Nazionalismo religioso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il nazionalismo religioso è il rapporto del nazionalismo a un particolare credo religioso, dogma, o affiliazione. Questa relazione può essere suddiviso in due aspetti: la politicizzazione della religione e l'influenza della religione sulla politica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

La correlazione tra nazionalità e credo religioso risale alla Pace di Westfalia (1648),in particolare a seguito della norma del cuius regio eius religio per cui i sudditi devono seguire la religione del regnante locale.[1]

Età contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Durante le Guerre jugoslave lo scontro tra i tre popoli diventa anche nazional-religioso: non vi è solo la pulizia etnica ma anche la distruzione dei simboli religiosi della popolazione avversa (cattolici per i croati, ortodossi per i serbi e islamici per i bosniaci).[1]

Dopo l'11 Settembre[modifica | modifica wikitesto]

Il nazionalismo religioso rinasce in Europa in seguito alla crisi degli stati nazionali, dovuta alla Globalizzazione ed alla conseguente migrazione di persone provenienti da culture e società differenti. Per un nazionalista religioso il proprio paese non è solo la terra dei padri ma è anche depositario di un'unica eredità spirituale e religiosa che ha alimentato le virtù civiche e morali popolari. L'esplicita rivendicazione della difesa della civiltà cristiana europea minacciata dall'invasore musulmano, da parte di alcuni gruppi politici è una diretta conseguenza di questa ideologia.[1]

Partiti e movimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nazionalismo cristiano[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Lega Nord, partito nazionalista[2] che ha assunto posizioni vicine all'area cattolica, in tema di unioni civili e famiglia, [3] opponendosi alla costruzione di nuove moschee.[4] La Lega ha inoltre proposto di inserire un riferimento alla tradizione giudaico-cristiana, nella Costituzione,in quanto suo fondamento civile e spirituale dell'Italia.[5]


Forza Nuova, partito neofascista più volte coinvolto in agressioni ed intimidazioni contro musulmani[6] ed ebrei[7] FN chiede di ripristinare il concordato del 1929, il che comporterebbè l'isituzione del Cattolicesimo come religione di Stato.[8]

Nazionalismo ebraico[modifica | modifica wikitesto]

Israele

Nazionalismo islamico[modifica | modifica wikitesto]

Palestina

Arabia Saudita

  • l'islamismo Wahhabita è anch'esso un tipo di nazionalismo.[1]

Iran

Nazionalismo induista[modifica | modifica wikitesto]

India

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Lessico del XXI secolo(2013),Treccani, Nazionalismo Religioso.
  2. ^ Padana, nazionalista e "personalizzata", ecco la tripla Lega alleata di CasaPound.
  3. ^ Tgcom24, Ddl unioni civili, in Commissione via libera al testo della Cirinnà.
  4. ^ Il Giorno, Attentato a Nizza, presidio Lega Nord: "No alla moschea".
  5. ^ LegaNord, Le radici cristiane entrino nella Costituzione.
  6. ^ Il Corriere della Sera, Il leader islamico torna in Tv: picchiato.
  7. ^ Ilgazzettino, Scoperto il mittente dei pacchi con teste di maiale alla comunità ebraica.
  8. ^ ForzaNuova, 8 punti.
  9. ^ Internazionale, In Israele la destra nazionalista entra nel governo.
  10. ^ http://www.fides.org/it/news/57402#.V5aGBWiLTIU, [Organo di informazione delle Pontificie Opere Missionarie ASIA/INDIA - Leader estremista indù: “Sterilizzare cristiani e musulmani in India”] .