Muscolo piccolo romboide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piccolo romboide
Rhomboideus minor.png
Anatomia del Gray(EN) Pagina 434
Nome latinomusculus rhomboideus minor
SistemaSistema muscolare
OrigineProcessi spinosi di C7 e T1
Inserzionemargine mediale della scapola, sopra l'inserzione del grande romboide
Antagonistamuscolo dentato anteriore
AzioniRetrazione della scapola, rotazione della scapola per abbassare la cavità glenoidea. Inoltre fissa la scapola alla gabbia toracica.
Nervonervo dorsale della scapola (C4 e C5), rami laterali del plesso brachiale
Identificatori
TAA04.3.01.008
FMA13380

Il muscolo piccolo romboide è un muscolo estrinseco del dorso, appartenente al gruppo dei muscoli spinoappendicolari. È sito superiormente al muscolo grande romboide, dal quale è separato da un interstizio, sebbene i margini adiacenti dei due muscoli possano essere occasionalmente uniti; assieme al muscolo grande romboide, è superficialmente ricoperto dal muscolo trapezio, che si sovrappone anche ai muscoli dentato posterosuperiore, erector spinae, intercostali e alle coste.

Origine e inserzione[modifica | modifica wikitesto]

Origina dai processi spinosi della settima vertebra cervicale (C7) e della prima vertebra toracica (T1), nonché dal legamento nucale, e si inserisce al margine mediale della scapola.

Azione[modifica | modifica wikitesto]

Assime al muscolo grande romboide, suo agonista, solleva la scapola, avvicinandola al contempo alla colonna vertebrale. Agendo assieme al muscolo gran dentato, suo antagonista, stabilizza la cosiddetta articolazione scapolotoracica, spingendo il margine mediale della scapola contro il torace.

Innervazione[modifica | modifica wikitesto]

Il muscolo piccolo romboide è innervato, assieme al muscolo grande romboide, dai nervi laterali del plesso cervicale e dal nervo dorsale della scapola (C4-C5), ramo posteriore del plesso brachiale. Complessivamente, l'innervazione fa capo ai neuromeri C3-C7.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Anastasi, et al., Anatomia Umana, Milano, EdiErmes, 2020, vol. 1, p. 328.
  • Giuseppe Anastasi, et al., Anatomia Umana, Milano, EdiErmes, 2020, vol. 3, pp. 429, 431.
  • Eduard Pernkopf, Atlas der topographischen und angewandten Anatomie der Menschen, München–Wien–Baltimore, 1980, Urban & Schwarzenberg, vol. 2, p. 26.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]