Party Rock Anthem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Party Rock Anthem
Party Rock Anthem.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
Artista LMFAO
Featuring Lauren Bennett & GoonRock
Tipo album Singolo
Pubblicazione 16 dicembre 2010
Durata 4:08
Album di provenienza Sorry for Party Rocking
Genere Electro house
Elettrorap
Etichetta Interscope Records
Produttore Redfoo
Registrazione 2010
Formati CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Albania Albania (1)
(Vendite: 30.000+)
Messico Messico (1)[1]
(Vendite: 30.000+)
Spagna Spagna (1)
(Vendite: 20.000+)
Dischi di platino Argentina Argentina (1)
(Vendite: 80.000+)
Belgio Belgio (1) [2]
(Vendite: 40.000+)
Danimarca Danimarca (1) [3]
(Vendite: 30.000+)

Corea del Sud Corea del Sud (38) [4]
(Vendite: 3.880.000+)
Germania Germania (2)[5]
(Vendite: 600.000+)
India India (1)
(Vendite: 55.000+)
Giappone Giappone (2)[6]
(Vendite: 500.000+)
Italia Italia (2)[7]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (4)[8]
(Vendite: 60.000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[9]
(vendite: 1 200 000+)
Russia Russia (2)
(Vendite: 240.000+)
Svizzera Svizzera (3)[10]
(Vendite: 90.000+)

Svezia Svezia (3)[11]
(Vendite: 120.000+)
Dischi di diamante Australia Australia (1) [12]
(Vendite: 1.050.000+)
Canada Canada (1) [13]
(Vendite: 880.000+)
Francia Francia (1) [14]
(Vendite: 400.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (1)[15]
(Vendite: 10.00.000+)
LMFAO - cronologia
Singolo precedente
(2010)
Singolo successivo
(2011)
Redfoo - cronologia
Singolo precedente
(2010)
Singolo successivo
(2011)

"Party Rock Anthem" è una Hit musicale eseguita dal duo LMFAO, con la collaborazione della cantante britannica Lauren Bennett e il DJ americano GoonRock, prodotta dal leader del duo LMFAO, Redfoo. È stato rilasciato come primo singolo dal loro secondo album Sorry for Party Rocking nel 2011. Nel 2012 è diventato un super tormentone estivo, salendo le classifiche musicali ti molti stati al mondo. In tutto il mondo, è stato il terzo singolo digitale più venduto del 2011 con vendite di 9,7 milioni di copie. È la terza canzone digitale più venduta nella storia degli Stati Uniti. "Party Rock Anthem" è attualmente classificato secondo Billboard la  quinta canzone di maggior successo di tutti i tempi, nonché la migliore del  XXI secolo. Attualmente è il 34esimo video più visto su YouTube, con oltre 1,3 miliardi di viste. La canzone attualmente ha venduto più di 20 milioni di coppie.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

"Party Rock Anthem" è composto nella chiave di F minore e a un tempo di 130 battiti al minuto.

Video Musicale[modifica | modifica wikitesto]

Background[modifica | modifica wikitesto]

Il video musicale è stato pubblicato l'8 marzo 2011, ed è stato prodotto da Redfoo e Sky Blu, con l'aiuto di Shinzu Ai. La coreografia è da parte di Hokuto Konishi, Victor Kim, Ryan Conferido, Steve Terada, Aris Paracuelles, Brian Hirano, Ryan Feng e Redfoo. Il video è una parodia del film horror del 2002, 28 giorni dopo. La cantante Brittanica Lauren Bennett è inclusa nel video insieme a GoonRoock. Il direttore Mickey Finnegan e Redfoo, hanno descritto il video come un' epidemia, dove il mondo è diventato pazzo, non appena si sente la canzone del duo. Il video presenta i ballerini che eseguono il Melbourne Shuffle, che ha rapidamente guadagnato la popolarità negli Stati Uniti.

