Nicki Sørensen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicki Sørensen
Isbergues - Grand Prix d'Isbergues, 21 septembre 2014 (B122).JPG
Nicki Sørensen al Grand Prix d'Isbergues 2014
Nazionalità Danimarca Danimarca
Altezza 182[1] cm
Peso 71[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2014
Carriera
Squadre di club
1999 Team Chicky World
2000 Team Fakta
2001-2008 Team CSC
2009-2013 Saxo Bank
2014 Tinkoff
Nazionale
1999-2014 Danimarca Danimarca
Carriera da allenatore
2015- Tinkoff
Statistiche aggiornate al gennaio 2015

Nicki Sørensen (Hillerød, 14 maggio 1975) è un dirigente sportivo ed ex ciclista su strada danese. Professionista dal 1999 al 2014, ha vinto una tappa alla Vuelta a España 2005 e una al Tour de France 2009. Dal 2015 fa parte del management della Tinkoff-Saxo

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il suo approccio alla bicicletta avvenne in età avanzata, dato che fino a 19 anni si dilettava nella corsa. Passò professionista nel 1999, accasandosi presso il team danese Chicky World[1]. Al termine della stagione si trasferì al Team Fakta, con il quale ottenne buoni risultati e si meritò la convocazione per i Giochi olimpici di Sydney.

Nel 2001 venne tesserato dal team di Bjarne Riis, la CSC-Tiscali, formazione con la quale partecipò a cinque Tour de France consecutivi; in quelle edizioni della Grande Boucle garantì un grande apporto alla squadra ed al proprio capitano Tyler Hamilton, il quale riuscì a vincere la sedicesima tappa del Tour de France 2003 proprio grazie a Sørensen (che, nonostante fosse in fuga, lo aspettò). Negli anni Sørensen ha ottenuto anche vittorie di tutto rispetto, tra cui una tappa alla Vuelta a España 2005 e una al Tour de France 2009, e quattro titoli nazionali in linea[1].

Con la Nazionale danese ha partecipato a tre edizioni dei Giochi olimpici e a sei edizioni dei Campionati del mondo.

Nel giugno 2015 ammette in un'intervista di aver fatto uso di sostanze dopanti all'inizio della sua carriera, negando però di essere stato indirizzato da Bjarne Riis a farlo.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Criterium di Echt
Criterium di Charlottenlund
4ª tappa Tour Méditerranéen (cronosquadre, Bouc-Bel-Air > Berre-l'Étang)
5ª tappa Giro d'Italia (cronosquadre, Piacenza > Cremona)
1ª tappa, 2ª semitappa, Settimana Internazionale di Coppi e Bartali (cronosquadre, Misano Adriatico)
1ª tappa Vuelta a España (cronosquadre, Málaga)
Criterium di Charlottenlund
Eindhoven Team Time Trial
CSC Copenhagen Cycling
Designa Grandprix

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2006: 77º
2008: 34º
2010: 72º
2001: 49º
2002: 20º
2003: 44º
2004: 88º
2005: 71º
2008: 118º
2009: 31º
2010: 155º
2011: 95º
2005: 38º
2006: 28º
2011: 120º
2012: 155º
2013: 100º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2012: 60º
2014: 32º
2001: 100º
2002: 17º
2003: 38º
2004: 60º
2005: 17º
2006: ritirato
2007: 21º
2008: 25º
2009: 26º
2010: 84º
2011: 21º
2012: 46º
2013: 17º
2001: 26º
2002: ritirato
2004: ritirato
2005: 57º
2006: ritirato
2009: ritirato
2012: 43º
2014: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (DA) Nicki Sørensen, www.tinkoffsaxo.com. URL consultato il 29 marzo 2014.
  2. ^ Nicki Sørensen ammette: “Mi sono dopato” gazzetta.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]