Monster Hunter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie, vedi Monster Hunter (serie).
Monster Hunter
videogioco
Piattaforma PlayStation 2
Data di pubblicazione 2004
Genere Action RPG
Tema Fantasy
Sviluppo Capcom
Pubblicazione Capcom
Serie Monster Hunter
Modalità di gioco multigiocatore on-line e singolo
Supporto DVD, UMD
Seguito da Monster Hunter G

Monster Hunter (モンスターハンター Monsutā Hantā) è un videogioco per PlayStation 2 sviluppato e pubblicato dalla Capcom. Il gioco è stato pubblicato in Giappone l'11 marzo 2004, in Nord America il 21 settembre 2004 e in Europa il 27 maggio 2005. Come suggerisce il titolo, il giocatore vestirà i panni di un cacciatore di mostri.

Anche se buona parte del gioco viene giocata offline, maggiori contenuti si trovano online, dove sono presenti mostri diversi, oggetti più rari e c'è la possibilità di far salire di grado (chiamato Hunter Rank) il proprio personaggio. Dal 1º gennaio 2008 il server per il multigiocatore è stato chiuso dalla Capcom perché il suo provider non intendeva più occuparsi del settore PlayStation 2[1].

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Monster Hunter permette al giocatore di impersonare un novello cacciatore che, per acquisire fama e gloria, deve completare varie missioni di caccia di altrettante varie creature. Armature, armi e altri oggetti vengono creati grazie ai resti dei mostri sconfitti, come ossa, corna o scaglie, che vengono scalcati dal giocatore. La versione online del gioco permetteva al giocatore di unirsi ad altri cacciatori (fino a un massimo di quattro) per effettuare missioni online e sconfiggere le creature più forti. Molti oggetti preziosi sono più facili da trovare online anziché offline. Il cacciatore in sé appartiene a una gilda che va a cacciare o catturare animali pericolosi per studiarli o controllare il numero, ma occasionalmente può ritrovarsi anche impegnato nel portare uova o raccogliere oggetti per medicine, se proprio è alle prime armi.

Missioni[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo principale di Monster Hunter è completare le varie missioni che vengono assegnate dall'Anziano del Villaggio o dalla Gilda. Queste sono divise in base alla difficoltà, che può variare da 1 a 8 stelle. Per accedere alle missioni più difficili bisogna prima completare quelle precedenti. Le missioni del Villaggio sono classificabili in quattro categorie:

Caccia
Rappresentano la maggior parte delle missioni. Come dice il nome, il cacciatore dovrà trovare, combattere ed eventualmente sconfiggere uno o più mostri;
Raccolta
Sono le missioni dove il cacciatore ha lo scopo di raccogliere determinati materiali, siano essi presenti in natura o parti di mostri minori;
Cattura
Sono le missioni dove il cacciatore deve indebolire un mostro fino a catturarlo vivo grazie a delle trappole, pena il fallimento.
Evento
Sono le missioni presenti solo online. Ogni settimana venivano date diverse missioni di varie difficoltà che potevano essere più difficili delle normali o fornire oggetti e materiali più rari.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

Un cacciatore può essere classificato come Spadaccino o Artigliere. Gli Spadaccini sono coloro che usano armi ravvicinate: Spada e Scudo, Spadone, Lancia, Martello o Doppie Spade. Queste armi possono anche causare danni elementali, quali di fuoco, tuono, acqua o drago; oppure di status, come veleno, paralisi o sonno. Gli Artiglieri invece usano armi a distanza: Balestra leggera, Arco o Balestra pesante. L'arma viene scelta prima di qualsiasi missione tra quelle create in precedenza.

Armature[modifica | modifica wikitesto]

L'armatura di un cacciatore dipende se esso è uno Spadaccino o un Artigliere, tranne l'elmo che può essere usato per entrambi. Gli Spadaccini hanno una difesa fisica più alta, mentre gli Artiglieri prediligono la difesa elementale. Alcune armature forniscono varie abilità utili al cacciatore, come Cucina (permette di mangiare più velocemente) o Affilatura (permette di affilare più velocemente le armi smussate).

