Dione di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dione (in greco antico: Δίων, Díon; ... – 57 a.C.) è stato un filosofo e funzionario egizio del periodo tolemaico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dione studiò sotto la guida di Antioco di Ascalona, diventando un filosofo platonico.[1] Plutarco ci dice che Dione scrisse un Symposion.[2] Dione di Alessandria fu il capo della delegazione di cento ambasciatori inviati dai suoi concittadini a Roma nel 57 a.C. per parlare in Senato contro il re esiliato Tolomeo XII; tuttavia, insieme a molti altri membri della spedizione, venne ucciso per ordine di Tolomeo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Curnow 2006, p. 105.
  2. ^ Plutarco, Moralia, 216 d-e (Quaestiones convivales, I); Ferreira, Leão, Tröster, Barata Di 2009, p. 9.
  3. ^ Cassio Dione, XXXIX, 14; Strabone, XVII, 1.11; Hölbl 2001, p. 228.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • Trevor Curnow, The Philosophers of the Ancient World: An A-Z Guide, A&C Black, 2006, ISBN 9780715634974.
  • José Ribeiro Ferreira, Del m Leão, Manuel Tröster & Paula Barata Dias (a cura di), Symposion and Philanthropia in Plutarch, Centro de Estudos Clássicos e Humanísticos da Universidade de Coimbra, 2009, ISBN 978-989-8281-17-3.
  • Günther Hölbl, A History of the Ptolemaic Empire, Psychology Press, 2001, ISBN 9780415234894.