Credieuronord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Banca Popolare CredieuroNord
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione21 febbraio 2000
Chiusura20 novembre 2004
Sede principaleMilano
SettoreBancario
Prodottiservizi finanziari
Slogan«Le risorse per crescere»

La Banca Popolare CredieuroNord s.c.a.r.l. è stato un istituto bancario italiano fondato nei primi anni 2000 sotto l'egida del partito politico della Lega Nord.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Primo logo

La fondazione della Banca Popolare CrediNord venne annunciata nel 1998; ne fu sponsor lo stesso leader leghista Umberto Bossi, che apparve sui manifesti pubblicitari e scrisse una lettera ai vertici del partito, invitando a sottoscriverne le quote.[2] Il nome societario venne presto mutato in CredieuroNord a seguito delle proteste di una banca francese, il Crédit du Nord, che contestò un’eccessiva somiglianza con la propria ragione sociale.

Presidente dell'istituto fu designato Francesco Arcucci, allora nel consiglio di Banca Intesa, coadiuvato dal vice presidente il leghista Gian Maria Galimberti.[1] I soci sono 2615, poco più di 17 miliardi di lire il capitale.[3] Arcucci si autosospenderà, denunciando poi i problemi della banca dopo le prime sentenze giudiziarie.[4] Ispezionata da Bankitalia nel 2003, la banca rivelerà seri problemi gestionali, per cui verranno multati i vertici aziendali nel 2004 dall'allora ministro Giulio Tremonti. La documentazione relativa, però, non è mai stata trasmessa alle procure.[5][6] Venne iniziata un'operazione di salvataggio da parte della Banca Popolare di Lodi di Fiorani,[7] che però di lì a breve sarà anch'essa al centro di uno scandalo finanziario. Nel 2006 arrivano le prime sentenze giudiziarie contro Gian Maria Galimberti, Giancarlo Conti e Piero Franco Filippi, condannati a risarcire 3 milioni di euro, mentre lo stesso verdetto assolve i politici indagati.[6][8]

Secondo Rosanna Sapori, ex consigliere comunale leghista e giornalista di Radio Padania Libera, in cambio del salvataggio del Credieuronord da parte di Gianpiero Fiorani, Silvio Berlusconi avrebbe ottenuto la proprietà legale del simbolo del Sole delle alpi.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sì di Bankitalia, nasce la banca della Lega, in la Repubblica, 26 novembre 2000, p. 4. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  2. ^ Lettera di bossi - fronte (GIF), su digilander.libero.it/antilega. URL consultato il 14 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
    Lettera di bossi - retro (GIF), su digilander.libero.it/antilega. URL consultato il 14 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  3. ^ Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella, op. cit., pp.134-137
  4. ^ Francesco Arcucci, Perché fallì CrediEuronord, in Il Sole 24 ORE, 26 agosto 2005. URL consultato il 14 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  5. ^ Luigi Ferrarella, Credieuronord, Castelli «blinda» l'ispezione, in Corriere della Sera, 22 settembre 2005, p. 35. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  6. ^ a b Luigi Ferrarella, L'ispezione del ministero e le richieste della Procura, in Corriere della Sera, 24 settembre 2005, p. 23. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  7. ^ Luca Pagni, Credieuronord salva grazie a Fiorani e la Lega cambia rotta su Bankitalia, in la Repubblica, 15 febbraio 2005. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  8. ^ Credieuronord, Castelli «blinda» l'ispezione, in Corriere della Sera, 22 settembre 2005, p. 35. URL consultato il 14 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2016).
  9. ^ Il Riformista, 25 agosto 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150349665 · LCCN (ENnb2005016188