Chinesiologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la terapia di medicina alternativa, vedi Kinesiologia applicata.

La chinesiologia (a volte indicata anche come cinesiologia) è la scienza che studia il movimento umano razionale attivo in tutte le sue forme. Il movimento attivo viene studiato nelle sue diverse aree: intellettivo-cognitiva, affettivo-emotiva, fisico-motoria, sociale-relazionale.

Il termine venne coniato da Carl August Georgii (1808-1881) per riferirsi alla figura dell'attuale fisioterapista, allora formata presso il Royal Central Institute of Gymnastics di Pehr Henrik Ling[1].

L'etimologia fa riferimento ai termini greci kínesis, nel senso di movimento, e lógos, nel senso di studio.

La chinesiologia non va confusa con la kinesiologia applicata che opera nell'ambito delle discipline terapeutiche alternative e, contrariamente alla chinesiologia, manca di fondamenti scientifici.

Chinesiologia in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la chinesiologia è una materia di studio comune a vari percorsi di formazione accademica.

I campi di applicazione della chinesiologia riguardano il movimento umano razionale attivo ad indirizzo:

  • educativo (ed.fisica nelle scuole)
  • preventivo (ginnastica posturale, di mantenimento, terza età, fitness, ecc.)
  • formativo (ginnastica per bambini, giovani, ecc.)
  • ricreativo (ginnastica con musica, animazione, giochi, ecc.)
  • sportivo (preparazione atletica, allenamenti, ecc.)
  • adattato e compensativo.

[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, le figure di Diplomati degli Istituti Superiori di Educazione Fisica (ISEF), in secondo tempo dai Dottori in Scienze Motorie e Sportive hanno attribuito a sé tale denominazione.

Pertanto, in Italia con il termine Chinesiologo si è identificato:

  • il Diplomato ISEF
  • il Dottore in Scienze motorie e sportive
  • l'operatore in possesso di titolo di studio riconosciuto equipollente da apposito decreto ministeriale

Legge n. 4/2013[modifica | modifica wikitesto]

La professione di chinesiologo, non esplicitamente regolamentata nell'ordinamento italiano, rientra tra quelle disciplinate dalla legge 4/2013 in materia di professioni non regolamentate[2].

L'art. 1 comma 2 di tale legge precisa che

« Ai fini della presente legge, per «professione non organizzata in ordini o collegi », di seguito denominata «professione », si intende l’attività economica, anche organizzata, volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi, esercitata abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, o comunque con il concorso di questo, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell’articolo 2229 del codice civile, delle professioni sanitarie, delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative »

Tale legge delega la qualificazione di tali professioni non organizzate in ordini o collegi alla Normativa Tecnica UNI; in questo senso si inserisce la norma UNI n. 11475:2013 del 14 febbraio 2013 che stabilisce le abilità, le conoscenze e le competenze del Chinesiologo.

Chinesiologo ed attività sanitaria[modifica | modifica wikitesto]

Il chinesiologo non può svolgere, in alcun modo, attività sanitarie in quanto non rientra tra le professioni sanitarie.

Intesa tra LSM e Fisioterapisti[modifica | modifica wikitesto]

Un'intesa[3] siglata dalle associazioni maggiormente rappresentative dei Laureati in Scienze Motorie e Sportive (LSM) e dei Dottori Fisioterapisti, nonché dal Ministero della Salute e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR)[4], stabilisce le competenze e i limiti di intervento dei Laureati in Scienze Motorie impiegati nella promozione della salute.

Tra le competenze rientrano le attività motorie e sportive che si possono far praticare:

  1. alle persone che hanno terminato l'inter riabilitativo,
  2. ai soggetti con patologie stabilizzate,
  3. per prevenire l'obesità, l'involuzione muscolo-scheletrica ed il diabete,
  4. a persone, anche con disabilità motoria, che percepiscono il bisogno di muoversi o gli è consigliato
  5. per combattere l'ipomobilità,
  6. per favorire la socializzazione e promuovere stili di vita corretti.

I limiti di intervento sussistono nelle seguenti categorie:

  1. esiti di Ictus cerebri entro l'anno dall'esordio
  2. malattia di Parkinson e parkinsonismi "instabili"
  3. malattie demielinizzanti
  4. esiti recenti (entro l'anno dall'intervento) di sostituzioni protesiche articolari
  5. esiti recenti (entro 3 mesi dall'intervento) di qualsiasi intervento chirurgico

Per quanto concerne le categorie di cui ai punti 1, 4 e 5, i periodi possono essere modificati dal medico prescrittore che, sulla base delle evidenze scientifiche, può allungare o abbreviare i tempi.

Inoltre, l'intesa siglata sancisce che la rieducazione motoria nonché la rieducazione posturale rivolta alle persone con patologia non stabilizzata, o in fase di iter riabilitativo, sono interventi sanitari riservati per legge alle professioni sanitarie. La rieducazione motoria, intesa come ri-atletizzazione o mantenimento della funzionalità post riabilitativa, sono invece ambiti non sanitari di competenza del dottore in scienze motorie (qui definito Chinesiologo).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ottosson A., The first historical movements of kinesiology:scientification in the border line between physical culture and medicine around 1850. Int J Hist Sport 2010;27(11):1829-1919; Schöler JH. Über die Anfänge der Schwedischen Heilgym nasty in Deutschland: ein Beitrag zur Geschichte der Kranken gymnastikim 19. Jahrhundert, 2005
  2. ^ LEGGE 14 gennaio 2013, n. 4
  3. ^ http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato6424975.pdf
  4. ^ Siglata intesa tra fisioterapisti e laureati in scienze motorie. Balduzzi molto soddisfatto - Quotidiano Sanità

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina