Professionista sanitario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Professioni sanitarie in Italia)
Jump to navigation Jump to search

Il professionista sanitario è un operatore che fornisce servizi di assistenza sanitaria preventiva, curativa, promozionale o riabilitativa in modo sistematico a persone, famiglie o comunità.

Tale professionista opera nei rami dell'assistenza sanitaria, tra alcuni di questi settori: medicina, chirurgia, odontoiatria, farmacia, biologia, psicologia, ostetricia e infermieristica.

Professioni sanitarie in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Le professioni sanitarie nell'ordinamento italiano sono tutte quelle professioni i cui operatori, in forza di un titolo abilitante rilasciato/riconosciuto dalla Repubblica italiana, lavorano in campo sanitario.

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2006 sono esclusivamente di livello universitario,[1] sono poste sotto la vigilanza del Ministero della Salute, e per esercitare una di esse occorre aver conseguito una laurea magistrale (Medico, Psicologo, Biologo, Dentista, Farmacista, Veterinario) o una laurea triennale (Infermiere, Ostetrico, Fisioterapista, logopedista, Educatore Professionale, Tecnico Audioprotesista, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica, Igienista Dentale, Tecnico Audiometrista, Ortottista, Terapista Occupazionale), ed aver successivamente superato un esame di Stato per l'abilitazione alla relativa professione.

Accanto ad esse, vi sono poi figure di livello inferiore, con funzioni serventi ed ausiliarie, la cui formazione non avviene in ambito universitario(O.S.S,assistente alla poltrona); ai sensi della legge n. 43 del 2006, alle Regioni è, infatti, consentita la possibilità di individuare e formare operatori di interesse sanitario non riconducibili alle professioni sanitarie già esistenti, la cui formazione professionale è di livello secondario e non terziario.

Disciplina normativa italiana[modifica | modifica wikitesto]

La Corte costituzionale della Repubblica Italiana ha affermato che, ai sensi del riparto di competenze di cui all'art. 117 della Costituzione della Repubblica Italiana (parte II, Titolo V) e delle numerose pronunce della Consulta, la potestà legislativa regionale nella materia concorrente delle professioni sanitarie deve rispettare il principio secondo cui l'individuazione delle figure professionali, con i relativi profili e titoli abilitanti, è riservata, per il suo carattere necessariamente unitario, allo Stato, rientrando nella competenza delle Regioni la disciplina di quegli aspetti che presentano uno specifico collegamento con la realtà regionale.[2]

Norme principali in tema sono:

  • T.U. delle leggi sanitarie del 1934;
  • D.M. 28.11.2000, Determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche, pubblicato nella G. U. 23.01.2001 n.18, S.O.
  • Direttiva comunitaria 2005/36 del 07.09.2005
  • D.L.vo 09.11.2007 n. 206;
  • D. Lgs. 02.05.1994, n. 319;
  • D. Lgs. 27.01.1992, n. 115;
  • Art. 6, comma 3, D. Lgs 30.12.1992, n. 502 e successive modifiche ed integrazioni;
  • L. 10.08.2000, n. 251;
  • L 26.02.1999, n. 42;
  • L. 08.01.2002, n.1;
  • D.M. 29.03.2001 Definizione delle figure professionali, ecc., pubblicato nella G. U. 23.05.2001, n. 118;
  • D.M. 02.04.2001 Determinazione delle classi delle lauree specialistiche universitarie delle professioni sanitarie, pubblicato sul S. O. n.136, G.U. 05.06.2001, n.128;
  • Direttiva comunitaria 89/48 CEE;
  • Direttiva comunitaria 92/51/CEE;
  • Direttiva comunitaria 2001/19/CE.
  • Legge 1 febbraio 2006, n. 43[3]

È stata approvata in via definitiva dal Parlamento il 19 dicembre 2012 la legge sulle professioni non regolamentate (Disegno di legge n° 3270) e pubblicata in G.U. il 4 gennaio 2013,[4] con la quale si dettano norme per il riconoscimento delle professioni non organizzate, dalle quali, però, restano fuori le attività riservate per legge alle professioni sanitarie.

L'art. 1 comma 2 di tale legge, infatti, precisa che:

«Ai fini della presente legge, per «professione non organizzata in ordini o collegi», di seguito denominata «professione», si intende l’attività economica, anche organizzata, volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi, esercitata abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, o comunque con il concorso di questo, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell’articolo 2229 del codice civile, delle professioni sanitarie, delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative»

Tale comma quindi esclude dal campo di attività di «queste professioni non regolamentate» le attività riservate per legge alle 28 professioni sanitarie di livello universitario e poste sotto la vigilanza del Ministero della Salute.[5]

Il 7 febbraio 2013 la conferenza Stato-Regioni ha approvato un provvedimento in cui viene ribadito che le attività di cura, diagnosi, prevenzione, assistenza e riabilitazione sono riservate alle professioni sanitarie poste sotto la vigilanza del Ministero della Salute;[6] tali attività sono pertanto precluse ai soggetti di cui alla legge 4 gennaio 2013.[7]

Il 15 febbraio 2018 è entrata in vigore la Legge 11 gennaio 2018 n. 3 "Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonchè disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della Salute. (GU Serie Generale n. 25 del 31.01.2018) nota anche come Legge Lorenzin.

Elenco professioni sanitarie in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Le professioni sanitarie, poste sotto la vigilanza del Ministero della Salute, svolgono attività di prevenzione, diagnosi, assistenza, cura e riabilitazione . Esse sono:[8]

Ad esse seguono le professioni sanitarie assistenziali, riabilitative e tecniche:

Altre figure sanitarie[modifica | modifica wikitesto]

Con la legge n.43/2006 è stata istituita la figura del "Coordinatore delle professioni sanitarie", che deve essere in possesso di master di primo livello in management o per le funzioni di coordinamento nell'area di appartenenza.[16]

Accanto alle Professioni sanitarie esistono anche altre figure sanitarie, di livello non universitario, che sono:[8]

Ordini e collegi delle professioni sanitarie[modifica | modifica wikitesto]

Con il Decreto del 13 marzo 2018, attuativo della Legge n. 3 del 2018, vengono istituiti gli albi di 17 professioni sanitarie, fino ad oggi regolamentate e non ordinate, che entreranno a far parte dell’"Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione". Si completa così il quadro normativo per tutte le 22 professioni sanitarie, ognuna delle quali avrà un Albo professionale di riferimento. [17]

Questo l’elenco dei nuovi albi delle professioni sanitarie istituiti: Tecnico sanitario di laboratorio biomedico, Tecnico audiometrista, Tecnico audioprotesista, Tecnico ortopedico, Dietista, Tecnico di neurofisiopatologia, Tecnico fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, Igienista dentale, Fisioterapista, Logopedista, Podologo, Ortottista e assistente di oftalmologia, Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, Tecnico della riabilitazione psichiatrica, Terapista occupazionale, Educatore professionale albo della professione sanitaria di Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Per l'esercizio di ciascuna delle professioni sanitarie in qualunque forma giuridica svolto, è ora necessaria l'iscrizione al rispettivo albo professionale.

Questi quindi sono gli ordini delle professioni sanitarie, ciascuno con uno o più albi degli iscritti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ art. 4 quater Legge 3 febbraio 2006 n. 27, su camera.it. URL consultato il 16 giugno 2013.
  2. ^ Corte Costituzionale n. 300 del 22 ottobre 2010
  3. ^ Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico riabilitative, tecnico-sanitarie e della sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per prevenzione e delega al Governo per l’istituzione dei relativi ordini professionali istituzione dei relativi ordini professionali
  4. ^ Parlamento Italiano - Disegno di legge S. 3270 - 16ª Legislatura
  5. ^ http://aifi.net/wp-content/uploads/2013/02/026-13-BALDUZZI-SU-PROFESSIONI-SANITARIE.pdf[collegamento interrotto]
  6. ^ http://aifi.net/wp-content/uploads/2013/02/Accordo_Stato_Regioni_attività_.pdf Archiviato il 23 marzo 2013 in Internet Archive.
  7. ^ La "legge 4/2013" e le illusioni sull'accreditamento "facile" delle professioni non organizzate - Quotidiano Sanità
  8. ^ a b Elenco professioni, su http://www.salute.gov.it, Ministero della Salute.
  9. ^ D. Lgs. 17.08.1999, n. 368
  10. ^ FIMMG
  11. ^ L. 24.07.1985, n. 409
  12. ^ D. Lgs. 08.08.1991, n. 258
  13. ^ L. 08.11.1984, n. 750
  14. ^ L. 18 febbraio 1989, 56/89
  15. ^ a b D.M. 17.01.1997, n. 56
  16. ^ http://www.aslal.it/allegati/Formazione/Corso_responsabilita_giuridica/02_legge_43_ok.pdf
  17. ^ Informa Giovani

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4024024-1