tratto della ferrovia da Catania Borgo ad Adernò (oggi Adrano), ebbero inizio nel 1889, entrando in servizio il 2 febbraio 1895. La stazione venne invece costruita susseguentemente alla nascita del quartiere "Nesima", a nord del viale Mario Rapisardi, allora del tutto separato dal centro cittadino[1]. Con il passare degli anni è stata completamente inglobata dalla città.

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Nesima è situata nella zona periferica a nord-ovest della città, sul viale Lorenzo Bolano, tratto della circonvallazione cittadina, importante asse di penetrazione urbana proveniente dalla tangenziale ovest e la SS121. L'edificio di stazione, a una elevazione, è posto a sud del fascio binari; ad esso si accede mediante due scalinate dal viale Lorenzo Bolano e dal parcheggio scambiatore tramite una scalinata sulla banchina nord.

Il fascio binari è costituito da due binari interconnessi da due scambi di estremità e da un binario tronco parallelo collegato al primo binario da uno scambio. La stazione è dotata di scambi elettromagnetici e segnalamento di protezione e partenza. In seguito all'installazione del telecomando da parte del Dirigente Centrale Operativo la stazione è stata del tutto impresenziata e funziona in automatismo.

Capolinea provvisorio[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2 luglio all'8 settembre del 2012, la stazione funse da capolinea provvisorio per tutti i treni diretti alla stazione di Catania Borgo, al fine di consentire la progressione dei lavori di costruzione delle stazioni intermedie di Milo, Cibali e San Nullo, appartenenti alla tratta Borgo-Nesima della Metropolitana di Catania.

Dal 30 marzo 2017, la stazione è divenuta un nodo di scambio con la stazione di Nesima della Metropolitana di Catania.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1958 il traffico giornaliero in partenza per Catania era costituito da 7 treni di automotrici. I treni provenienti da Catania erano 7[3].

Nel 1975 il traffico giornaliero in partenza per Catania era costituito da 13 treni di automotrici (di cui 3 sospesi la domenica); di questi 5 provenienti da Riposto, 4 da Randazzo, 2 da Bronte, uno da Adrano e uno da Biancavilla. I treni provenienti da Catania erano 12; di questi 3 proseguivano fino a Riposto (termine linea), 7 fino a Randazzo, uno fino ad Adrano e uno fino a Bronte[4].

L'orario di servizio invernale 2014/2015 offriva 18 treni giornalieri in arrivo da Catania, di cui 4 con termine corsa a Paternò, 3 in prosecuzione fino a Bronte, 8 fino a Randazzo e 3 fino a Riposto e in senso inverso, per Catania, 17 treni, di cui 4 provenienti da Paternò, 10 provenienti da Randazzo e 3 da Adrano Nord[5].

Il servizio si svolge solo nei giorni feriali.

Nodo di scambio "Nesima"[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 fu inaugurato il parcheggio di scambio attiguo alla stazione; nel 2013[6] all'interno dello stesso fu costruita la struttura ricettiva e di sosta passeggeri e istituito il capolinea dei bus urbani AMT[7], costituendo un importante nodo di scambio tra quattro mezzi di trasporto differenti: metropolitana, treni di superficie provenienti dai comuni pedemontani etnei, autobus urbani AMT (Capolinea n°6, linee: 421-628N-628R-642-702)[8], autobus urbano FCE (circolare 22)[9][10] e mezzi privati con sosta agevolata mediante emissione di bigliettazione, permettendo ai pendolari l'accesso al centro città tramite il mezzo pubblico.

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fermata autobus Fermata autobus
  • Fermata metropolitana Fermata Metropolitana (Nesima)

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Altoparlanti annuncio sonoro arrivo treni

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La stazione non risulta nel quadro orario della FCE del 1939 ma solo a partire dal 1958
  2. ^ Ferrovia Circumetnea | Schema di Rete, su circumetnea.it. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  3. ^ Orario ferroviario Pozzo, maggio 1958, quadro 424
  4. ^ Orario ferroviario Pozzo, 28 settembre 1975, quadro 739, p. 636
  5. ^ Ferrovia Circumetnea, orario treni in vigore dal 15 settembre 2014 Copia archiviata (JPG), su circumetnea.it. URL consultato il 15 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2014).
  6. ^ Parcheggio scambiatore AMT-FCE di Nesima, come funziona e futuri sviluppi, su Mobilita Catania, 5 giugno 2015. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  7. ^ AMT, trasporto integrato
  8. ^ Percorsi e Orari – Amt, su amt.ct.it. URL consultato il 16 maggio 2017.
  9. ^ Ferrovia Circumetnea | Servizio bus navetta: collegamento frazioni di Lineri e di Montepalma - Stazione Nesima Metropolitana di Catania, su circumetnea.it. URL consultato il 16 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2017).
  10. ^ VIDEO | Navetta metro per Montepalma e Lineri: un servizio impeccabile, su Mobilita Catania, 16 maggio 2017. URL consultato il 16 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]