Monster Hunter Rise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monster Hunter Rise
videogioco
Logo Rise.png
Il logo di Monster Hunter Rise
Titolo originaleMonsutā Hantā Raizu
PiattaformaNintendo Switch, Microsoft Windows
Data di pubblicazione26 marzo 2021
GenereAction RPG
TemaFantasy, Fantascienza
OrigineGiappone
SviluppoCapcom
PubblicazioneCapcom
SerieMonster Hunter
Motore graficoRE engine
Preceduto daMonster Hunter: World

Monster Hunter Rise (モンスターハンターライズ Monsutā Hantā Raizu in Giapponese) è un videgioco action RPG appartenente alla serie di Monster Hunter, sviluppato e prodotto da Capcom esclusivamente per Nintendo Switch. È il sesto titolo non espanso della serie principale ed è stato rilasciato il 26 marzo 2021[1]. Una versione per Microsoft Windows è prevista per il 2022.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Come gli altri capitoli della serie di Monster Hunter, il giocatore veste i panni di un cacciatore di mostri, incaricato di uccidere o catturare le suddette creature utilizzando una grande varietà di armi, strumenti e trappole ambientali per danneggiarle. Completare con successo una missione ricompensa il giocatore con un bel bottino, spesso rappresentato dai materiali del mostro appena cacciato, utilizzabili per forgiare armi ed armature più potenti. Numerosi mostri già presenti nella serie ritornano in Rise, incluse numerose aggiunte.[2] Tutte le quattordici categorie di armi presenti in Monster Hunter Generations e Monster Hunter: World faranno il loro ritorno.[3]

Rise utilizza la stessa tipologia di mappe vista in World, prive della schermata di caricamento fra una zona e l'altra come quelle della vecchia generazione. Le mappe sono inoltre concentrate sulla verticalità, come fatto intuire dal titolo stesso (Rise significa per l'appunto Ascesa), e sono stati quindi forniti ai cacciatori nuovi strumenti per agevolare la scalata. Una delle più grandi novità è il compagno Canyne, una creatura dalle fattezze canine che il giocatore può cavalcare per spostarsi senza consumare resistenza. Questo nuovo alleato può anche scalare rapidamente le sporgenze ed attaccare i mostri in battaglia, unendosi quindi al ben noto compagno Felyne, che fa il suo ritorno. Un'altra grande aggiunta è uno strumento simile al Rampino artiglio visto in Iceborne, ovvero l'Insetto filo, che permette ai giocatori di dondolare a mezz'aria e di oltrepassare voragini o raggiungere zone altrimenti inaccessibili. L'Insetto filo si combina anche alle movenze delle armi, garantendo loro nuovi attacchi e combo. Inoltre, permette ai cacciatori di usufruire di una nuova meccanica nota come Cavalcatura Wyvern, durante la quale sarà possibile saltare in groppa ad un mostro e controllarlo momentaneamente facendolo ad esempio schiantare contro le pareti o contro gli altri mostri.[4]

Rise presenta una modalità giocatore singolo ed una multigiocatore che permette di cacciare con un massimo di altri tre cacciatori. Nella prima, sarà possibile portare con sé sia il compagno Felyne che il compagno Canyne, mentre nella seconda sarà necessario scegliere quale dei due portare a caccia con sé.

Sono stati inoltre introdotti numerosi mostri inediti, quasi tutti basati sugli yōkai, creature mitologiche del folklore giapponese.

Il titolo avrà una compatibilità incrociata con Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin, che verrà rilasciato in seguito.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel villaggio di Kamura, il protagonista, un novizio cacciatore, scopre di essere stato appena ufficialmente nominato cacciatore dalla Gilda grazie alle due gemelle wyverniane Hinoa e Minoto. Le due lo conducono dal capo del villaggio, Fugen l'anziano, con il protagonista che scorge però un misterioso mostro volare in lontananza. Fugen si congratula con lui, ma rivela di aver ricevuto notizia dell'avvicinarsi della Furia, una misteriosa calamità che ebbe luogo cinquant'anni fa durante la quale orde di mostri attaccano il villaggio fuori controllo. L'anziano incarica quindi il giovane cacciatore di prepararsi all'arrivo della Furia completando diverse missioni per aiutare il villaggio. Con la calamità ormai alle porte, al protagonista viene ordinato di dirigersi alla Fortezza rossa, una roccaforte costruita appositamente per tenere i mostri fuori dal villaggio; lì, riesce a respingere due orde. Scampato il pericolo, tuttavia, il protagonista, la chef Yomogi e l'assistente dei compagni Iori vengono attaccati da un misterioso mostro simile a una tigre che oltrepassa la barricata saltando; riescono a salvarsi per miracolo quando la creatura si distrae a causa di un mostro in fuga e si allontana. Ritornati al villaggio, scoprono che quel mostro è conosciuto come Magnamalo e appare ogni volta insieme alla Furia per nutrirsi dei mostri delle orde; cinquant'anni prima, fu l'unico mostro a riuscire a oltrepassare la fortezza e rase al suolo Kamura da solo, infliggendo danni devastanti. Grazie all'aiuto di Fugen e del fabbro Hamon, viene fabbricato un congegno che allontana il Magnamalo dalle orde in arrivo, permettendo così al protagonista di abbatterlo dopo uno scontro alle Rovine sacre. Ritornato al villaggio, Hinoa e Fugen si congratulano con lui, con quest'ultimo che gli dona la sua spada lunga, tramandata a Kamura da generazioni.

