Apache OpenOffice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da OpenOffice.org)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "OOo" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi OOO.
Apache OpenOffice
Logo
La schermata principale di Apache OpenOffice 4.1.4 in italiano
La schermata principale di Apache OpenOffice 4.1.4 in italiano
SviluppatoreApache Software Foundation
Data prima versione30 aprile 2002
Ultima versione4.1.5 (30 dicembre 2017)
Sistema operativoMultipiattaforma
LinguaggioC++
Java
GenereSoftware di produttività personale
LicenzaLicenza Apache 2.0
(licenza libera)
LinguaMultilingua
Sito web

Apache OpenOffice (AOO), (in precedenza OpenOffice.org, abbreviato in OOo) è un software di produttività personale sviluppato da Apache Software Foundation che dal giugno 2011 ne detiene la proprietà ed il copyright e lo distribuisce con licenza libera AL2.

Il suffisso ".org" fu aggiunto nel periodo in cui il software era gestito da Sun Microsystems (poi divenuta Oracle America) dopo una disputa sul marchio con una società olandese[1], con richiesta che il progetto adottasse formalmente OpenOffice.org come suo nome ufficiale[2]. Tuttavia, comunemente ci si riferisce tuttora alla suite senza usare il suffisso.

Sono disponibili anche diverse versioni di OpenOffice che possono essere trasportate e utilizzate su un supporto di memoria esterna, come ad esempio un supporto USB. Sono generalmente gratuite, open source e disponibili per i sistemi Windows e per Wine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia del rilascio delle versioni major dei software derivati da StarOffice e OpenOffice.org. Apache OpenOffice è in azzurro, NeoOffice in viola, LibreOffice in verde.

Nell'agosto del 1999 Sun Microsystems comprò StarDivision, una società di software tedesca che produceva la suite per l'ufficio StarOffice. Sun si poneva l'obiettivo di fornire un'alternativa al prodotto Microsoft Office, all'epoca dominante sul mercato. Nel 2000 Sun decise di rendere disponibili i sorgenti di StarOffice con licenza open source; l'anno dopo nacque il progetto OpenOffice.org. Questa strategia permise a Sun di accedere a uno sviluppo rapido con dei costi più contenuti.

A partire dalla versione 6.0, StarOffice è basato sul codice di OpenOffice.org con l'aggiunta di alcuni componenti proprietari. La relazione tra StarOffice e OpenOffice.org era molto simile a quella esistente tra Netscape Navigator e Mozilla Suite. Con l'acquisizione di Sun da parte di Oracle StarOffice per un breve periodo è stata rinominata Oracle Open Office.

Nelle prime versioni si era pensato di configurare OpenOffice.org per collegarsi con database come PostgreSQL o MySQL, avendo in questo modo a disposizione le prestazioni e le potenzialità di un vero database. Dalla versione 2.0 c'è a disposizione una gestione diretta di una base di dati e un'interfaccia utente più versatile simile a quella utilizzata da Microsoft Office (fino alla versione 2003, dopodiché l'interfaccia di quest'ultima si è differenziata notevolmente).

Dall'8 maggio 2008 è disponibile la versione beta 3.0 della suite che contiene varie novità tra le quali: in Calc è migliorato il supporto per la collaborazione su foglio di calcolo attraverso la condivisione dei workbook e aumentato a 1024 il numero delle colonne per foglio; in Writer è stato integrato un sistema di appunti rinnovato e ora è possibile visualizzare più pagine durante la revisione; inoltre sono presenti miglioramenti generali in Chart e una potenziata funzionalità di ritaglio (crop) in Draw e Impress. Inoltre OpenOffice.org 3.0 supporta lo standard OpenDocument Format (ODF) 1.2 e permette l'apertura di documenti Microsoft Office 2007 o Microsoft Office 2008 per macOS (.docx, .xlsx, .pptx ecc.). Da questa versione è disponibile uno "start center" con nuove icone dal quale è possibile avviare i vari applicativi della suite o aprire un documento specifico.

La versione 3.0.0 è la prima versione nativa anche per Mac OS X; prima tali utenti dovevano scegliere se utilizzare una versione di OpenOffice.org per X11 meno performante o una particolare versione nativa, un fork del progetto originario, denominata NeoOffice. La build stabile, distribuita il 13 ottobre 2008, non supporta più Windows98 e Mac OS X per processori PowerPC.

Dopo l'acquisizione di Sun Microsystems nel 2010, Oracle Corporation rinomina il progetto StarOffice in Oracle Open Office di cui rilascia la versione 3.3 nel dicembre dello stesso anno[3] Pochi mesi dopo, il 15 aprile 2011 Oracle arresta lo sviluppo commerciale[4] e il 1º giugno 2011 dona la suite ad Apache Software Foundation. Il successivo 13 giugno il progetto viene inserito in Apache Incubator[5][6] con lo scopo di gestire la fase transitoria.

Il rapporto con The Document Foundation e LibreOffice[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Document Foundation e LibreOffice.

Il 28 settembre 2010 alcuni membri del progetto OpenOffice.org hanno fondato il gruppo The Document Foundation distaccandosi da Oracle e chiedendo a quest'ultima di donare il marchio OpenOffice.org e prendere parte all'iniziativa.[7] Le trattative tuttavia non andarono a buon fine. Con l'intento di riunire gli sforzi (talvolta frammentati) sviluppati dalla community nel corso degli anni, la fondazione optò per la creazione di un fork della suite chiamato LibreOffice, che incorporava nella prima release anche le migliorie del progetto Go-oo.[8]

Molti contributori al progetto OpenOffice.org compresi Canonical, Google, Novell e Red Hat aderirono al progetto di The Document Foundation per la creazione di una nuova suite aperta e indipendente.[9]

Ora The Document Foundation[10] continua la diffusione della sua suite per ufficio sotto il nome LibreOffice[11] come prodotto distinto da OpenOffice.

La gestione Apache[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo di OpenOffice.org da parte di Apache fa registrare importati cambiamenti. La nuova fase riceve fin da subito il supporto di IBM che nel luglio del 2011[12] conferirà nel progetto il codice di Lotus Symphony[13]. Viene quindi deciso un cambio di licenza con l'adozione della licenza Apache. Cambia anche la denominazione del progetto che da OpenOffice.org diventa Apache OpenOffice (spesso indicato anche con l'acronimo AOO).

Apache OpenOffice 3.4 è la prima versione della suite rilasciata sotto la gestione Apache e viene resa disponibile l'8 maggio del 2012. Nell'agosto dello stesso anno la comunità di Apache OpenOffice annunciò[14] che il piano di sviluppo prevedeva di rendere disponibile Apache OpenOffice 3.5 nei primi mesi del 2013, seguito da Apache OpenOffice 4.0 che avrebbe incluso alcuni elementi presenti in Lotus Symphony. In realtà la versione 3.5 non arrivò mai al rilascio anche se nell'agosto del 2012 venne comunque presentata Apache OpenOffice 3.4.1 con una serie di aggiornamenti minori; in quell'occasione venne anche sottolineato come Apache OpenOffice 3.4.0 avesse raccolto più di 12 milioni di download nel giro di poche settimane.

Il 17 ottobre del 2012 dello stesso anno AOO venne "promosso" da Apache Incubator a progetto Top Level di Apache[15].

Apache OpenOffice 4.0 viene rilasciato il 23 luglio 2013[16] e si caratterizza per l'inclusione di diverse porzioni di codice presi da Lotus Symphony tra cui la nuova toolbar laterale. Il primo importante aggiornamento di OpenOffice 4 arriva il 29 aprile 2014 con la versione 4.1[17]. Alla fine dello stesso anno IBM annuncerà[18] la fine del supporto a Lotus Symphony suggerendo ai propri utenti di passare ad Apache OpenOffice[19].

Aggiornamenti ulteriori di Apache OpenOffice sono stati resi disponibili nel 2014 (versione 4.1.1[20]), nel 2015 (4.1.2[21]) e nel 2016 (4.1.3[22]). Nel 2017 sono state rilasciate due diverse versioni, la 4.1.4[23] il 19 ottobre e la 4.1.5[24] il 30 dicembre.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto ha come obiettivo quello di fornire a tutti gli utenti un prodotto libero che offra funzionalità comparabili con i prodotti commerciali attualmente dominanti nel settore di produttività personale.

OpenOffice offre un buon livello di compatibilità con i formati di file di Microsoft Office, ma impiega come formati predefiniti quelli definiti dallo standard internazionale OpenDocument basato su XML. I file in questo formato utilizzano l'algoritmo di compressione LZW (lo stesso dei file "ZIP") ridurre le dimensioni. Apache OpenOffice supporta ufficialmente Linux, Microsoft Windows, Solaris e macOS (la versione 2.x su macOS richiede l'uso di X11), ma è possibile installarlo anche su altri sistemi operativi[25].

Alcune funzioni richiedono l'installazione di una Java Virtual Machine JVM di Sun o Oracle (esistono anche versioni ufficiali che non richiedono java o versioni non ufficiali che usano una virtual machine libera quale Kaffe.org). La scelta di licenza fatta per OpenOffice.org (LGPL anziché GPL) ha consentito di rendere disponibili per il download versioni di OpenOffice.org con incorporato il Java Runtime Environment di Sun. Le varie versioni di Apache OpenOffice non includono invece il software JRE che può comunque essere installato separatamente. La dipendenza da Java è comunque limitata al gestore di database Base[26] e ad un numero limitato di funzioni degli altri moduli software.

Progetti aggiuntivi e paralleli di OpenOffice riguardano la stesura della documentazione, la localizzazione e la programmazione dell'infrastruttura sulla quali sono costruiti i vari moduli della suite. Esiste anche un progetto che ha come obiettivo quello di creare un archivio comune delle macro.

È disponibile in varie decine di versioni linguistiche ufficiali, a cui si aggiungono progetti di localizzazione "regionali" come, per esempio, la traduzione nei dialetti della lingua zulu sponsorizzata dal governo sudafricano o quella friulana[27].

Codice sorgente e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Come ogni software open-source, è possibile visualizzare e modificare il codice sorgente del software. Tuttavia esso non è ben commentato (alcuni commenti risalgono al vecchio StarOffice), è scritto in vari linguaggi (primariamente C++ e Java, ma anche Perl), e parte dei commenti è in tedesco.

L'API di OpenOffice è costruita secondo le specifiche della piattaforma UNO (Universal Network Objects) e consiste in un'ampia gamma di interfacce collegate tramite definizioni in linguaggio IDL (Interface Description Language).

OpenOffice usa una versione modificata di BugZilla (sviluppata da Mozilla Foundation), chiamata IssueZilla, che serve a tenere traccia di tutte le richieste, i commenti e i bug segnalati.

Licenza[modifica | modifica wikitesto]

Il codice sorgente inizialmente veniva reso disponibile da Sun prima e da Oracle poi come software libero su licenza LGPL. Il codice era inizialmente basato sui sorgenti della versione 5.2 di Staroffice, che dopo l'acquisizione da parte di Sun Microsystems è stato distribuito con licenza libera. La clausola esplicita presente nella licenza LGPL consente all'utente di rilicenziare il codice sotto licenza GPL. La proprietà esclusiva della suite impone però un fork al codice (e l'abbandono del nome) nel momento in cui dovesse essere redistribuito o variato, in quanto la licenza JCA imponeva l'esclusività dei diritti e proventi della suite solo a favore di Sun/Oracle; infatti gli sviluppatori che collaboravano ad OpenOffice.org dovevano preventivamente accettare di firmare la cessione per i diritti a Sun/Oracle secondo un accordo denominato JCA (Joint Copyright Assignment) che concedeva sia allo sviluppatore sia a Sun/Oracle la titolarità dei diritti[28].

Con il passaggio da Oracle ad Apache Software Foundation, il codice di OpenOffice è stato distribuito sotto licenza Apache[29], un tipo di licenza libera compatibile con la GPLv3.

Formato file[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: File supportati da Apache OpenOffice.
Screenshot di Writer e Calc.

OpenOffice dalla versione 2.0 salva i documenti secondo lo standard OpenDocument basato su XML successivamente compresso. La versioni precedenti utilizzavano un formato simile ma non ancora standardizzato noto come OpenOffice.org XML. Ogni file salvato da AOO possiede quindi le caratteristiche di un archivio ZIP anche se utilizza estensioni differenti; se decompresso l'archivio da accesso ad una serie di file e cartelle che descrivono le caratteristiche e il contenuto del documento. La compressione è impostata al livello 2 (bassa compressione) per rendere più rapida l'apertura dei file; è comunque possibile comprimere i documenti con tool esterni fin al livello di compressione 5 (altissima compressione) senza nessun problema d'uso da parte di AOO.

I vantaggi di questo approccio sono notevoli, ad esempio si consideri che ora sono tantissimi i prodotti, sia gratuiti sia a pagamento, che elaborano l'XML, questo vuol dire che i documenti nativi di OOo e AOO si possono elaborare con lo strumento di lavoro preferito. Le possibilità sono tantissime, una delle quali è quella di estrarre tutti i titoli dei lucidi di una presentazione. È inoltre semplice definire dei filtri di importazione ed esportazione di file XML usando l'XSLT.

Si pensi inoltre che gli oggetti inseriti in un documento vengono salvati all'interno dell'archivio ZIP. Se dunque si crea un documento di testo e vi si inseriscono delle immagini sarà semplicissimo recuperare i file grafici originari decomprimendo il file e anche in caso di corruzione del file si può sempre salvare qualcosa se non la maggior parte.

Inoltre, dalla versione 2.0 di OOo il formato di salvataggio dei documenti è OpenDocument (ODF) standard (ISO/IEC 26300:2006) definito dal consorzio OASIS e alla cui definizione hanno partecipato Sun Microsystems, Boeing, i National Archives of Australia e la Society of Biblical Literature.

I programmi KOffice e Lotus Office (IBM Lotus SmartSuite) hanno deciso di utilizzare questo formato[30], come molti altri programmi in circolazione.

Strumenti linguistici[modifica | modifica wikitesto]

Dalla versione 2.4 sono direttamente incorporati dizionario, thesaurus e sillabatore italiano. I primi due creati dal progetto Linguistico. Dalla versione 3.0 è incorporata l'estensione assemblata dal PLIO e che utilizza delle vecchie versioni dei dizionari del progetto Linguistico (il progetto Linguistico non fa parte del PLIO e viceversa): il dizionario, il thesaurus e il sillabatore. Sempre del progetto Linguistico è disponibile anche il dizionario dei cognomi italiani[31].

È facile trovare anche dizionari più specifici, come quello dei termini medici.

Estensioni[modifica | modifica wikitesto]

È possibile dotare la suite con molte funzioni attraverso le estensioni distribuite da varie fonti, per lo più con licenze libere[32]. Le estensioni consentono di ampliare le funzionalità di Apache OpenOffice intervenendo globalmente sulla suite o singolarmente sui vari moduli. Inoltre il modello delle estensioni permette di integrare in AOO componenti distribuiti sotto licenze incompatibili con la licenza Apache.

Tramite estensioni è possibile ad esempio aggiungere ad OpenOffice dizionari aggiuntivi, raccolte di modelli o veri e propri moduli aggiuntivi.

Accessibilità[modifica | modifica wikitesto]

L'estensione OpenDocument Text to DAISY DTB[33] fornisce ai moduli Writer e Math la possibilità di esportare i documenti nel formato standard ANSI/NISO Z39.86-2005 DAISY DTB Digital Talking Book[34], per i non vedenti.

