Attico (filosofo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Attico (... – ...) è stato un filosofo greco antico.

Platonico della seconda metà del II secolo d.C. [1], autore di un commento al Fedro e al Timeo [2], cercò di riportare alle origini l'Accademia di Atene. Si oppose ad alcuni aspetti della filosofia aristotelica [3] e quindi alle dottrine di Antioco di Ascalona (fine II secolo a.C.-inizio I secolo a.C.) cercando di stabilire una demarcazione tra la dottrina aristotelica e quella platonica che quello ecletticamente riteneva sostanzialmente coincidenti.[4]

Nonostante il tentativo di riportare il platonismo alla purezza delle origini, nella filosofia di Attico sono presenti influenze stoiche.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte primaria: Enciclopedia Treccani alla voce corrispondente
  2. ^ Proclo, In Tim., 315a
  3. ^ Francesco Adorno, La filosofia antica, Volume 4, Feltrinelli Editore, 1992 p.61 e sgg.
  4. ^ David Passigli, Dizionario biografico universale..., a cura di Felice Scifoni, 1840 p. 214
  5. ^ Enciclopedia Treccani ibidem

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Adorno, La filosofia antica, Volume 4, Feltrinelli Editore, 1992 p. 447
Controllo di autorità VIAF: (EN79016832 · GND: (DE102382573 · CERL: cnp01063993