Dopo aver respinto un'altra orda (guidata da un mostruoso Arzuros Apex, capace di incattivire gli altri mostri e che per poco non abbatte il cancello), mentre gli abitanti del villaggio si chiedono quanto durerà la Furia, nel cielo appare lo stesso gigantesco drago che il protagonista aveva visto all'inizio del gioco; la sola vista di questa creatura causa un repentino e fugace cambiamento in Hinoa, i cui occhi diventano azzurri e la portano a ripetere "Dov'è la mia regina?", scoprendo così di poter leggere i pensieri del misterioso mostro. La creatura viene in seguito identificata come un drago anziano soprannominato Ibushi del vento, il quale aizza ogni cinquant'anni la Furia contro Kamura perché il villaggio sorge sul suo antico terreno di accoppiamento. Respinto il mostro, gli abitanti del villaggio iniziano però a chiedersi chi sia effettivamente la "regina" della quale l'Ibushi era tanto preoccupato e la risposta non tarda ad arrivare. Il maestro Utsushi, la vedetta del villaggio, afferma infatti di averla trovata: essa è la Narwa del tuono, controparte femminile dell'Ibushi e sua compagna, ora apparentemente in calore e in cerca del suo compagno (ecco quindi perché l'Ibushi la stava cercando). La situazione è però drammatica a causa del fatto che la creatura ha sconfitto quasi tutti i cacciatori del villaggio, obbligando il protagonista ad andare ad affrontarla da solo. Dopo una feroce battaglia con il mostro, esso viene sconfitto e perde apparentemente la vita quando, nel tentativo di fuggire, si sbilancia e precipita in un crepaccio. La sua carcassa non viene però mai ritrovata, portando Fugen a credere che in realtà sia ancora viva, da qualche parte. La sera, mentre il villaggio festeggia, il protagonista osserva Hinoa e Minoto allontanarsi, la prima nuovamente con gli occhi azzurri (posseduta dall'Ibushi) e la seconda arancioni (posseduta dalla Narwa); i due mostri quindi iniziano a parlare usando le gemelle come tramite, affermando che presto la loro prole vagherà sulla terra.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Monster Hunter Rise è considerato il sesto capitolo principale della serie dopo Monster Hunter: World, pur non venendo categorizzato con un numero come accadeva invece con i titoli precedenti. [5] Il produttore del gioco, Ryozo Tsujimoto, ha affermato che sia con World che con Rise hanno preferito discostarsi dalla nomenclatura classica dei vecchi titoli e di dare loro un nome basandosi sull'aspetto principale del gioco; nel caso di Rise, è stata scelta la verticalità. [6] Ciò ha portato quindi ha sviluppare un design generale che ricordasse la cultura asiatica generale, cosa che non era stata inizialmente programmata.

Lo sviluppo di Rise è iniziato dopo l'uscita di Generations e Generations Ultimate ed è stato portato avanti insieme a quello di World. Il nuovo titolo utilizzerà il nuovo motore di gioco RE Engine, utilizzato per Resident Evil 7: Biohazard ed in seguito anche per altri titoli, come Resident Evil 2 Remake.[7] L'utilizzo di questo motore grafico all'avanguardia ha ritardato di molto la produzione, poiché il team di sviluppo ha voluto concentrarsi sul garantire un'esperienza di gioco fluida come quella di World. Il compagno Canyne è stato creato pensando alla portabilità della Switch, eliminando il consumo di resistenza. Natsuki Hanae è stato incaricato di occuparsi della narrazione del gioco.

Rilascio[modifica | modifica wikitesto]

Rise verrà rilasciato globalmente per Nintendo Switch il 26 Marzo 2021. Al momento del lancio, verranno rilasciati anche tre Amiibo riguardanti il compagno Felyne, il compagno Canyne ed il mostro principale del gioco, il Magnamalo. L'utilizzo di questi Amiibo sbloccherà degli stili armatura esclusivi.[8] Il 7 Gennaio 2021 è stata rilasciata una demo a tempo limitato che presenta quattro missioni dove sarà possibile affrontare due mostri (uno introdotto in Rise e l'altro ritornante da Generations) ed utilizzare tutte le quattordici categorie di armi disponibili.[9] Il rilascio di questa demo ha causato delle interruzioni dell'eShop a causa del sovraffollamento di giocatori.[10]

È stato annunciato che il gioco avrà un supporto post-lancio simile a quello di World.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi