Marielle Franco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Cria da Maré»

(Era nata a Maré, una favela di Rio, e per questo amava definirsi così.[1])
Marielle Franco
Marielle Franco.jpg

Consigliera comunale della città di Rio de Janeiro,
nello Stato di Rio de Janeiro
Durata mandato 2017[2] –
2018 (vittima di omicidio)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSOL
Tendenza politica Socialismo democratico
Femminismo socialista
Socialismo del XXI secolo
Professione sociologa

Marielle Franco (IPA: [maɾiˈɛli ˈfɾɐ̃ku]), all'anagrafe Marielle Francisco da Silva (Rio de Janeiro, 27 luglio 1979Rio de Janeiro, 14 marzo 2018) è stata una politica, sociologa e attivista brasiliana.

È stata consigliera comunale a Rio de Janeiro ed esponente del Partito Socialismo e Libertà brasiliano (PSOL). Ha presieduto il Comitato delle donne del Consiglio comunale ed è stata impegnata nella difesa dei diritti umani. È stata assassinata la sera del 14 marzo 2018.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta in una favela a nord di Rio de Janeiro, Maré, dove è anche vissuta per la maggior parte della sua vita, Marielle si è sentita presto parte della comunità LGBT identificandosi come una donna bisessuale.[3] Nel 1998 ha avuto la sua prima e unica figlia e due anni dopo ha incominciato i suoi studi preuniversitari. Ha fatto crescere la figlia senza l'aiuto del padre e ha lavorato come insegnante prescolare retribuita al minimo salariale.[4][5] La morte di un'amica, uccisa da un proiettile vagante nel 2000, ha indotto Franco a incominciare a interessarsi dei diritti umani.[6] Nel 2017, si è trasferita nel quartiere di Tijuca con la compagna di lunga data, Mônica Tereza Benício, e la figlia.[7] Marielle e Mônica si erano conosciute durante un viaggio con amici quando avevano rispettivamente 18 e 24 anni. Si frequentavano da 13 anni ed il loro rapporto era stato spesso interrotto perché le famiglie e gli amici non sempre accettavano la loro relazione. In questi momenti sia Mônica che Marielle hanno avuto relazioni con altre persone.[8] Avrebbero voluto sposarsi nel settembre del 2019.[9]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Marielle Franco nel 2007 si è laureata in scienze sociali presso la Pontifícia Università Cattolica di Rio de Janeiro (PUC-Rio), nel 2011 si è specializzata in responsabilità sociale e settore terziario e nel 2014 ha conseguito un master in pubblica amministrazione presso l'Università federale Fluminense (UFF) con un'analisi della politica di pubblica sicurezza dello stato di Rio de Janeiro.[10][11][12]. Aveva avuto una figlia a soli 19 anni e questo l'ha indotta a lottare per il riconoscimento dei diritti delle donne e, in particolare, a interessarsi della condizione femminile nelle favelas[13], inoltre l'ha spinta a diventare femminista e attivista per i diritti umani.

Impegno politico[modifica | modifica wikitesto]

Marielle Franco nel settembre 2016 (Foto di Marcelo Freixo).

Si è unita al gruppo che sosteneva Marcelo Freixo come candidato all'Assemblea legislativa dello Stato di Rio de Janeiro alle elezioni del 2006 entrando così in politica, e in seguito è stata nominata consigliere parlamentare del deputato quando Freixo è stato eletto. Successivamente ha assunto il coordinamento della Commissione per la difesa dei diritti umani e della cittadinanza. Nel 2016, quando si è presentata per la prima volta come canditata, è stata eletta consigliera nella Câmara Municipal di Rio de Janeiro con la Mudar Coalition, formata dal Partito Socialismo e Libertà (PSOL) e dal Partito Comunista Brasiliano (PCB) ottenendo oltre 46 mila voti.[14] Nel Consiglio municipale ha presieduto la Commissione per la difesa delle donne ed è stata membro di una Commissione incaricata di monitorare l'azione della polizia federale a Rio de Janeiro, ricoprendo tale incarico sino al suo assassinio.[15] Si è dimostrata critica nei confronti dell'intervento federale e ha ripetutamente denunciato gli abusi della polizia e le violazioni dei diritti umani. Pochi giorni prima della sua uccisione aveva accusato ancora una volta pubblicamente le azioni violente di reparti della polizia militare, in particolare nella favela di Acari, dove era rimasto ucciso Matheus Melo, l'assistente di un sacerdote.[16]

" Quanti devono ancora morire prima che questa guerra finisca? " ha scritto Marielle commentando l'omicidio.[17]

Nel 2017 ha preso parte ad un documentario per la televisione dal titolo Primavera das Mulheres, (Primavera delle donne) che affrontava il tema del nuovo femminismo attraverso interviste e conversazioni con attiviste, blogger, transgender e donne di colore. Nel film si racconta di come le donne siano tornate in strada contro la cultura dello stupro e per difendere i diritti civili.[18]

In un'intervista rilasciata a Brasil de Fato in occasione della Giornata internazionale della donna nel 2017, poco tempo dopo essersi insediata come assessora nella città di Rio de Janeiro, ha parlato del suo impegno per far riconoscere alle donne il diritto all’aborto in casi di precisa gravità, della necessità di pensare al femminismo e di riflettere sul diverso trattamento tra uomini e donne sul posto di lavoro, del problema del razzismo e anche di quello delle donne transessuali.[2] La sua attività l'aveva resa una possibile candidata alle elezioni presidenziali di fine 2018.[19]

Marielle presente, oggi e sempre!, dalla riunione plenaria della Camera dei Deputati brasiliana in onore della consigliera Marielle Franco (PSOL-RJ) e del suo autista, Anderson Gomes, assassinati a Rio de Janeiro

Assassinio[modifica | modifica wikitesto]

La sera del 14 marzo 2018 Marielle è caduta vittima di un agguato, descritto come una vera esecuzione[20], a soli 18 mesi dalla sua elezione al Consiglio comunale[21].

La consigliera il 14 marzo aveva partecipato a un dibattito promosso dal PSOL presso la Casa das Pretas (Casa delle donne nere)[22] a Lapa per affrontare il problema della violenza contro le donne afroamericane nelle favelas.[16] Alle 21:30, mentre si stava allontanando per tornare a casa, la sua automobile è stata affiancata da un'altra vettura con i sicari che avevano atteso in strada per ore che Marielle uscisse. Malgrado i finestrini oscurati gli assassini l'hanno riconosciuta e colpita più volte, uccidendola. Con lei è stato assassinato anche il suo autista, Anderson Pedro Gomes, mentre una collaboratrice seduta di fianco a lei è rimasta ferita.

I proiettili di calibro 9 usati dagli assassini provenivano da una partita destinata alla polizia brasiliana e in passato altre munizioni di quella stessa partita erano state usate in un massacro che ebbe come vittime 23 persone. In quel caso c'era qualche legame con la polizia.[23]

Negli ultimi tempi l'attivista era impegnata in indagini sugli omicidi nelle favelas e per questo criticava la polizia, continuando a difendere con grande forza i diritti delle donne e dei giovani neri emarginati.[24][25]

Marielle Franco e gli omicidi in Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Il Brasile soffre di problemi di criminalità con un altissimo tasso di omicidi che nella sola Rio, nel 2017, hanno superato il migliaio con oltre un centinaio di agenti uccisi. Marielle Franco e i partiti di sinistra hanno criticato duramente la scelta del governo e di Temer di far intervenire l’esercito in città.

Esperti dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, il giorno 26 marzo, si sono detti allarmati per l'uccisione della paladina dei diritti umani che a Rio aveva denunciato l'intervento militare federale per controllare l'ordine pubblico in città. Il suo omicidio secondo tali esperti è allarmante poiché mira ad intimidire tutti coloro che combattono per i diritti umani e lo stato di diritto in Brasile.[26]

Reazioni e dichiarazioni dopo la sua morte[modifica | modifica wikitesto]

Cordoglio e condanna[modifica | modifica wikitesto]

La folla attende l'arrivo del feretro di Marielle Franco davanti al palazzo Pedro Ernesto.
  • Eliomar Coelho, all'Assemblea Legislativa dello Stato di Rio de Janeiro, nella seduta del 15 marzo 2018, facendosi portavoce del PSOl, ha descritto la sua compagna di partito appena assassinata come una militante coraggiosa e combattiva che difendeva donne, neri, persone LGBT e indigeni.[27]
  • Michel Temer ha definito l'uccisione di Marielle un "atto di estrema vigliaccheria, un attentato alla democrazia, che non dovrà restare impunito".[28]
  • Luiz Inácio Lula da Silva ha chiesto che governo e militari diano spiegazioni al popolo su quanto accaduto e che vengano individuati al più presto i colpevoli.[29]
  • Marcelo Freixo, deputato e amico di Marielle, ha descritto la sua morte come una vera e propria esecuzione.[30]
  • Jurema Werneck, direttrice di Amnesty International Brasile, ha definito il fatto come agghiacciante, esempio dei pericoli ai quali sono esposti gli attivisti per i diritti umani in Brasile.[31]

Decine di migliaia di persone sono scese in strada a Rio, il 15 marzo, per rendere omaggio a Marielle Franco, e analoghe manifestazioni si sono registrate in molte capitali come Brasilia, Recife, São Paulo e altre.[32]

Manifestazione tenutasi in Avenida Jerônimo Monteiro, a Vitória, per onorare la memoria di Marielle Franco e Anderson Pedro Gomes.

Il filosofo e professore di etica presso Unicamp Roberto Romano ha dichiarato che il crimine mostra la fragilità delle istituzioni democratiche in Brasile. "Nonostante la fine ufficiale della dittatura militare, siamo sempre un passo indietro. Con eventi come questo di mercoledì, la distanza che separa una condizione democratica da una deviata è notevolmente diminuita", ha affermato in un'intervista, portando analogie con l'omicidio della missionaria americana Dorothy Stang nel 2005 in Pará. Per il filosofo l'episodio dovrebbe indurre a introdurre modifiche sul piano della sicurezza, ad esempio con un miglioramento dell'istruzione e con politiche atte a ridurre la disuguaglianza sociale nel paese.[33]

L'Assemblea della Repubblica del Portogallo, il giorno dell'omicidio, ha approvato all'unanimità un voto di rammarico per la morte di Franco, esprimendo "la più ferma condanna per la violenza e i crimini politici e di odio che aumentano giorno dopo giorno in Brasile". Tale iniziativa è stata resa nota dall'esponente del Blocco di Sinistra Catarina Martins ed è stata sottoscritta dal presidente del Parlamento, Ferro Rodrigues, e dal vice André Silva.[34]

Il Parlamento europeo, il 20 marzo 2018, ha condannato fortemente con una sua dichiarazione congiunta l'assassinio della consigliera Marielle Franco avvenuta il 14 marzo 2018.[35]. La dichiarazione è stata firmata da:

Ramón Jáuregui Atondo (dell'Assemblea Parlamentare euro-latino americana, DLAT)
Fernando Ruas (Presidente della Delegazione per le relazioni con la Repubblica federativa del Brasile)
Francisco Assis (Presidente della Delegazione per i rapporti con Mercosur, DMER)
Elisabetta Gardini (Presidente del Forum delle donne Euro-Latinoamericana, EuroLat).

