Martín de León Cárdenas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Martìn de Leòn y Càrdenas)
Jump to navigation Jump to search
Martín de León y Cárdenas
O.E.S.A.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Trivento
Vescovo di Pozzuoli
Arcivescovo di Palermo
 
Nato1585
Consacrato vescovo20 maggio 1630
Elevato arcivescovo27 agosto 1650
Deceduto15 novembre 1655
 

Martín de León y Cárdenas (Archidona, 1585Palermo, 15 novembre 1655) è stato un arcivescovo cattolico spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque ad Archidona, in Spagna, nel 1585. Fu un uomo colto e raffinato, visitò l'America e visse per lungo tempo a Roma. Fu nominato vescovo di Trivento il 13 maggio 1630 e consacrato il 20 maggio dello stesso anno.

Divenne vescovo di Pozzuoli il 7 aprile 1631, dove promosse molte opere pubbliche, tra cui la trasformazione barocca del duomo nella quale coinvolse i più noti artisti del tempo grazie all'aiuto di un suo intimo amico, il viceré di Napoli Manuel de Acevedo y Zúñiga, la realizzazione della caserma ospitante la guarnigione spagnola residente nella città e delle scogliere frangiflutti, e la ristrutturazione dell'acquedotto campano.

Si adoperò inoltre ad elargire esenzioni fiscali, a bonificare i terreni agricoli non più coltivabili e a garantire benefici alle classi più bisognose, e ciò spinse i puteolani a non partecipare alla rivolta antispagnola del 7 luglio 1647, guidata da Masaniello. Per questo il 24 luglio 1648 il re Filippo IV di Spagna insignì la città di Pozzuoli del titolo di Città fedelissima.

Il 27 agosto 1650 fu nominato arcivescovo di Palermo e l'anno seguente presidente del regno di Sicilia. Morì a Palermo il 15 novembre 1655 prima di poter essere nominato cardinale.

Santo Mamozio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Mamozio.
La piazza in una foto d'epoca con la statua del de Leon

Dopo il suo trasferimento a Palermo, i puteolani fecero erigere nell'attuale piazza della repubblica una statua raffigurante il vescovo, progettata da Giuliano Finelli, in ricordo di quello che aveva fatto per loro. Sul basamento della statua fu incisa questa scritta:

(LA)

« Ut expressum marmore, sic exculptum cordibus, simulacrum Puteolana civitas erexit. »

(IT)

« Come scolpito nel marmo così sia scolpito nei cuori, questo simulacro che la città di Pozzuoli eresse. »

(testo sul basamento)

Dal 1918 a questa statua, dopo il trasferimento della statua di Lolliano Mavorzio che era collocata nei suoi pressi, fu trasferito il titolo di Santo Mamozio, proprio fino a quel momento della statua del console.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 4708 2200