Muscolo cremastere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Muscolo cremastere
Gray1143.png
Anatomia del Gray(EN) Pagina 414
Nome latinomusculus cremaster
SistemaSistema muscolare
Originelegamento inguinale
Inserzionetunica vaginale
Azioniraising intra-abdominal pressure
Arteriaarteria cremasterica
Nervoramo genitale del nervo genitofemorale
Identificatori
TAA04.5.01.018M
FMA21531

Il muscolo cremastere, nell'anatomia umana, è un muscolo scheletrico che ricopre i testicoli. Nonostante sia striato, normalmente non è sotto il controllo volontario.[1]

Si sviluppa pienamente solamente negli uomini, mentre nelle donne si osservano solo alcune anse muscolari attorno al legamento rotondo dell'utero.

È formato da fascetti carnosi che si trovano nel canale inguinale e nello scroto fra gli strati interni ed esterni della fascia spermatica, circondando i testicoli e il funicolo spermatico. È un muscolo bilaterale, estensione del muscolo obliquo interno addominale; si origina anche dal tubercolo pubico e dal legamento inguinale, per poi arrivare al funicolo spermatico. Riceve la sua innervazione dalla ramificazione genitale del nervo genitofemorale (vedi anche Riflesso cremasterico).

La sua funzione è quella di sollevare ed abbassare lo scroto influendo sulla regolazione della temperatura dei testicoli in favore della spermatogenesi. Così, in ambienti freschi, il cremastere raccoglie i testicoli in vicinanza del corpo riducendo la perdita di calore, mentre con un clima caldo, rilassandosi, si distanzia dal calore prodotto dal corpo umano, permettendo un significativo abbassamento della temperatura. Questa funzione è importante poiché permette una corretta gametogenesi, che avviene ad una temperatura inferiore di alcuni gradi a quella normale del corpo.

Per le professioni esercitate in prossimità di fonti di calore (per esempio addetti alle fonderie, soffiatori di vetro, cuochi, panettieri) l'innalzamento della temperatura è un fattore di rischio lavorativo che può portare ad alterazioni della spermatogenesi e riduzione della fertilità.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Netter Gray : la chiarezza e il fascino dell'anatomia., Edra Masson, 2014, ISBN 9788821439179, OCLC 955302092.
  2. ^ P. Anzidei, R. Giovinazzo, F. Venanzetti, ESPOSIZIONE LAVORATIVA: EFFETTI SULLA BIOLOGIA RIPRODUTTIVA (PDF), su inail.it. URL consultato l'11 maggio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]