Monster Hunter (serie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Promotion di Monster Hunter al Tokyo Game Show 2010

Monster Hunter è una serie di videogiochi principalmente di genere action RPG sviluppata da Capcom. Il franchise nasce nel 2004, quando esce in Giappone il primo episodio, per PlayStation 2. Il successo ottenuto in patria da questo gioco, diede il via a una moltitudine di merchandising, seguiti e spin-off, sotto elencati e divisi per gruppo.

Giochi principali[modifica | modifica wikitesto]

Giochi simili per meccaniche a quelli principali e quasi sempre localizzati nel resto del mondo.

Prima generazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Monster Hunter, primo capitolo della saga venne pubblicato da Capcom per PlayStation 2 l'11 marzo 2004 in Giappone e arrivò successivamente in Europa il 27 maggio 2005.
  • Monster Hunter G, estensione del primo Monster Hunter, contiene nuovi mostri e altre nuove missioni.
  • Monster Hunter Freedom è il nome che prende la versione per PSP, pubblicata il 1º dicembre 2005 in Giappone, in USA il 23 maggio 2006 e in Europa il 12 maggio 2006 e porta numerosi miglioramenti rispetto al MH della PlayStation 2. In Giappone è in commercio col titolo Monster Hunter Portable.

Seconda generazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Monster Hunter 2, pubblicato il 16 febbraio 2006 per console PlayStation 2, aggiunge molte novità (nuovi mostri, armi, armature, oggetti) rispetto al suo predecessore. È uscito solo in Giappone a causa del quasi-fallimento del primo episodio in Europa e USA.
  • Monster Hunter Freedom 2 è la versione uscita per PSP il 22 febbraio 2007 in Giappone ed il 7 settembre dello stesso anno in Europa, con molte novità rispetto alla precedente: la versione giapponese del gioco viene chiamata Monster Hunter Portable 2nd;
  • Monster Hunter Portable 2nd G, un'edizione più estesa di Monster Hunter per PSP, può essere definita un'espansione con numerosi extra e aggiunte come il livello G e mostri con differenze cromatiche. Questo gioco è stato pubblicato in America e in Europa contemporaneamente il 26 giugno 2009 con il nome di Monster Hunter Freedom Unite;

Terza generazione[modifica | modifica wikitesto]

Quarta generazione[modifica | modifica wikitesto]

  • La Capcom ha annunciato, il 19 dicembre 2012, l'arrivo in Giappone di Monster Hunter 4 pubblicato nell'estate 2013, che è inoltre il secondo gioco per Nintendo 3DS e il primo di quarta generazione[1].
  • Monster Hunter 4 G è un'espansione pubblicata in Giappone il 14 ottobre 2014 e che sarà pubblicata in America e in Europa il 13 febbraio 2015 col nome Monster Hunter 4U assieme all'uscita della nuova console di casa Nintendo: New Nintendo 3DS/New Nintendo 3DS XL, in occasione di questa uscita sarà disponibile anche un Bundle contenente un New Nintendo 3Ds XL a tema Monster Hunter 4 Ultimate e una copia pre-installata del gioco.
  • Il 28 novembre 2015 Capcom distribuisce in Giappone il gioco Monster Hunter X, in seguito pubblicato nel resto del mondo tra il 15 e il 16 luglio 2016 sotto il nome di Monster Hunter Generations.Creato da un team secondario per festeggiare il decimo anniversario della serie.
  • Il 18 marzo 2017 Capcom ha distribuito una versione espansa di Monster Hunter X per Nintendo 3DS, chiamata in Giappone Monster Hunter XX. Il 25 agosto 2017 venne distribuita una versione anche per Nintendo Switch[2]. Il 10 maggio 2018 venne annunciata la localizzazione per l'occidente sotto il nome di Monster Hunter Generations Ultimate.

Quinta generazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 13 giugno 2017 è stato annunciato il titolo per console fisse e PC chiamato Monster Hunter World[3], rispetto ai precedenti capitoli ha una grafica nettamente migliorata, la possibilità di interagire con l'ambiente e molte altre novità.
Data Videogioco Console
2004 Monster Hunter PlayStation 2
2005 Monster Hunter G PlayStation 2 \ Wii
2005 Monster Hunter Freedom PSP
2006 Monster Hunter 2 PlayStation 2
2007 Monster Hunter Freedom 2 PSP
2009 Monster Hunter Freedom Unite PSP
2009 Monster Hunter Tri Wii
2010 Monster Hunter Portable 3rd PSP \ PlayStation 3
2011 Monster Hunter 3 Ultimate Nintendo 3DS \ Wii U
2013 Monster Hunter 4 Nintendo 3DS
2014 Monster Hunter 4 Ultimate Nintendo 3DS
2015 Monster Hunter Generations Nintendo 3DS
2017 Monster Hunter Generations Ultimate Nintendo 3DS \ Nintendo Switch
2018 Monster Hunter World PlayStation 4 \ Xbox One \ PC

Giochi secondari[modifica | modifica wikitesto]

Giochi spin-off spesso non localizzati nel resto del mondo.

  • Monster Hunter I, per telefoni cellulari, pubblicato il 6 febbraio 2006, il personaggio giocabile è solo maschile, le armi non hanno l'acutezza ed è completamente offline;
  • Monster Hunter Frontier, la prima versione per PC uscita in Giappone il 21 giugno 2007, con server gratuiti in modalità Trial (fino ad HR 2), ma il gioco non uscirà per l'Europa. Tra le novità ricordiamo che si tratta di un MMORPG e che sono presenti moltissime creature, armi, armature e oggetti nuovi e vecchi. Successivamente è stato pubblicato su Xbox360 il 24 giugno 2010. Per PC sono state pubblicate ufficialmente 12 versioni mentre per Xbox360 sono uscite 4 versioni. Il gioco viene costantemene aggiornato con espansioni.
  • La Capcom ha pubblicato il 26 agosto 2010 Monster Hunter Diary: poka poka airu village, gioco per PSP che vede come protagonista un Felyne.
  • La Capcom ha pubblicato in Giappone, l'8 ottobre 2016, Monster Hunter Stories per console 3DS, spin-off dove il giocatore vestendo i panni di un "Rider" potrà allevare e cavalcare mostri per sconfiggere diversi avversari e creature.
  • La Capcom ha pubblicato in Giappone, durante l'inverno 2016, Otomon Drop: Monster Hunter Stories, un puzzle game per dispositivi Ios e Android ispirato all'anime di Monster Hunter Stories[4].
Data Videogioco Console
2007 Monster Hunter Frontier Online Microsoft Windows\Xbox360
2010 Monster Hunter Diary: Poka Poka Airu Village PSP
2011 Monster Hunter Diary: Poka Poka Airu Village G PSP
2011 Monster Hunter Dynamic Hunting iOS
2012 Felyne Puzzle PSP
2013 Monster Hunter Online PC
2013 Monster Hunter: Frontier G PC\Xbox 360\PlayStation 3\Nintendo Wii U\ PlayStation Vita
2013 Monster Hunter Massive Hunting iOS\Android
2013 Monster Hunter Big Game Hunting Quest iOS\Android
2014 Monster Hunter Mezeporta Reclamation PC
2014 Monster Hunter Frontier G Genuine PC\Xbox 360\PS3\Wii U
2015 Monster Hunter Explore Android\iOS
2015 Monster Hunter Spirits Arcade
2015 Monster Hunter Diary: Poka Poka Felyne Village DX Nintendo 3DS
2016 Monster Hunter Frontier Z PC\PS4
2016 Monster Hunter Stories Nintendo 3DS
2016 Monster Hunter Spirits 2 Triple Soul Arcade
2016 Otomon Drop: Monster Hunter Stories iOS\Android

Mostri[modifica | modifica wikitesto]

Nell'universo di Monster Hunter si trovano molti animali comuni anche sulla Terra, alcuni con diverse caratteristiche, ed altri inventati o ispirati a mostri leggendari (come le viverne, chiamate nel gioco wyvern), che sono l'obiettivo di caccia principale del gioco. I mostri sono molto diversi tra loro per aspetto, dimensioni, temperamento e punti di forza, e a seconda di questi possono essere più o meno facilmente catturati, uccisi o respinti. È interessante come la maggior parte viva in un ecosistema simile a quello reale; animali che vivono in determinate aree sviluppano infatti comportamento e un'anatomia adatta al clima, spinti dalla selezione naturale. Altri invece cambiano in seguito a scontri dai quali escono vittoriosi o semplicemente col passare dell'età.

  • Anfibi: mostri che possono vivere sia sulla terraferma che in acqua ma tendono a vivere in prossimità di essa; hanno una crescita incredibilmente veloce, si muovono principalmente su quattro zampe e sono capaci di grandi salti.
  • Belve Zannute / Pelagus /Primatius : sono creature simili ai mammiferi e, proprio come essi, variano molto nella forma: ve ne sono di simili a scimmie o a cinghiali, mentre altri possiedono denti a sciabola o una corporatura orsina. A differenza dei mostri rettiliani, la maggior parte non raggiunge grandi dimensioni, ma alcuni possono essere molto potenti.
  • Carapaceon: sono mostri dotati di chele come crostacei o scorpioni. Vivono sulla terra e sono protetti da corazze che si formano naturalmente o che creano essi stessi usando ossa di altri mostri. La maggior parte di essi non raggiunge le dimensioni dei wyvern più grandi, ma alcuni possono essere davvero giganteschi.
  • Draghi anziani: creature che hanno vissuto eternamente sin dai tempi antichi, hanno tali poteri magici e divini che molti furono venerati come vere e proprie divinità, estremamente rari e avvistati da pochi. Sebbene il nome indichi chiaramente che tipo di creature appartengano al gruppo, in esso vengono inclusi tutti i mostri con particolari abilità capaci di sconvolgere completamente o distruggere interi ecosistemi; quindi ne fanno parte anche creature di stirpe non draconica. Tutti i mostri più rari e potenti appartengono a questa categoria.
  • Erbivori: sono mostri deboli in fondo alla catena alimentare, possono essere sia rettili che mammiferi ma sono tutti accomunati dal nutrirsi di vegetazione. Spno generalmente inoffensivi anche se alcuni possono rivelarsi aggressivi e contrattaccare quasi subito. Molti vengono allevati come animali da soma e da carne. Sono la preda favorita dei grossi predatori, che non disdegnano di nutrirsene al fine di recuperare le forze.
  • Leviathan: mostri specializzati nel nuoto che possono vivere anche sulla terraferma ma che tendono a vivere presso il loro elemento, la maggior parte assomiglia a grandi rettili marini carnivori spesso in cima alle catene alimentarie, tuttavia alcune specie condividono caratteristiche con pesci o mammiferi.
  • Linyan: piccoli esseri umanoidi senzienti. Alcuni di essi fanno parte della società umana. I più conosciuti sono i Felyne ed i Melynx, simili a gatti, e gli Shakalaka, che sembrano uomini in miniatura con indosso sempre delle maschere tribali.
  • Neopteron: sono insetti di dimensioni spropositate. Vivono in molti ambienti diversi e di solito non sono molto pericolosi ma solo fastidiosi, eccetto alcuni casi. Le loro corazze possono essere più o meno resistenti ma sono accomunate da una resistenza all'elemento drago mentre le armi sono caratterizzate da una estrema acutezza.
  • Pesci: pesci e fauna marina perlopiù innocua, hanno certe particolari doti se utilizzati per creare equipaggiamenti.
  • Pterowyvern: Piccoli mostri volanti dalle fattezze più o meno simili a pterodattili, sono usati da alcuni cacciatori per spostarsi.
  • Temnocerans: mostri simili a ragni capaci di produrre delle ragnatele ed estendere delle enormi fauci interne, condividono alcune caratteristiche con i Neopteron ed i Carapaceon, questi tuttavia sembrano preferire tendere trappole alla preda; sono abili nell'uso di diversi status alterati come il veleno, sonno o paralisi.
  • Wyvern Acquatici / Wyvern Piscine: lontani parenti dei wyvern, si sono adattati a nuotare. Possiedono la forma del corpo simile a quella dei pesci mentre le loro ali si sono adeguate all'ambiente subacqueo, tramutandosi in pinne.
  • Wyvern Brutali: sono mostri bipedi di grandi dimensioni e molto aggressivi. Dall'aspetto impressionante, sono di solito coperti da una dura corazza, non hanno ali e si bilanciano con la coda. Mento e testa sono quasi sempre le parti più corazzate, e normalmente solo i fianchi e il ventre possono essere danneggiati. Sono temuti da quasi tutti i cacciatori per la loro ferocia e resistenza.
  • Wyvern Rapaci / Uccelli Wyvern: sono simili a uccelli o a teropodi di medie dimensioni e, sebbene tra essi figurino mostri sia grandi che piccoli, la maggior parte risulta in basso nella catena alimentare. Diversi possono volare e alcuni possiedono delle piume, spesso variopinte e dai colori accesi..
  • Wyvern Serpenti: Wyvern che hanno sviluppato caratteristiche tipiche dei serpenti, come lingua biforcuta ed utilizzano attacchi elementali o status.
  • Wyvern Volanti / Wyvern: i mostri più caratteristici, possiedono due zampe e due ali. Sono i predatori più comuni dell'universo di Monster Hunter ed i più equilibrati in agilità e forza. Oltre ai classici wyvern alati e bipedi, ne esistono anche alcuni che camminano a quattro zampe, sviluppando potenti arti anteriori fusi alle ali che usano per camminare.
  • Wyvern Zannuti: Wyvern che possono possedere sia tratti da rettili che da mammiferi, hanno ali praticamente inesistenti divenute poderosi arti anteriori dotati di artigli. Nonostante le notevoli dimensioni, alcuni sono straordinariamente agili e veloci.
  • ???: Categoria in cui vengono catalogati mostri bizzarri e misteriosi su cui si conosce poco o nulla.

Infine alcuni particolari mostri non sono ancora classificati in nessuna delle suddette categorie.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Il successo della serie videoludica, ha dato origine a vari prodotti di merchandising ad essa legati come peluche, action figure e altro, tra cui:

Inoltreel 2012 si è diffusa la notizia secondo la quale Paul W. S. Anderson, regista della saga cinematografica di Resident Evil, sarebbe intenzionato a dirigere un film su Monster Hunter[5]. Nel 2017 la notizia è stata in seguito confermata.[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monster Hunter 4 annunciato ufficialmente, su GamesBlog, Blogo.it, 13 settembre 2011. URL consultato l'11 marzo 2017.
  2. ^ SpazioGames.it, Annunciato Monster Hunter XX per Nintendo Switch - News, in SpazioGames.it. URL consultato il 02 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Mike Williams, Monster Hunter World Brings The Franchise To PS4 and Xbox One in Early 2018, su USgamer. URL consultato il 13 giugno 2017.
  4. ^ (EN) Monster Hunter Stories Is Getting A Smartphone Puzzler Based On Its Anime - Siliconera, in Siliconera, 14 novembre 2016. URL consultato il 13 ottobre 2017.
  5. ^ (EN) Travis Hopson, Paul W. S. Anderson to direct Capcom's 'Monster Hunter'?, su punchdrunkcritics.com, 11 settembre 2012. URL consultato l'11 marzo 2017.
  6. ^ Roberto Addari, Monster Hunter, confermato il film live action hollywoodiano, in MangaForever.net, 22 maggio 2017. URL consultato il 15 giugno 2017.
  7. ^ (IT) Monster Hunter: arriva il live action hollywoodiano - BadComics.it, in BadComics.it, 10 giugno 2017. URL consultato il 09 settembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]