Stadio Pierre Mauroy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stade Pierre-Mauroy)
Jump to navigation Jump to search
Pierre Mauroy
Grand Stade Lille Métropole
Lille Stadion Pierre Mauroy.jpg
Informazioni generali
StatoFrancia Francia
UbicazioneBoulevard de Tournai
Inizio lavoriluglio 2009
Inaugurazione17 agosto 2012
Costo324000000 
Proprietariometropoli europea di Lilla e metropoli europea di Lilla
ProgettoValode & Pistre e Pierre Ferret
CostruttoreEiffage
Intitolato aPierre Mauroy
Informazioni tecniche
Posti a sedere50 000
Classificazionecategoria 4 UEFA
Coperturatotale, tetto retrattile
Mat. del terrenoerba ibrida e tappeto erboso
Uso e beneficiari
CalcioLilla
Mappa di localizzazione
Coordinate: 50°36′43″N 3°07′50″E / 50.611944°N 3.130556°E50.611944; 3.130556

Lo stadio Pierre Mauroy (in francese Stade Pierre-Mauroy) è un impianto sportivo francese di Villeneuve-d'Ascq a servizio della Città Metropolitana di Lilla. Dedicato principalmente al calcio, fu inaugurato nel 2012 con il nome di Grand Stade Lille Métropole e successivamente intitolato all'uomo politico Pierre Mauroy.

Può diventare un impianto coperto grazie al tetto retrattile di cui è fornito e, in ragione di ciò, ospitare eventi normalmente riservati a palazzi dello sport come incontri di pallacanestro, pallavolo e tennis.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio fu progettato per sostituire l'obsoleto Lille Métropole. L'area in cui sorge l'impianto si trova a Villeneuve-d'Ascq, un comune dell'arrondissement di Lilla. Il cantiere partì ufficialmente il 7 luglio 2009.

Fu inaugurato come Grand Stade Lille Métropole il 17 agosto 2012 con l'incontro tra i padroni di casa del Lilla e il Nancy, valido per la seconda giornata della Ligue 1 2012-2013. Il 21 giugno dell'anno successivo lo stadio fu intitolato alla memoria di Pierre Mauroy, primo ministro socialista dal 1981 al 1984 e sindaco di Lilla dal 1973 al 2001, morto due settimane prima.[1]

Fu coperto per ospitare la finale di Coppa Davis 2014 (21-23 novembre) giocata su terra rossa e vinta 3-1 dalla Svizzera contro la Francia. È stato coperto anche per ospitare la fase finale del Campionato europeo maschile di pallacanestro 2015.

Al Pierre Mauroy si sono disputate sei gare del campionato europeo di calcio 2016. È tornato a ospitare la finale di Coppa Davis nelle edizioni del 2017, nella quale la Francia è tornata a vincere il trofeo dopo 16 anni, e del 2018, persa dai padroni di casa contro la Croazia.

Nell'impianto si sono inoltre giocate diverse partite importanti di rugby a 15, tra cui il test-match del 17 novembre 2018 vinto 28-13 dalla Francia contro l'Argentina.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio nella sua configurazione classica ha un'altezza di 31 m ed una capacità di 50.186 posti a sedere.

Dispone di un tetto retrattile e grazie a degli impianti idraulici la metà campo a nord può essere sollevata ed innalzata sopra l'altra metà liberando così lo spazio per allestire un'arena coperta che può ospitare a seconda delle configurazioni dalle 6000 alle 30000 persone.

Incontri[modifica | modifica wikitesto]

Campionato europeo di calcio 2016[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campionato europeo di calcio 2016.
Data Ora (CET) Squadra #1 Ris. Squadra #2 Fase del torneo Spettatori
12 giugno 2016 21:00 Germania Germania 2 - 0 Ucraina Ucraina Girone C 43 035[2]
15 giugno 2016 15:00 Russia Russia 1 - 2 Slovacchia Slovacchia Girone B 38 989[3]
19 giugno 2016 21:00 Svizzera Svizzera 0 - 0 Francia Francia Girone A 45 616[4]
22 giugno 2016 21:00 Italia Italia 0 - 1 Irlanda Irlanda Girone E 44 268[5]
26 giugno 2016 18:00 Germania Germania 3 - 0 Slovacchia Slovacchia Ottavi di finale 44 312[6]
1º luglio 2016 21:00 Galles Galles 3 - 1 Belgio Belgio Quarti di finale 45 936[7]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EL) Le Stade Pierre-Mauroy, allias le Grand Stade de Lille, su goodmorninglille.org.
  2. ^ Germania-Ucraina (PDF), su uefa.com, UEFA, 12 giugno 2016.
  3. ^ Russia-Slovacchia (PDF), su uefa.com, UEFA, 15 giugno 2016.
  4. ^ Svizzera-Francia (PDF), su uefa.com, UEFA, 19 giugno 2016.
  5. ^ Italia-Irlanda (PDF), su uefa.com, UEFA, 22 giugno 2016.
  6. ^ Germania-Slovacchia (PDF), su uefa.com, UEFA, 26 giugno 2016.
  7. ^ Galles-Belgio (PDF), su uefa.com, UEFA, 1º luglio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]