Seleniuro di idrogeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Seleniuro di idrogeno
La struttura dell'acido selenidrico
Nome IUPAC
seleniuro di idrogeno
Nomi alternativi
acido selenidrico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareH2Se
Massa molecolare (u)81,0
Aspettogas incolore
Numero CAS7783-07-5
Numero EINECS231-978-9
PubChem533
SMILES
[SeH2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/l, in c.s.)3,310
Costante di dissociazione acida a 298 KKa1 1,3·10−4
Ka2 1,0·10−11
Solubilità in acqua7,0 g/dm3
Temperatura di fusione−65,73 °C (207,42 K)
Temperatura di ebollizione−41,25 °C (231,9 K)
Tensione di vapore (Pa) a 293 K912000
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
infiammabile gas compresso tossicità acuta pericoloso per l'ambiente
Frasi H220 - 280 - 330 - 410
Consigli P--- [1]

Il seleniuro di idrogeno è un composto binario di selenio e idrogeno di formula minima H2Se e massa molecolare di 81,0 uma. Il selenio ha stato di ossidazione pari a -2.

Allo stato gassoso è composto da molecole discrete, l'angolo di legame H-Se-H è di 91°, la distanza H-Se è di 146 pm e l'entalpia di legame H-Se è di 306 kJ/mol. Le molecole non formano legami a idrogeno.

Il composto, date le proprietà acide, è noto anche come acido selenidrico. Si tratta di un gas incolore, maleodorante e facilmente infiammabile.

I prodotti della combustione variano a seconda della concentrazione di ossigeno: in difetto di comburente si forma il selenio mentre in eccesso il biossido.

Viene preparato in vari modi:

Al2Se3 + 6 H+ → 3 H2Se + 2 Al 3+
FeSe + 2 H+ → H2Se + Fe2+
  • per idrolisi di seleniuri:
Al2Se3 + 6 H2O → 3 H2Se + 2 Al(OH)3
  • per sintesi diretta dagli elementi al di sopra dei 350 °C:
Se + H2 → H2Se

In acqua si comporta da acido biprotico debole:

H2Se + H2O → HSe- + H3O+ pKa = 3,89

Le soluzioni acquose raggiungono la saturazione a 1 M circa e si ossidano rapidamente a contatto con l'aria:

2 H2Se + O2 → 2 Se + 2 H2O

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del composto su IFA-GESTIS

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia