Lega Giovani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Movimento Giovani Padani)
Jump to navigation Jump to search
Lega Giovani
Movimento dei Giovani Padani
SegretarioLuca Toccalini
StatoItalia Italia
AbbreviazioneLG
Fondazione1991
PartitoLega Nord
IdeologiaPopulismo di destra[1][2][3]
Sovranismo[4]
Regionalismo[1][5]
Partito pigliatutto[6][7][8]
Nazionalismo italiano[9]
Protezionismo[10]
Antiglobalizzazione[11]
Nazionalismo religioso[12][13][14]
Identitarismo[15][16]
Antimmigrazione[17][18][19][20][21]
Conservatorismo nazionale[9]
Euroscetticismo[22][23]
Antislamismo[24]
Destra sociale[25]
Federalismo[26][27]
Storicamente:
Indipendentismo padano[28][29][30][31][32]
Anti-meridionalismo[33][34]
Etnonazionalismo[35]
Settentrionalismo
CollocazioneDestra
TestataIl Populista (online)
SloganSono Giovane, Sono Padano [36]
Sito webwww.giovanipadani.leganord.org

La Lega Giovani o Movimento dei Giovani Padani è il movimento politico giovanile della Lega Nord.

Il Movimento dei Giovani Padani nasce a Milano nel 1991 da un'idea del deputato Paolo Grimoldi, ha sempre accompagnato il partito dai punti di vista della politica e delle idee.[37]

Nel 2018 il Movimento dei Giovani Padani viene ribattezzato Lega Giovani, per adeguarsi alla nuova prospettiva nazionale del partito.[38] Ad oggi però in alcune regioni del settentrione resta ancora attivo il partito Movimento dei Giovani Padani.

La Lega giovani è ad oggi presente in tutte le regioni e riunisce ragazzi dai 13 ai 30 anni. Una particolarità del movimento è la non obbligatorietà della tessera d'iscrizione che resta fortemente consigliata.

La Lega Giovani conta, in tutto, circa 3000 iscritti. La realtà numericamente più forte è la Lombardia, seguita da Veneto e Piemonte.[37]

Il giorno 14 settembre 2019 viene nominato come coordinatore della Lega Giovani Luca Toccalini[39][40].

Il simbolo[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera del Movimento Giovani Padani durante una manifestazione a Milano

Simbolo del Movimento Giovani Padani è un soldato medievale in piedi su un muretto dietro al quale si possono notare le spade sguainate e i vessilli di un esercito pronto a combattere. Il soldato impugna anch'egli la spada sguainata nella mano destra, mentre con la sinistra regge uno scudo già provato dalla battaglia; il suo abbigliamento è quello comune in molte rappresentazioni del guerriero medievale: di rilievo la croce che porta dipinta sul pettorale. Il soldato è ricorrente nella simbologia della Lega Nord e ricorda l'emblematica figura di Alberto da Giussano, il condottiero che si narra abbia guidato vittoriosamente le truppe della Lega Lombarda nella Battaglia di Legnano del 1176.

Questa simbologia marziale, secondo le intenzioni del Movimento, non vuole inneggiare alla guerra, bensì dovrebbe rappresentare l'immagine della vittoria dei popoli oppressi contro chi detiene il potere. Completa il simbolo del movimento il Sole delle Alpi di colore verde, vessillo della Padania.[41]

Questo simbolo ha iniziato ad essere meno utilizzato dopo il revisionismo interno ideologico della Lega, dopo la quale è passata da settentrionalista a nazionalista. Anche il MGP ha così iniziato ad essere noto anche come Lega Giovani su tutto il territorio italiano, non portando più il vecchio simbolo, considerato troppo settentrionalista, e presentando semplicemente quello della Lega di Salvini con o senza minime modifiche (come ad esempio il simbolo in risalto della Lega - Salvini Premier e in basso a sinistra quello della sezione locale del MGP, questo ovviamente nelle località settentrionali).[38]

Struttura e organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Movimento Giovani Padani ha una propria struttura organizzata su base territoriale e gerarchica, ad ogni modo indipendente da quella del movimento politico principale, la Lega Nord, nonostante ne segua a grandi linee lo schema. Le figure di riferimento prendono il nome di coordinatori, ai vari livelli (federale, nazionale, provinciale e cittadino).[42] Lo schema seguito è formato da 3 macro aree: I Gruppi cittadini - sono la macro area più sviluppata del Movimento dei Giovani Padani - Il coordinamento provinciale - c'è ne è uno per ogni provincia, e si occupa di gestire e coordinare tutti i gruppi cittadini del determinato territorio - e il Coordinamento nazionale che controlla tutti i coordinamenti provinciali ed è a stretto contatto con il coordinamento della Lega Nord.

