Rumpler C.IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rumpler C.IV
Rumpler C.IV.jpg
Descrizione
Tipo aereo da ricognizione
Equipaggio 2
Progettista Edmund Rumpler
Costruttore Germania Rumpler
Data primo volo 1917
Data entrata in servizio marzo 1917
Utilizzatore principale Germania Luftstreitkräfte
Esemplari circa 1 000[1]
Sviluppato dal Rumpler C.III
Altre varianti Pfalz C.I
Rumpler C.V
Rumpler C.VII
Rumpler 6B-2
Dimensioni e pesi
Lunghezza 8,41 m
Apertura alare 12,66 m
Altezza 3,25 m
Superficie alare 33,5
Peso a vuoto 1 080 kg
Peso carico 1 530 kg
Propulsione
Motore un Mercedes D.IVa
Potenza 260 PS (191 kW)
Prestazioni
Velocità max 171 km/h a 500 m
Autonomia da 3 h 30 min a 4 h
Tangenza 6 400 m[2]
Armamento
Mitragliatrici una LMG 08/15 calibro 7,92 mm in caccia
una Parabellum MG 14 calibro 7,92 mm posteriore
Bombe 100 kg

i dati sono estratti da German Aircraft of the First World War[3]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Rumpler C.IV fu un aereo da ricognizione monomotore biplano sviluppato dall'azienda aeronautica tedesco imperiale Rumpler Flugzeugwerke GmbH negli anni dieci del XX secolo e prodotto, oltre che dalla stessa, anche dalla Pfalz-Flugzeugwerke GmbH su licenza e che darà origine ad una variante identificato come Pfalz C.I.

Evoluzione del precedente Rumpler C.III, dal quale si differenziava principalmente per l'adozione di una diversa motorizzazione, venne principalmente utilizzato dai reparti della Luftstreitkräfte, la componente aerea del Deutsches Heer (l'esercito imperiale tedesco), durante la prima guerra mondiale, prestando inoltre servizio nei reparti aerei dell'Impero Ottomano, della Federazione Svizzera e, dopo il termine del conflitto, nel Regno dei Serbi, Croati e Sloveni.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

La continua e veloce evoluzione tecnologica che interessò l'aviazione durante la prima guerra mondiale costrinse i contendenti ad adeguare i propri mezzi alle capacità altrui ed i tedeschi, che già dovevano affrontare il fuoco dell'artiglieria contraerea sul fronte occidentale, furono costretti a scontrarsi con la caccia nemica equipaggiata con modelli sempre più efficienti e letali. Il successo ottenuto dalla Rumpler con il C.I, primo modello C-Typ, così com'erano indicati i ricognitori biposto armati dalle convenzioni Idflieg[4] originariamente sviluppato dall'azienda nel 1914, aveva suggerito, appena fossero diventati disponibili motorizzazioni di potenza più elevata, di svilupparne un modello capace di prestazioni più elevate. Dopo che il modello successivo, identificato come C.II pianificato ma non realizzato, aveva lasciato il posto, nei tardi 1916, al C.III equipaggiato con un motore 6 cilindri in linea Benz Bz.IV da 200 PS (147 kW) raffreddato a liquido, durante le fasi di sviluppo di quest'ultimo si rese disponibile un motore ancora più potente ed in grado di operare ad una quota di servizio ancora più elevata, caratteristiche necessarie per il profilo di missione nella ricognizione e fotoricognizione aerea.

Lo sviluppo del nuovo modello, che adottava il Mercedes D.IVa da 260 PS (191 kW), venne avviato all'inizio del 1917. Identificato come Rumpler C.IV, riproponeva l'impostazione già utilizzata per i precedenti modelli C-Typ realizzati dall'azienda: struttura in tecnica mista, con fusoliera biposto realizzata in tubi d'acciaio saldati ricoperti da pannellature, con abitacoli separati posizionati in tandem, abbinati ad una velatura biplana con ali leggermente a freccia e carrello convenzionale fisso.

Sottoposto alla valutazione della commissione Idflieg, il modello si rivelò capace di eccellenti prestazioni raggiungendo una quota di servizio difficilmente raggiungibile dai caccia avversari, quindi avviato immediatamente alla produzione in serie.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Il Rumpler C.IV entrò in servizio con i reparti di ricognizione aerea della Luftstreitkräfte dal marzo 1917, rimanendo operativo in prima linea fino al termine del conflitto sul fronte occidentale, sul fronte italiano, in appoggio all'alleato austro-ungarico, ed in Palestina, nel quadro del teatro mediorientale a supporto delle truppe dell'Impero Ottomano. Le caratteristiche del modello permettevano una notevole velocità massima ottenibile ad una tangenza operativa ben oltre i 6 000 m che, nelle missioni di ricognizione e fotoricognizione a lungo raggio permesse dalla grande autonomia, facilitavano l'allontanamento dai pochi modelli avversari in grado di intercettarli.

Al termine del conflitto, in ottemperanza a quanto imposto dal Trattato di Versailles del 1919, la quasi totalità dei velivoli in dotazione all'aviazione militare tedesca venne distrutta o ceduta come risarcimento alle nazioni vincitrici. I Rumpler C.IV furono tra i modelli ceduti al neoistituito Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, inoltre un esemplare venne acquisito dalla Federazione Svizzera nel 1920 ed utilizzato dai reparti aerei (Fliegertruppe) dell'Esercito svizzero, rimanendo in servizio fino al 1921[5].

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
bandiera Impero Ottomano
Jugoslavia Regno dei Serbi, Croati e Sloveni
Svizzera Svizzera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Уголок неба.
  2. ^ Munson 1967, p.99.
  3. ^ Gray e Thetford 1970.
  4. ^ (EN) Andreas Parsch e Aleksey V. Martynov, German and Austro-Hungarian Military Aircraft Designations (1914-1918), su Designation-Systems.net, http://www.designation-systems.net, 11 settembre 2005. URL consultato il 29 novembre 2013.
  5. ^ Freudiger, p. 13.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Peter Gray, Owen Thetford, German Aircraft of the First World War, 2nd edition, London, Putnam, 1970 [1962], ISBN 0-370-00103-6.
  • (DE) Günter Kroschel, Helmut Stützer, Die deutschen Militärflugzeuge 1910 – 1918, Wilhelmshaven, Lohse-Eissing, 1977, ISBN 3-920602-18-8.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Entwicklung der Flugzeuge 1914–18, München, J.F. Lehmanns Verlag, 1959, ISBN non esistente.
  • (EN) Kenneth Munson, Aircraft of World War I, London, Ian Allan, 1967, ISBN 0-7110-0356-4.
  • (EN) Kenneth Munson, Bombers, Patrol and Reconnaissance Aircraft 1914 - 1919, London, Bounty Books, 2004, ISBN 0-7537-0918-X.
  • (EN) Kenneth Munson, Fighters, Attack and Training Aircraft 1914-19 (The Pocket Encyclopedia of World Aircraft in Colour), London, Bounty Books, 2004, ISBN 0-7537-0916-3.
  • (EN) Raymond L. Rimell, Rumpler C.IV at War, Windsock Datafile 149, Albatros Productions Limited, 2011, ISBN 1-906798-17-6.
  • (EN) Michael John H. Taylor, Jane's encyclopedia of aviation, 2nd Edition, London, Studio Editions, 1989, ISBN 0-517-10316-8.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]