Mostri[modifica | modifica wikitesto]

Mostri piccoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Aptonoth: un dinosauro erbivoro simile ad un parasaurolofo.
  • Apceros: dinosauro erbivoro simile ad un anchilosauro, abitatore delle regioni calde.
  • Kelbi: erbivoro simile ad un cerbiatto.
  • Mosswine: erbivoro simile ad un maiale con uno strato di muschio sul dorso
  • Felyne: esseri bipedi simili a gatti, capaci di parlare, socievoli e perlopiù amichevoli.
  • Melynx: sono come i Felyne ma con pelo nero e bianco, tendono a rubare gli oggetti.
  • Bullfango: grande cinghiale aggressivo verso gli umani
  • Chepalos: mostro simile ad un pesce che nuota nella sabbia dei deserti
  • Vespoid: grande vespa dotata di una tossina paralizzante
  • Hornetaur: scarabeo dotato di un rigido esoscheletro
  • Velociprey: rettili simili a velociraptor blu con strisce nere.
  • Genprey: simili a i velociprey ma con tossina paralizzante nei loro artigli, hanno una colorazione giallastra verde e vivono nei climi desertici o nelle paludi.
  • Ioprey: simili a velociprey ma con colorazione rossa e nera dotati di ghiandole con cui sputare veleno, vivono nelle paludi e zone vulcaniche.

Mostri grandi[modifica | modifica wikitesto]

  • Velocidrome: capobranco dei velociprey, è più grande e con una grande cresta rossa.
  • Gendrome: capobranco dei genprey, più grande e con due creste sulla testa.
  • Iodrome: capobranco dei loprey, più grande e con una cresta violacea.
  • Cephadrome: capobranco dei chepalos, più grande, con colorazione più scura e capace di paralizzare la preda.
  • Yan kut Ku: grande uccello rosso capace di sputare fuoco.
  • Gypceros: grande uccello bluastro che sputa veleno e capace di emettere flash accecanti da un organo sulla testa, inoltre la sua coda e alcune parti del corpo sembrano essere fatte di gomma.
  • Basarios: grande viverna con corazza fatta di roccia, può sputare fuoco ed emettere gas velenosi o che causano sonno.
  • Gravios: forma adulta del basarios, molto grande e con un'armatura resistente alle alte temperature, è capace di sputare fuoco e vive nelle zone laviche.
  • Diablos: viverna erbivora che vive nel deserto, facilmente irritabile, ha due enormi corna con le quali trafigge i nemici.
  • Khezu:bianca viverna cieca che vive nelle grotte, ha il potere di manipolare l'elettricità.
  • Plesioth: enorme viverna simile ad un uno squalo, può sputare un getto d'acqua pressurizzata.
  • Monoblos: viverna simile al diablos ma con un solo grande corno.
  • Rathian: viverna verde, controparte femminile del Rathalos, preferisce combattere al suolo essendo capace di sputare fuoco e abile nell'uso della sua coda avvelenata.
  • Rathalos: viverna rossa, controparte maschile della Rathian, preferisce combattere volando sparando palle di fuoco o usando i suoi artigli velenosi. È il mostro simbolo del franchise.
  • Kirin: drago anziano, èunicorno con il potere di far cadere fulmini.
  • Lao Shang Lung: drago anziano, mostro di dimensioni colossali simile ad un drago quadrupede senza ali.
  • Fatalis: drago anzino, mostro di grandi dimensioni, un drago nero capace di sputare fuoco e dalla sovrumana potenza.

Mercato[modifica | modifica wikitesto]

Questo gioco in Europa e USA non ha riscontrato un grande successo come nel suo paese natale (Giappone), causa una campagna pubblicitaria ridotta e mal realizzata[senza fonte]. Visto che in Europa per la Capcom è stato quasi un fallimento, la casa produttrice non ha voluto pubblicizzare e finanziare l'espansione Monster Hunter G e il seguito Monster Hunter 2 per Europa e USA, facendolo uscire solo in Giappone (dove le vendite sono salite alle stelle). Diversamente è andata alla versione per PSP, molto apprezzata visto che la Capcom continua ancora oggi a portare avanti la saga.

Monster Hunter G[modifica | modifica wikitesto]

Monster Hunter G è un videogioco pubblicato in Giappone il 20 gennaio 2005 per PlayStation 2 come espansione dell'originale Monster Hunter. Successivamente è stato trasposto anche per la PlayStation Portable e pubblicato al di fuori del Giappone col titolo Monster Hunter Freedom.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]