Domenico Pignatelli di Belmonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Domenico Pignatelli di Belmonte, C.R.
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 19 novembre 1730, Napoli
Creato cardinale 9 agosto 1802 da papa Pio VII
Deceduto 5 febbraio 1803, Palermo

Domenico Pignatelli di Belmonte (Napoli, 19 novembre 1730Palermo, 5 febbraio 1803) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Napoli il 19 novembre 1730. Chierico Regolare Teatino, giunse al grado di Generale dell'Ordine, finché nel 1782 fu ordinato Arcivescovo di Caserta.

Nel 1802 fu trasferito quale arcivescovo Metropolita di Palermo e Monreale, all'epoca unite in un'unica diocesi.

Fu eletto presidente e capitan generale del Regno di Sicilia e viceré con cedola reale del 31 maggio 1802.

Papa Pio VII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 9 agosto 1802.

Morì il 5 febbraio 1803 all'età di 72 anni.

Suoi parenti furono i cardinali Francesco Pignatelli e Francesco Maria Pignatelli.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David Cheney, Domenico Pignatelli di Belmonte, su Catholic-Hierarchy.org.
  • G. Travagliato, Pignatelli (di Belmonte) Domenico, in Enciclopedia della Sicilia, a cura di C. Napoleone, Ricci Editore, Parma 2006, p. 787.