Una manifestazione del Movimento Giovani Padani
Matteo Salvini parla ad una manifestazione del Movimento Giovani Padani a Milano


Coordinatori Nazionali Lega Giovani[modifica | modifica wikitesto]

Sezione nazionale Coordinatore
Veneto Piergiovanni Sorato (commissario)
Lombardia Alessandro Verri
Piemonte Flavio Gastaldi
Valle d'Aosta Edoardo Moroni
Alto Adige Filippo Maturi
Trentino Marco Leonardelli
Friuli-Venezia Giulia Andrea Tomasella (commissario)
Emilia Tommaso Vergiati
Liguria Giuseppe Grisolia

(commissario)

Romagna Andrea Costantini
Toscana Federico Bussolin
Abruzzo Francesco De Santis
Lazio Marco Pietrandrea
Molise Giulia Minnillo
Marche Stefano Bizzarri
Umbria Jacopo Pastorelli
Campania Nicholas Esposito
Basilicata Gabriele Propati
Calabria Angelo Greco
Sicilia Orientale Alessandro Lipera
Sicilia Occidentale Giuseppe Miccichè
Sardegna Andrea Piras
Puglia Marco Volpe

Coordinamento federale[modifica | modifica wikitesto]

Il livello più alto è quello federale, costituito dai coordinatori nazionali e da una rappresentanza elettiva . Questo gruppo di persone è detto coordinamento federale ed è presieduto dal Coordinatore Federale (attualmente Luca Toccalini), eletto in assemblea da tutti i soci militanti della Lega Nord che non abbiano compiuto il 31esimo anno di età. Lo scopo del coordinamento federale è essenzialmente quello di curare i rapporti con la segreteria federale della Lega Nord, stabilire la linea politica, e organizzare gli avvenimenti più importanti, nonché poi trasmettere le decisioni prese ai coordinamenti nazionali, che a loro volta le devono notificare ai coordinatori provinciali. Sono membri del coordinamento federale, su nomina del coordinatore federale, il coordinatore federale del Movimento Universitario Padano (Alessandro Verri), il coordinatore del Movimento Studentesco Lorenzo Bonardi e il coordinatore della struttura comunicativa Andrea Zanelli.[senza fonte]

Movimenti ed entità giovanili collegate[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Grimoldi il 30 gennaio 2008 ad un convegno sui rifiuti napoletani

Al Movimento dei Giovani Padani fanno capo le seguenti entità collegate: Movimento Studentesco Padano, Movimento Universitario Padano e Giovani Amministratori Padani.[43]

Movimento Studentesco Padano (M.S.P.)[modifica | modifica wikitesto]

È un movimento studentesco attualmente coordinato a livello federale da Marvin Di Corcia che si rivolge ai ragazzi che frequentano le scuole superiori. La sua organizzazione riprende quella del movimento principale (coordinamenti provinciali, nazionali, federali). Presente in diverse scuole, è riuscito a ottenere rappresentanti degli studenti nei consigli d'istituto e ad organizzare il primo sciopero contro le politiche del governo di Roma contro gli studenti del Nord. Il suo obiettivo è far penetrare le idee alla base della politica della Lega in un ambiente ritenuto spesso poco sensibile nei confronti delle idee leghiste.

Nel 2019 l'associazione studentesca SBAM (Studenti di Buonsenso per l'Autonomia e il Merito) prende il posto del Movimento Studentesco Padano. Lega Giovani e SBAM sono distinte e separate l’una dall’altra da statuti autonomi.[43]

Movimento Universitario Padano (M.U.P.)[modifica | modifica wikitesto]

È un movimento studentesco presente in alcune università del Nord Italia e che è formato essenzialmente dai membri appartenenti al M.G.P. iscritti e frequentanti facoltà accademiche. Il suo obiettivo è diffondere le idee del movimento nelle Università, in alcuni casi ritenute terreno difficile per le politiche della Lega. Al 2010 era presente nelle seguenti università,[44]:

Giovani Amministratori Padani (G.A.P.)[modifica | modifica wikitesto]

È un ente associativo che raggruppa i membri del M.G.P. che ricoprono cariche istituzionali come sindaci, assessori, consiglieri comunali, provinciali o regionali.[senza fonte]

Coordinatori federali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Wolfram Nordsieck, Italy - Lega Nord, su Parties and Elections in Europe, 2018.
  2. ^ (EN) Andrej Zaslove, The Re-invention of the European Radical Right: Populism, Regionalism, and the Italian Lega Nord, McGill-Queen's Press – MQUP, 2011.
  3. ^ (EN) Carlo Ruzza e Stefano Fella, Re-inventing the Italian Right: Territorial Politics, Populism and 'post-fascism', Routledge, 2009, p. 1.
  4. ^ Davide Maria De Luca, “Sovranismo”, la parola, su il Post, 4 gennaio 2019. URL consultato il 30 agosto 2019.
  5. ^ (EN) André Gingrich e Marcus Banks, Neo-nationalism in Europe and Beyond: Perspectives from Social Anthropology, Berghahn Books, 2006, p. 173.
  6. ^ (EN) Robert Leonardi, The Lega Nord: the rise of a new Italian catch-all party, Bergahahn Books, 1993.
  7. ^ Lega pigliatutto, Adnkronos, 16 giugno 2019
  8. ^ LA7, Greco: la Lega è il nuovo partito pigliatutto
  9. ^ a b A Parma nasce la Lega Nord nazionalista, Gazzetta di Mantova. URL consultato il 17 giugno 2017..
  10. ^ Lorenzo Cattani, Il paradosso della destra “liberal-protezionista”: il caso della Lega Nord, su pandorarivista.it, 1º dicembre 2016. URL consultato il 30 agosto 2019.
  11. ^ https://link.springer.com/article/10.1057/palgrave.cep.6110126
  12. ^ Padana, nazionalista e "personalizzata", ecco la tripla Lega alleata di CasaPound.
  13. ^ Tgcom24, Ddl unioni civili, in Commissione via libera al testo della Cirinnà.
  14. ^ Il Giorno, Attentato a Nizza, presidio Lega Nord: "No alla moschea".
  15. ^ Davide Maria De Luca, L’estremista, su Il Post, 10 dicembre 2018. URL consultato il 30 agosto 2019.
  16. ^ https://contropiano.org/documenti/2017/09/10/fascisti-identitari-un-reticolo-mazzieri-razzisti-al-servizio-della-ue-095447
  17. ^ Sonia Alonso, Challenging the State: Devolution and the Battle for Partisan Credibility – A Comparison of Belgium, Italy, Spain, and the United Kingdom, Oxford University Press, 2012, p. 216.
  18. ^ David Art, Inside the Radical Right: The Development of Anti-Immigrant Parties in Western Europe, Cambridge University Press, 2011, pp. 216-226.
  19. ^ Andrew Geddes, Il rombo dei connoni? Immigration and the centre-right in Italy, in Immigration and Integration Policy in Europe: Why Politics—and the Centre-Right—Matter, Routledge, 2009, pp. 40–41.
  20. ^ Michael Shin e John Agnew, Spatial Regression for Electoral Studies: The Case of the Italian Lega Nord, in Revitalizing Electoral Geography, Ashgate, 2011, pp. 65–76.
  21. ^ Andrej Zaslove, The Re-invention of the European Radical Right, 2011, pp. 29, 119–121, 130.
  22. ^ Susannah Verney, Euroscepticism in Southern Europe: A Diachronic Perspective, Routledge, 2013, p. 13.
  23. ^ Basta Euro Tour - Lega Nord - Salvini Premier, su leganord.org. URL consultato il 21 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2018).
  24. ^ https://www.euronews.com/2019/05/03/europe-will-become-an-islamic-caliphate-if-we-don-t-take-back-control-salvini-tells-hunga
  25. ^ Matteo Cavallaro, Giovanni Diamanti e Lorenzo Pregliasco, Una nuova Italia: Dalla comunicazione ai risultati, un’analisi delle elezioni del 4 marzo, Castelvecchi, 2018, pp. 81–, ISBN 978-88-328-2404-9.
  26. ^ La maggioranza dei leghisti, facenti capi al segretario Matteo Salvini, sono sostanzialmente a favore del federalismo fiscale, mentre un totale federalismo è favorito da altre correnti. La proposta di federalismo è comunque alla base dello statuto della Lega per Salvini Premier del 2016
  27. ^ Huysseune, p. 192.
  28. ^ Taguieff, p. 63.
  29. ^ Luverà, p. 102.
  30. ^ Scaliati, p. 80.
  31. ^ Biorcio, p. 26.
  32. ^ Costantini, p. 47.
  33. ^ https://www.basilicata24.it/2018/09/perche-la-lega-nord-un-partito-antimeridionale-antilucano-riempie-sala-trecento-posti-potenza-58988/amp/
  34. ^ http://www.facemagazine.it/25-anni-di-insulti-leghisti-che-il-sud-non-dimentica/
  35. ^ Salvini vuole togliere il "Nord" al nome della Lega, su ilgiornale.it. URL consultato il 9 aprile 2017..
  36. ^ Sono giovane sono padano, su giovanipadaniparma.wordpress.com.
  37. ^ a b Chi sono, cosa vogliono e cosa fanno i Giovani Padani, su the Submarine, 5 marzo 2017. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  38. ^ a b Lega, anche i Giovani Padani voltano le spalle al Nord: si cambia nome. E Salvini lancia il congresso per azzerare i "gufi", su Il Fatto Quotidiano, 11 marzo 2018. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  39. ^ Lega, al via il raduno di Pontida. Insulti al congresso dei giovani, "Mattarella fa schifo", su Repubblica.it, 14 settembre 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  40. ^ Luca Toccalini è il nuovo segretario della Lega Giovani. Dal Papeete alle idee politiche, fino alle tecniche comunicative: un piccolo Salvini, su Il Fatto Quotidiano, 15 settembre 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  41. ^ Home | Lega Giovani Lombardia, su Lega Giovani. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  42. ^ La nostra squadra | Lega Giovani Lombardia, su Lega Giovani. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  43. ^ a b Chi siamo MSP, su giovanipadani.leganord.org, 22 luglio 2015. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  44. ^ Eletti del M.U.P. Archiviato il 1º febbraio 2010 in Internet Archive.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]