Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Simplicio (filosofo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Commentario di Simplicio al De caelo di Aristotele

Simplicio (in greco antico: Σιμπλίκιος, Simplíkios; in latino: Simplicius; Cilicia, 490 circa – 560 circa) è stato un filosofo e matematico bizantino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Ammonio di Ermia ad Alessandria d'Egitto, fu poi attivo nella Scuola neoplatonica di Atene. Dopo la chiusura di questa scuola, ordinata dall'imperatore bizantino Giustiniano I (527-565) nel 529, fu uno dei sette neoplatonici che emigrarono in Persia, a Carre, dove frequentò Damascio, conosciuto, forse, già in precedenza ad Atene. In quest'ultima città tornò a stabilirsi definitivamente nel 533.

Di lui restano i commenti alla Fisica, alle Categorie, al De caelo e al De anima di Aristotele e quello al Manuale di Epitteto; sono perduti i commenti alla Metafisica e alle Meteore di Aristotele e al primo libro degli Elementi di Euclide.

Tra i maggiori esponenti del tardo neoplatonismo eclettico, cercò di conciliare Platone e Aristotele, identificando il non-essere di Platone con la materia di Aristotele; di quest'ultimo accettò la teoria dell'intelletto agente separato dagli individui, mentre la sua etica è di derivazione stoica.

A lui e a Sesto Empirico si deve gran parte della conservazione del Poema sulla natura di Parmenide.

Simplicio e Anassimandro[modifica | modifica wikitesto]

È dovuta ad una citazione di Simplicio, contenuta nel suo Commentario alla Fisica di Aristotele - 24, 13, la conoscenza dell'unico frammento di pensiero risalente direttamente ad Anassimandro, e precisamente l'attribuzione al pensatore milesio del concetto di Apeiron - Indefinito.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Han Baltussen, Philosophy and Exegesis in Simplicius. The Methodology of a Commentator, Londra, Duckworth, 2008
  • Ilsetraut Hadot (éd.), Simplicius, sa vie, son oeuvre, sa survie. Actes du Colloque international de Paris (28 septembre - 1er octobre 1985) / organisé par le Centre de recherche sur les oeuvres et la pensée de Simplicius ‪(‬RCP 739-CNRS‪), Berlino & New York, Walter de Gruyter, 1987.
  • Ilsetraut Hadot (éd.), Le néoplatonicien Simplicius à la lumière des recherches contemporaines. Un bilan critique, Sankt Augustin, Academia Verlag, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71399875 · ISNI (EN0000 0001 2138 6676 · LCCN (ENn82102480 · GND (DE118642421 · BNF (FRcb11984924z (data) · BAV ADV10009682 · CERL cnp00041074