Stazione di Cibali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima stazione della metropolitana di Catania, vedi Cibali (metropolitana di Catania).
Cibali
stazione ferroviaria
La stazione di Cibali ristrutturata.jpg
la stazione di Cibali ristrutturata.
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCatania
Coordinate37°31′12.36″N 15°03′59.04″E / 37.5201°N 15.0664°E37.5201; 15.0664
Lineeferrovia Circumetnea
Storia
Stato attualein uso
Attivazione1895
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, passante
Binari1
Interscambiautobus, Cibali (metropolitana di Catania)
DintorniStadio Angelo Massimino
 
Mappa di localizzazione: Catania
Cibali
Cibali

La stazione di Cibali è una fermata della tratta urbana della ferrovia Circumetnea, posta al km 5+487, a servizio della città di Catania, nel quartiere Cibali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 febbraio 1895 la stazione entrò in servizio con l'inaugurazione del tratto di ferrovia che da Catania Borgo arrivava ad Adernò (oggi Adrano). La stazione venne costruita in zona periferica, ma discretamente popolata e con molti fondi agricoli; con il passare degli anni è stata totalmente inglobata dalla città.

Dal 2013, la stazione è sede di un esercizio commerciale con vendita di biglietti.

Dal 27 luglio 2021, la stazione è diventata un nodo di scambio con la nuova stazione di Cibali della Metropolitana di Catania[1].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione (impresenziata), è a due elevazioni, ed è ubicata a nord del binario, nonché fra la circonvallazione della città e lo stadio di calcio Massimino, a poca distanza dalla Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Catania.

Adiacente ad essa, immediatamente ad ovest, si trova un passaggio a livello automatizzato, con segnalazione acustica e luci rosse (tuttavia esso è sprovvisto di barriere), nel quale la ferrovia interseca le trafficatissime vie San Nullo e Galermo, strade di attraversamento e penetrazione urbana della città. Quella di Cibali è la seconda fermata del servizio urbano e metropolitano FCE.

Interventi di riqualificazione e ristrutturazione[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Cibali in corso di ristrutturazione, vista dall'ADe 13 (appartenente alla serie delle automotrici ADe 11-20), 3 Giugno 2021.

In previsione dell'apertura della stazione di Cibali della Metropolitana di Catania (avvenuta il 27 Luglio 2021), nel corso del 2021 è stata avviata la ristrutturazione della stazione, essa ha comportato la ristrutturazione del tetto e degli interni, la sostituzione dei vecchi infissi in legno con quelli in metallo, l'installazione della linea gialla tattile per non vedenti, la soppressione del piccolo orto posto a est della stazione, compreso il muretto di recinzione, la sostituzione della pavimentazione (solo sul marciapiede dal lato della stazione), e la ristrutturazione dei bagni pubblici; inoltre è stato installato sul fabbricato un sistema di videosorveglianza. La stazione è stata riverniciata nel tradizionale colore giallo.

Il futuro abbandono[modifica | modifica wikitesto]

Quando la Metropolitana di Catania sarà completa, e il deposito locomotive e l'officina saranno spostati a Paternò, la stazione verrà interamente sostituita da quella nuova a carattere metropolitano, e successivamente verrà dismessa.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Cibali vista da una delle automotrici FCE, 20 Febbraio 2010.

L'offerta d'orario in vigore dal 1º febbraio 1899 prevedeva la fermata di tutti i treni in circolazione sulla linea: si trattava di tre coppie di treni misti di 1ª, 2ª, 3ª classe e di una coppia di misti, limitata a Paternò, di sola 3ª classe[2]. L'orario ferroviario del 16 agosto 1938 prevedeva l'arrivo di 6 treni (di cui uno sospeso la domenica) di cui 3 da Catania Borgo e 3 da Catania Porto; due per Adrano, due per Randazzo e due raggiungevano il capolinea di Riposto. In senso inverso i treni per Catania erano 6, di cui tre raggiungevano il capolinea del porto di Catania[3]. Tutti i servizi erano effettuati con le, allora nuovissime, automotrici Fiat ALn 56.

Nel 1975 il traffico giornaliero in partenza per Catania era costituito da 13 treni di automotrici (di cui 3 sospesi la domenica); di questi 5 provenivano da Riposto, 4 da Randazzo, 2 da Bronte, uno da Adrano e uno da Biancavilla. I treni provenienti da Catania erano 12; di questi 3 proseguivano fino a Riposto (termine linea), 7 fino a Randazzo, uno fino ad Adrano e uno fino a Bronte[4].

L'orario di servizio invernale 2014/2015 offriva 18 treni giornalieri in arrivo da Catania, di cui 4 con termine corsa a Paternò, 3 fino a Bronte, 8 fino a Randazzo e 3 fino a Riposto. I treni in partenza per Catania erano 17: 10 provenienti da Randazzo e 3 da Adrano Nord[5].

Il servizio si svolge solo nei giorni feriali; subisce una riduzione estiva dell'offerta giornaliera.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria a sportello Rivendita Biglietti
  • Sala d'attesa Sala d'attesa

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fermata autobus Fermata autobus urbano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Tartaglia, Catania, da oggi anche il quartiere di Cibali ha la sua fermata metro operativa, in Mobilita.org, 27 luglio 2021. URL consultato il 27 luglio 2021.
  2. ^ Società Siciliana di lavori pubblici, Orario ufficiale delle strade ferrate del Regno d'Italia, quadro 261, Torino, Roma, Fratelli Pozzo, febbraio 1899, p. 120.
  3. ^ Orario ferroviario generale Pozzo 1938, quadro 22, p. 158
  4. ^ Orario ferroviario Pozzo, 28 settembre 1975, quadro 739, p. 636
  5. ^ Ferrovia Circumetnea, orario treni in vigore dal 15 settembre 2014 Archiviato il 15 dicembre 2014 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]