Francesco Adorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Adorno (Siracusa, 9 aprile 1921Firenze, 19 settembre 2010) è stato uno storico della filosofia italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia a Firenze nel 1944 e professore nelle Università di Bari, Bologna e Firenze, è stato presidente dell'Accademia Toscana di Scienze e Lettere "La Colombaria", del Museo e istituto fiorentino di preistoria[1] e dell'Accademia delle Arti del Disegno. Ha diretto la pubblicazione del Corpus dei papiri filosofici greci e latini.

Ha studiato il rapporto tra l'insegnamento socratico e la sofistica, estendendo i suoi interessi a Platone, allo stoicismo e all'epicureismo; inoltre ha approfondito aspetti della cultura greco-latina e cristiana tra il primo secolo a.C. e il sesto secolo d.C., nonché del pensiero tardomedievale e umanistico.[2]

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Adorno utilizza il metodo filologico per la descrizione degli autori del pensiero antico della scuola ionica, di Socrate, di Platone, della prima Accademia, delle scuole ellenistiche, di Epicuro, di Seneca, ecc.

La sua formazione culturale affonda le radici negli ambienti intellettuali e politici fiorentini tra gli anni 1930 e 1945 e in particolare risente dell'influenza crociana nell'interpretazione della filosofia come riflessione teorica mai disgiunta dalla situazione storica reale. In nome di questa concretezza antimetafisica e della necessità di una descrizione storica del pensiero filosofico, Adorno aderisce al metodo marxista e alla filosofia del linguaggio facendo sì che i testi classici vengano interpretati nel loro autentico e concreto sottofondo politico e culturale.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1961I sofisti e Socrate
  • 1961-5La filosofia antica
  • 1966Studi sul pensiero greco
  • 1970Introduzione a Socrate
  • 1975Dialettica e politica in Platone
  • 1978Introduzione a Platone
  • 1993I sofisti e la sofistica nel 5°-4° sec. a.C.
  • 1996Pensare storicamente

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Adorno, su RAI.it – Enciclopedia multimediale delle scienze filosofiche. URL consultato l'11 dicembre 2015.
  2. ^ Adórno, Francesco, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato l'11 dicembre 2015.
  3. ^ Enciclopedia multimediale delle scienze filosofiche alla voce corrispondente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Serena Funghi (a cura di), Hodoi dizēsios. Le vie della ricerca: studi in onore di Francesco Adorno, Firenze, Olschki, 1996, ISBN 88-222-4430-3.
Controllo di autorità VIAF: (EN79045491 · LCCN: (ENn50037586 · SBN: IT\ICCU\CFIV\028120 · ISNI: (EN0000 0000 8344 896X · GND: (DE171451384 · BNF: (FRcb12027345b (data)