Asclepigenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Asclepigenia (in greco Ἀσκληπιγένεια) (floruit 450 d.C.) è stata una filosofa ateniese e una mistica la cui vita è nota grazie alla Vita di Proclo di Marino di Neapoli[1]

Contemporanea di Ipazia, suo padre, Plutarco di Atene, curò la sua istruzione (e quella del fratello) preoccupandosi di farle leggere le opere di Platone e Aristotele[2]

Subito dopo la morte del padre, Asclepigenia continuò ad insegnare la sua dottrina mistica. Da lei, il suo studente più conosciuto Proclo, avrebbe appreso la scienza caldaica.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vita Procli, testo critico, introduzione, traduzione e commentario di R. Masullo, Napoli, Editore D'Auria, 1989 ISBN 9788870920130
  2. ^ Mary Ellen Waithe, A History of Women Philosophers. Volume 1, 600 BC-500 AD, Springer, pagg. 201-205
  3. ^ Vita di Proclo op. cit. p.114

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia