Piero Portalupi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Piero Portalupi (Arquata Scrivia, 19 ottobre 1913Genova, 28 giugno 1971) è stato un direttore della fotografia italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in provincia di Alessandria ma genovese di adozione, dopo essersi laureato in ingegneria iniziò a lavorare intensamente nel cinema dapprima italiano e poi a livello internazionale, grazie a Claudio Gora, come direttore della fotografia dal 1940, dopo una prima esperienza come operatore di ripresa per un film di Mario Baffico. Nel 1948 vinse il Nastro d'argento alla migliore fotografia con Preludio d'amore di Giovanni Paolucci. Lavorò con grandi registi come Antonioni, De Santis, Risi ed Olmi. Grazie alla sua perfetta conoscenza dell'inglese nel 1953 venne chiamato come consulente alla fotografia nel film di William Wyler Vacanze romane. Diresse la seconda unità di kolossal come Ben Hur sempre di Wyler (1959), con la celebre scena della corsa delle bighe, quindi Cleopatra di Mankiewicz (1963), Il cardinale di Preminger (1963) e Il tormento e l'estasi di Carol Reed con Charlton Heston (1965), spesso accreditato come Pietro Portalupi. La morte lo colse nel pieno della sua attività a soli 57 anni. Grande appassionato di fotografia, la figlia Candida, nell'ottobre 2013, in occasione del centenario della nascita, ha raccolto centinaia di scatti del padre effettuati sui set dei film in tutto il mondo [1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Direttore della fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piero Portalupi, l'ingegnere che diede l'Oscar a Ben Hur articolo del 18 ottobre 2013 di Renato Venturelli sull'edizione genovese di Repubblica.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87296772 · ISNI (EN0000 0000 7246 0314 · LCCN (ENno2009177292 · GND (DE1016428707 · WorldCat Identities (ENno2009-177292