Video[modifica | modifica wikitesto]

Questo video musicale si svolge dopo gli eventi di Sorry for Party Rocking e de il prequel di Champagne Shower, entrambi  canzoni del duo. La voce di apertura di questo video dice che Redfoo e Sky Blu sono caduti in un coma a causa di un eccesso di danza e che il loro singolo è stato rilasciato il giorno successivo. Dopo il titolo "28 DAYS LATER", Redfoo e Sky Blu sono mostrati in un ospedale deserto, svegliandosi dal loro coma in uno stile simile a quello del personaggio di Cillian Murphy nel film originale. Redfoo e Sky Blu usciti dall'ospedale si trovani in una strada deserta piena di letti e di automobili abbandonati. Hanno individuato un uomo che stava ascoltando con gli auricolari (con il cellulare di Redfoo che aveva rubato precedentemente) la propria canzone prima di essere rapidamente afferrati da un altro uomo (Malcolm Goodwin), che li nasconde dietro una macchina e spiega loro che da quando il loro singolo è uscito, tutti in tutto il mondo semplicemente ballano tutti il giorno. Durante la conversazione la canzone comincia a suonare in strada, e l'uomo prende rapidamente Redfoo e Sky Blu e gli da degli auricolari per impedirgli di ascoltare la canzone, Redfoo e Sky Blu inseriscono le cuffie e sono chiamati a suonare insieme alla canzone. Presto, la strada è piena di "shufflers", tutti danzando alla canzone. Quando un altro giovane,  cerca di fuggire da un edificio, è viene circondato dai ballerini e viene trasformato in uno Shuffle Zombie.

Spaventati dopo aver osservato il destino dell'altro uomo, Redfoo e Sky Blu cominciano a ballare insieme agli altri, fingendo di essere infetti. A metà del video, il giovane infetto infatti danza verso Redfoo e Sky Blu, che sembrano terrorizzati. Il video si sbiadisce in nero, ma si apre rapidamente ad un nuovo colpo, in cui si rende conto che anche loro sono stati infetti, mentre cantano "Every Day Im Shufflin" e ballo con il resto dei danzatori infetti per la il resto del video, che termina con la didascalia e l'interpolazione, "Every Day Im Shufflin". Il video musicale è stata girata presso Warner Bros. Studios di Burbank, CA.

Performance di vendita[modifica | modifica wikitesto]

La canzone ha raggiunto il numero uno sulla Billboard Hot 100 e ci rimase per 6 settimane, rendendo gli LMFAO, il primo duo a fare tale successo negli USA. La canzone ha trascorso 69 settimane nel grafico, che a quel tempo era il terzo più alto numero di settimane nel grafico per una canzone nella storia di Billboard Hot 100. Ha superato i sette milioni di venditi digitali negli Stati Uniti nel luglio 2012, diventando la seconda più veloce canzone della storia digitale per raggiungere questo traguardo. Ha venduto 9,1 milioni di copie negli Stati Uniti dall'ottobre 2016 e oltre un milione di copie nel Regno Unito. È il terzo singolo digitale più venduto al mondo di tutti i tempi.

La canzone ha trascorso undici settimane al numero uno in Nuova Zelanda e dieci settimane in Australia. In Nuova Zelanda, è il più a lungo numero di un singolo composto da un duo con oltre 45.000 copie vendute nel 2011. In Australia, è la canzone di più successo, e numero di vendite, con un disco di diamante onorario.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Download digitale[16][modifica | modifica wikitesto]

Standard Edition[modifica | modifica wikitesto]

  1. Party Rock Anthem – 4:23

Party Rock Anthem (The Remixes)[17][modifica | modifica wikitesto]

  1. Party Rock Anthem (DJ Enferno Remix) - 4:50
  2. Party Rock Anthem (Millions Like Us Remix) - 4:36
  3. Party Rock Anthem (Kim Fai Remix) - 6:49
  4. Party Rock Anthem (Cherry Cherry Boom Boom Boomber Refreak) - 4:02
  5. Party Rock Anthem (Russ Chimes Remix) - 6:24
  6. Party Rock Anthem (Christopher Lawrence) - 7:09

