Noah Jupe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Noah Casford Jupe (Islington, 25 febbraio 2005) è un attore inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Noah è nato a Islington, Londra, figlio del regista Chris Jupe e dall'attrice Katy Cavanagh.[1] Ha iniziato la sua carriera da attore nel 2015 con alcune apparizioni nelle serie televisive Penny Dreadful e Downton Abbey.[2] Nel 2016 ha interpretato i suo primi ruoli da co-protagonista nelle serie tv The Night Manager, insieme a Tom Hiddleston,[3] e Houdini & Doyle.[4] Nel 2017 ha debuttato sul grande schermo con HHhH, un film drammatico sulla seconda guerra mondiale, in cui ha recitato insieme a Jason Clarke e Rosamund Pike,[5] come figlio di Matt Damon nel film commedia nera, Suburbicon, diretto da George Clooney,[6] e infine nella commedia drammatica Wonder nei panni di Jack Will, il migliore amico di Auggie Pullman (interpretato da Jacob Tremblay) e con il suo ex migliore amico Julian.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Giulio Bartolomei in Suburbicon, A Quiet Place - Un Posto Tranquillo
  • Mattia Fabiano in The Night Manager
  • Diego Follega in Wonder

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Will Payne, 'No ovaries' Corrie star Katy Cavanagh expecting her third baby, in mirror, 02 dicembre 2012. URL consultato il 04 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) Meet the cast of The Night Manager, in Radio Times. URL consultato il 04 dicembre 2017.
  3. ^ (EN) Meet the cast of The Night Manager, in Radio Times. URL consultato il 04 dicembre 2017.
  4. ^ (EN) 'Night Manager' Actor Joins Julia Roberts, Jacob Tremblay in 'Wonder' (Exclusive), in The Hollywood Reporter. URL consultato il 04 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) First Trailer for WWII Film 'HHhH', or 'The Man With The Iron Heart', in FirstShowing.net. URL consultato il 04 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) George Clooney Was 'Always Making Everyone Laugh' on 'Suburbicon' Set, in Us Weekly, 27 ottobre 2017. URL consultato il 04 dicembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]