PDF[modifica | modifica wikitesto]

  • L'estensione Sun PDF Import Extension[35] fornisce al modulo Draw la possibilità di modifica file PDF, anche generati al di fuori della suite, dalla versione 3.0;
  • Tutti i moduli di OpenOffice consentono di esportare in PDF qualsiasi file creato con l'applicazione.

Nel mercato[modifica | modifica wikitesto]

OpenOffice viene usato in molte amministrazioni pubbliche. Seguono alcuni esempi documentati.

Nel mondo[36]:

In Italia non è aiutato dallo Stato come accade in altri Paesi, come per esempio il Sudafrica, ma è usato presso:

Inoltre OpenOffice.org è usato in ambito scolastico italiano (su raccomandazione del Ministero dell'Istruzione) e sui PC di molti utenti per uso personale.

Altri casi d'uso possono essere trovati nel sito del progetto Linguistico[46] suddivisi per Italia, Europa e resto del Mondo.

Nonostante si tratti di software libero, e in questo caso gratuito, gli sviluppatori hanno puntato per la sua distribuzione su una campagna promozionale comparabile per contenuti a quella dei prodotti commerciali.

Un incontro annuale denominato "OpenOffice.org Conference" si è tenuto per fino al 2010; l'edizione di novembre 2009 si è svolta in Italia, a Orvieto.[47]

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel dettaglio:

Componente Descrizione Schermate
Apache OpenOffice Writer Writer Writer è un elaboratore di testi, simile a Microsoft Word, con funzionalità praticamente analoghe, presenta inoltre alcune caratteristiche non presenti nelle versioni di Word precedenti alla 2007 come la possibilità di esportare i documenti direttamente in formato PDF.

Dalla versione 2.3 è implementata la funzione di esportazione dei documenti in formato MediaWiki (Wikipedia), mediante l'estensione Sun Wiki Publisher[48]. Dal 10 settembre 2007 è disponibile l'estensione Sun Weblog Publisher per creare/pubblicare blog[49].

È inoltre capace di collegare i record di un database (anche MySQL) all'interno di un documento: cosa utile in molti casi, ad esempio:

  • bibliografie
  • indirizzari
  • citazioni

Il programma è in grado di aprire e salvare file in numerosi formati, incluso il formato OpenDocument (formato predefinito fino alla versione 2.0), il formato .doc di Word, RTF e XHTML.

OpenOffice Writer.png
Apache OpenOffice Calc Calc Calc è un foglio elettronico simile a Microsoft Excel. Anche da Calc è possibile salvare direttamente in formato PDF.

Il numero massimo di righe gestibili da Calc fino alla versione 3.2 è stato 65.536 per foglio, pari al numero massimo previsto da Excel in Microsoft Office 2003. Dalla versione 3.3 come per Microsoft Office 2007 il numero massimo è stato elevato a 1.048.576. Il numero massimo di colonne gestibili è invece 1.024, a differenza delle 256 di Excel 2003 (successivamente incrementate a 16.384 in Excel 2007).

Calc è in grado di gestire numerosi formati, compreso il formato proprietario XLS di Excel, sebbene ancora con alcune piccole incompatibilità, soprattutto quando i file contengono macro in VBA o tabelle pivot.

OpenOffice Calc.png
Apache OpenOffice Impress Impress Impress è un programma per presentazioni, appartenente alla stessa categoria di software di presentazione alla quale appartiene anche Microsoft Powerpoint. È in grado di esportare sia in PDF sia in SWF, il formato Flash.
OpenOffice Impress.png
Apache OpenOffice Base Base Base è un programma di creazione e gestione di database, simile a Microsoft Access. È basato sul "motore" HSQLDB scritto in Java, del quale Base è il front-end (gestore) grafico, ma gli utenti possono usarlo anche per connettersi a un database diverso come MySQL o PostgreSQL. Dalla versione 2.3. è disponibile un Report Builder, un avanzato creatore di Report in modalità grafica, disponibile come estensione anziché integrato direttamente nel modulo Base[50].
OpenOffice Base.png
Apache OpenOffice Draw Draw Draw è un programma di grafica vettoriale paragonabile a CorelDraw.

Draw è in grado di importare ed esportare file SVG, sebbene con alcune limitazioni. Permette di esportare direttamente verso HTML/web grazie alla possibilità di esportare le immagini in formato PNG (Portable Network Graphics). Dalla versione 2.3 offre la possibilità di scegliere dei testi alternativi per le mappe delle immagini e per i titoli e le descrizioni dei livelli. Dalla medesima versione è disponibile questa funzionalità come estensione, mentre prima occorreva incorporare almeno due 2 grandi (pesanti) librerie esterne come Java 5.0, e successive versioni, e Apache Batik (Java SVG Toolkit). Queste due modalità continueranno a essere entrambe disponibili in quanto non ancora completamente sovrapponibili come funzionalità. È in corso (agosto 2007) un progetto sponsorizzato da Google per rendere effettiva e completa questa funzionalità come estensione interna.
La versione parallela/concorrente open source della Novell, Go-oo Draw, dalla versione 3.0 ha la funzione incorporata di apertura dei file SVG.[51][52][53]
Da settembre 2010 Go-oo è confluito nell'altro progetto open source denominato LibreOffice.

OpenOffice Draw.png
Apache OpenOffice Math Math Math è uno strumento che serve per scrivere complesse formule matematiche in modo paragonabile a Derive, della statunitense Texas Instruments (Math però non permette di eseguire calcoli). Le formule create possono poi essere incluse in tutti i programmi della suite. Le formule create sono viste dai programmi Windows e Linux come un generico oggetto, trattate come immagine. Math supporta lo standard MathML e il linguaggio OpenMath.
OpenOffice Formula.png

Galleria delle icone[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia delle versioni[modifica | modifica wikitesto]

Versione Data di distribuzione Note
Build 638c ottobre 2001 La prima versione milestone
1.0 1º maggio 2002
1.0.3.1 2 maggio 2003 Raccomandata per Windows 95
1.1 2 settembre 2003
1.1.1 30 marzo 2004 TheOpenCD
1.1.2 giugno 2004
1.1.3 4 ottobre 2004
1.1.4 22 dicembre 2004
1.1.5 14 settembre 2005 UltimaVersione 1.x

Versione finale Windows 95
Può modificare file della versione 2.0

1.1.5
secpatch
4 luglio 2006 Patch per la sicurezza (macros)
2.0 20 ottobre 2005 Milestone, con molti miglioramenti
2.0.1 21 dicembre 2005
2.0.2 8 marzo 2006
2.0.3 29 giugno 2006
2.0.4 13 ottobre 2006
2.1.0 12 dicembre 2006
2.2.0 28 marzo 2007 Importante aggiornamento per la sicurezza
2.2.1 12 giugno 2007
2.3.0 17 settembre 2007
2.3.1 4 dicembre 2007 Importante aggiornamento per la stabilità
2.4.0 27 marzo 2008 Correzione di alcuni bug
2.4.1 10 giugno 2008
2.4.2 29 ottobre 2008 Ultima versione 2.x
3.0.0 13 ottobre 2008 Milestone, con molti miglioramenti
3.0.1 27 gennaio 2009 Correzione di alcuni bug
3.1.0 7 maggio 2009 Miglioramenti estetici
3.1.1 31 agosto 2009 Correzione di alcuni bug e fix di sicurezza
3.2 11 febbraio 2010[54] Nuove funzionalità[55] e miglioramenti di prestazione[56].
3.2.1 3 giugno 2010[57][58] Oracle Start Center: una nuova finestra iniziale con logo Oracle. Nuove icone del formato OpenDocument. Bug e fix di sicurezza.
3.3 25 gennaio 2011 Motto della release: "Fit and Trim"
3.4 8 maggio 2012 Prima versione Apache
3.4.1 23 agosto 2012 Aggiunta di lingue, migliorate prestazioni e stabilità
4.0.0 23 luglio 2013 Aggiunta barra laterale
4.0.1 20 settembre 2013 Correzione di bug, aggiunte 9 nuove traduzioni
4.1.0 29 aprile 2014 Possibilità di inserire commenti ed annotazioni in Writer, supporto per iAccessible e miglioramenti nell'importazione di immagini da file
4.1.1 23 agosto 2014 Correzione di bug, aggiunta la traduzione al catalano
4.1.2 28 ottobre 2015 Risolte vulnerabilità di sicurezza, diverse migliorie generali, rimosso supporto lettura file HWP
4.1.3 12 ottobre 2016 Correzione di bug, miglioramenti agli strumenti di sviluppo, aggiornamento di alcuni dizionari
4.1.4 19 ottobre 2017 Stessi miglioramenti della versione 4.1.3 più grafiche e loghi aggiornati e alcune correzioni della traduzione nell'interfaccia utente
4.1.5 30 dicembre 2017 Correzioni di bug e aggiornamento del dizionario inglese

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) David Meyer, Orange launches 'Open Office', su ZDNet. URL consultato il 28-01-2010.
  2. ^ (EN) Why should we say "OpenOffice.org" instead of simply "OpenOffice", su OpenOffice.org Frequently Asked Questions. URL consultato il 28-01-2010.
  3. ^ (IT) Oracle Open Office 3.3, Cloud Office 1.0 e OpenOffice.org: grande confusione, in Hardware Upgrade. URL consultato l'11 marzo 2018.
  4. ^ Ryan Paul, Oracle gives up on OpenOffice after community forks the project, in Ars Technica, aprile 2011. URL consultato il 19 aprile 2011.
  5. ^ Oracle Corporation, Statements on OpenOffice.org Contribution to Apache, MarketWire, giugno 2011. URL consultato il 15 giugno 2011.
  6. ^ OpenOffice.org Incubation Status, Apache Software Foundation, giugno 2011. URL consultato il 18 giugno 2011.
  7. ^ (EN) OpenOffice.org developers move to break ties with Oracle, su computerworld.com. URL consultato l'8-10-2010.
  8. ^ (EN) FAQ - The Document Foundation, su documentfoundation.org. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  9. ^ (EN) Kerry Adorno, Viva la LibreOffice!, Novell News, 28 settembre 2010. URL consultato il 24 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2011).
  10. ^ (EN) The Document Foundation, su documentfoundation.org. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  11. ^ (EN) Home of the LibreOffice Productivity Suite, su libreoffice.org. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  12. ^ (IT) IBM donerà il codice di Lotus Symphony ad Apache OpenOffice.org | Edit - Il Blog di HTML.it, in Edit. URL consultato l'11 marzo 2018.
  13. ^ (FR) http://www.lemondeinformatique.fr/actualites/lire-ibm-cede-le-code-de-symphony-a-la-fondation-apache-34214.html
  14. ^ (EN) Announcing Apache OpenOffice 3.4.1, su blogs.apache.org.
  15. ^ OpenOffice Graduates from the Apache Incubator, su blogs.apache.org, 17 ottobre 2012. URL consultato il 17 ottobre 2012.
  16. ^ La Apache Software Foundation annuncia Apache OpenOffice 4.0, su www.openoffice.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  17. ^ Informazioni su Apache OpenOffice 4.1 - IT - Apache OpenOffice Community - Apache Software Foundation, su cwiki.apache.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  18. ^ (EN) Software withdrawal and support discontinuance: IBM Lotus Symphony, su www-01.ibm.com, 09 dicembre 2014. URL consultato l'11 marzo 2018.
  19. ^ (EN) IBM End of support and migration options for IBM Lotus Symphony - Italia, su www-01.ibm.com, 08 gennaio 2014. URL consultato l'11 marzo 2018.
  20. ^ Informazioni su Apache OpenOffice 4.1.1 IT - Apache OpenOffice Community - Apache Software Foundation, su cwiki.apache.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  21. ^ Note di rilascio di Apache OpenOffice 4.1.2 [IT] - Apache OpenOffice Community - Apache Software Foundation, su cwiki.apache.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  22. ^ Informazioni su Apache OpenOffice 4.1.3 - Italiano - Apache OpenOffice Community - Apache Software Foundation, su cwiki.apache.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  23. ^ Informazioni su Apache OpenOffice 4.1.4 (Italiano) - Apache OpenOffice Community - Apache Software Foundation, su cwiki.apache.