CD singolo[18][modifica | modifica wikitesto]

  1. Party Rock Anthem (Album Version) – 4:23
  2. Party Rock Anthem (Audiobot Remix) – 6:01

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2011) Posizione
Australia[25] 1
Austria[26] 6
Canada[27] 2
Danimarca[28] 9
Germania[29] 8
Italia[30] 18
Polonia[31] 11
Regno Unito[32] 3
Stati Uniti[33] 2
Svizzera[34] 8
Classifica (2012) Posizione
Australia[35] 85
Belgio (Fiandre)[36] 86
Belgio (Vallonia)[37] 33
Canada[38] 45
Polonia[39] 30
Stati Uniti[40] 29

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ Certificazioni 2011 Ultratop
  3. ^ Certificeringer | ifpi.dk
  4. ^ [&hitYear=2011&targetTime=11&nationGbn=E]
  5. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  6. ^ [2]
  7. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 4 settembre 2016.
  8. ^ NZ Top 40 Singles Chart | The Official New Zealand Music Chart
  9. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 4 settembre 2016.
  10. ^ Die Offizielle Schweizer Hitparade und Music Community
  11. ^ [3]
  12. ^ http://www.aria.com.au/pages/httpwww.aria.com.aupagesaria-charts-accreditations-singles-2014.htm
  13. ^ [4]
  14. ^ [5]
  15. ^ [6]
  16. ^ Connecting to the iTunes Store
  17. ^ iTunes - Musica - Party Rock Anthem (Remixes) [feat. Lauren Bennett & GoonRock] di LMFAO
  18. ^ LMFAO - News, Bilder, Videos und Konzerttermine - Universal Music
  19. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (NL) LMFAO feat. Lauren Bennett & GoonRock - Party Rock Anthem, Ultratop. URL consultato il 4 settembre 2016.
  20. ^ a b c d e f Party Rock Anthem nelle classifiche Billboard
  21. ^ Party Rock Anthem nella classifica dell'Irlanda
  22. ^ Andamento di Party Rock Anthem nella classifica del Regno Unito, OCC. (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2012).
  23. ^ Andamento di Party Rock Anthem nella classifica della Repubblica Ceca, IFPI.
  24. ^ Andamento di Party Rock Anthem nella classifica della Slovacchia, IFPI.
  25. ^ ARIA Top 100 Singles 2010
  26. ^ Jahreshitparade 2011 - austriancharts.at
  27. ^ http://www.billboard.com/#/charts-year-end/canadian-hot-100?year=2011&begin=1&order=position
  28. ^ WebCite query result
  29. ^ 2011 MTV EMA - News - MTV.de
  30. ^ Classifiche annuali Fimi-GfK: Vasco Rossi con "Vivere o Niente" è stato l'album più venduto nel 2011, fimi.it. URL consultato il 16 gennaio 2012.
  31. ^ Newsy
  32. ^ BBC - BBC Radio 1 Programmes - The Official Chart with Reggie Yates, The Top 40 Singles of the Year with Tom Deacon
  33. ^ http://www.billboard.com/#/charts-year-end/hot-100-songs?year=2011
  34. ^ Schweizer Jahreshitparade 2011 - hitparade.ch
  35. ^ (EN) ARIA Australian End of Year Chart - ARIA Top 100 Albums Chart - 2012, Australian Recording Industry Association, 7 gennaio 2013. URL consultato il 10 gennaio 2013.
  36. ^ JAAROVERZICHTEN 2012, ultratop.be. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  37. ^ (FR) RAPPORTS ANNUELS 2012, ultratop.be. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  38. ^ (EN) Canadian Hot 100, billboard.com. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  39. ^ (PL) TOP digital utworów - 2012, zpav.pl. URL consultato il 1º maggio 2013.
  40. ^ (EN) Billboard Hot 100, billboard.com. URL consultato il 15 dicembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica