Luciano Gasperini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano Gasperini

Sottosegretario di Stato del Dipartimento per gli Affari regionali
Durata mandato 23 aprile 2005 –
17 maggio 2006
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Alberto Gagliardi
Successore Pietro Colonnella

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIII
Gruppo
parlamentare
Lega
Collegio 10 (Cittadella)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord

Luciano Gasperini (Lonigo, 15 giugno 1935) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, esercitò per anni la professione di avvocato penalista patrocinante in Cassazione. Negli anni Ottanta aderì alla Lega Nord, di cui fu segretario provinciale a Vicenza e con cui è stato eletto senatore nel 1996. Diviene presidente del gruppo leghista al Senato della Repubblica dal 1998 al 1999.

Votato dai suoi colleghi di partito nel 1999 durante gli scrutini che portarono sul Colle Carlo Azeglio Ciampi ottenendo 72 voti, nel 2001, capolista al proporzionale in Veneto alla Camera, non riuscì però a confermare il suo seggio in parlamento. Nel giugno 2004 si candidò a sindaco di Padova, senza essere eletto, ma diventando consigliere comunale.

Dal 2002 al 2005 è stato Presidente federale della Lega Nord. Fu sottosegretario agli Affari Regionali nel governo Berlusconi III dal 2005 al 2006.[1] Nel 2014 si è candidato al consiglio comunale di Padova per il Carroccio [2] senza essere eletto.

Note[modifica | modifica wikitesto]