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  24. ^ Informazioni su Apache OpenOffice 4.1.5 (Italiano) - Apache OpenOffice Community - Apache Software Foundation, su cwiki.apache.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  25. ^ Apache OpenOffice - Third-Party ports and distributions, su www.openoffice.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  26. ^ Java and Apache OpenOffice, su www.openoffice.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  27. ^ Progetto per OpenOffice in friulano
  28. ^ Joint Copyright Assignment, su OpenOffice.org. URL consultato il 30-10-2010.
  29. ^ Il progetto Apache OpenOffice annuncia Apache OpenOffice ™ 3.4, su www.openoffice.org. URL consultato l'11 marzo 2018.
  30. ^ KOffice 2 sfida OpenOffice anche su Windows
  31. ^ prLing, Linguistico, su linguistico.sourceforge.net. URL consultato il 03-06-2010.
  32. ^ (EN) OpenOffice.org Extensions
  33. ^ OpenDocument Text to DAISY DTB Archiviato il 20 ottobre 2008 in Internet Archive.
  34. ^ Digital Talking Book Archiviato il 23 gennaio 2009 in Internet Archive.
  35. ^ Sun PDF Import Extension
  36. ^ (EN) Free and open source software activities in European Information Society initiatives da cordis.europa.eu
  37. ^ Il Vietnam passa a Linux Archiviato il 16 maggio 2011 in Internet Archive.
  38. ^ Yamagata prefectural government decides to adopt OpenOffice.org, su openoffice.exblog.jp. URL consultato il 18-11-2010.
  39. ^ Regione Emilia-Romagna, La Regione passa a OpenOffice, su regione.emilia-romagna.it.
  40. ^ Il comune dice addio al software a pagamento
  41. ^ Asl Sassari - Home page
  42. ^ Università degli Studi di Palermo Archiviato il 6 ottobre 2008 in Internet Archive.
  43. ^ ERSU PALERMO | Ente per il Diritto allo Studio Universitario
  44. ^ CNA di Pistoia
  45. ^ CPEL - CELVA
  46. ^ openoffice.org
  47. ^ "Cento Milioni" Conference a Orvieto Archiviato il 10 gennaio 2010 in Internet Archive.
  48. ^ (EN) Estensione Sun Wiki Publisher
  49. ^ (EN) Estensione Sun Weblog Publisher
  50. ^ (EN) Sun Report Builder da extensions.services.openoffice.org
  51. ^ SVG Import Filter - OpenOffice.org wiki
  52. ^ SVG Import Extension - OpenOffice.org repository for extensions
  53. ^ SVG Tiny Import/Export Archiviato il 26 maggio 2009 in Internet Archive. (does not work with OOo 3.1) - OpenOffice.org repository for extensions
  54. ^ Roadmap dello sviluppo di OpenOffice 3.2, su wiki.services.openoffice.org. URL consultato l'11-02-2010.
  55. ^ (EN) Features planned for OOo 3.2 (November 2009), su OpenOffice.org wiki, 1º agosto 2009. URL consultato il 23 agosto 2009.
  56. ^ (EN) Performance, su OpenOffice.org wiki, 24 luglio 2009. URL consultato il 3 giugno 2010.
  57. ^ Roadmap dello sviluppo di OpenOffice 3.2.1, su wiki.services.openoffice.org. URL consultato il 02-06-2010.
  58. ^ (EN) OpenOffice.org Weekly Status Meetings, su OpenOffice.org wiki. URL consultato il 10 maggio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Siti ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Documentazione[modifica | modifica wikitesto]