Critiche e posizioni diverse[modifica | modifica wikitesto]

  • Il giudice Marília Castro Neves, della Corte di giustizia di Rio de Janeiro, si è dissociata dal cordoglio molto diffuso sostenendo che "Marielle non era solo una combattente ma era fidanzata con teppisti e non ha rispettato gli impegni con i suoi sostenitori".[36] Il presidente del PSOL ha annunciato che richiederà provvedimenti nei confronti della magistrata.
    Caetano Veloso, che in un concerto a Rio ha ricordato Marielle Franco.
  • Jair Bolsonaro, membro del PP brasiliano e pre-candidato alla presidenza della repubblica nelle elezioni presidenziali del 2018, attraverso il suo ufficio stampa, ha comunicato che la sua opinione sull'assassinio sarebbe stata vista come "polemica" e quindi ha preferito non esprimerla ufficialmente.[37]

Parte della stampa, legata alla destra brasiliana, ha accusato la sinistra di sfruttare politicamente l'omicidio di Marielle.[38][39] Anche vari partiti politici di destra hanno espresso opinioni fortemente contrarie in merito all'azione di Marielle Franco, arrivando per alcune fonti alla diffamazione.[40]

L'omicidio di Franco è stato attribuito dal governo alle bande criminali responsabili di molti delitti in tutto il paese ma alcuni sospetti sono ricaduti su appartenenti alla stessa polizia.

Pochi giorni dopo il delitto erano presenti in rete, sulla piattaforma YouTube, diversi video contenenti offese nei confronti della memoria della consigliera e il tribunale di Rio de Janeiro ha ordinato a Google di rimuoverli.[41]

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

Marielle Franco nell'agosto del 2016.

Leandro Sampaio Monteirol, segretario di Stato per la Cultura, ha detto ufficialmente che la biblioteca di Manguinhos sarà intitolata alla consigliera Marielle Franco. Anche il parlamentare è nato e cresciuto nel Complesso Maré, come Marielle.[42][43]

Caetano Veloso, in uno spettacolo tenuto al parco Lage la sera successiva all'omicidio, ha voluto ricordare Marielle Franco dicendo: "Avevamo accettato di venire per celebrare l'apertura del Queermuseu a Rio, come gesto di resistenza contro l'oscurantismo, e siamo rimasti sorpresi da un gesto brutale di forze oscure".[44]

La cantautrice statunitense Katy Perry le ha reso omaggio durante l'ultimo spettacolo brasiliano del suo tour Witness tour in Apotheosis Square, nel centro di Rio. Con una grande immagine di Marielle proiettata sullo sfondo ha fatto salire sul palco la sorella e la figlia dell'attivista uccisa, chiedendo un momento di silenzio per onorarne la memoria.[45]

Anche Papa Francesco ha voluto manifestare la sua vicinanza, telefonando ai suoi famigliari pochi giorni dopo il fatto. Luyara Santos, la figlia diciannovenne, aveva scritto due giorni prima al Santo Padre, spiegando come la madre fosse molto religiosa e credesse nella vita e nell'amore.[46]

Il 3 Febbraio 2019 apre a Pavia la Casa del Popolo "Marielle Franco" in onore dell'attivista brasiliana. [47]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le foto delle manifestazioni per Marielle Franco, uccisa a Rio de Janeiro, su ilpost.it, il Post, 16 marzo 2018. URL consultato il 16 marzo 2018.
    «si definiva «nera, lesbica e attivista politica, madre a 19 anni e femminista».
  2. ^ a b Mariana Pitasse (traduzione dal francese di Giovanna Vasciminno), Marielle Franco: “Essere una donna nera vuol dire resistere e lottare di continuo per sopravvivere” (Un’intervista a Marielle Franco, 8 marzo 2017), su agoravox.it, AgoraVox, 21 marzo 2018. URL consultato il 21 marzo 2018.
  3. ^ (PT) Os últimos momentos de Marielle Franco antes de ser morta com quatro tiros na cabeça, in G1. URL consultato il 4 aprile 2018.
  4. ^ (PT) Entrevistamos Marielle Franco: mulher, negra, periférica e Vereadora do RJ — Mulheres na Política #1, su medium.com, Medium, 17 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
  5. ^ (PT) Da Maré, vereadora fazia parte do 'bonde de intelectuais da favela', su folha.uol.com.br, Folha de S. Paulo, 15 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
  6. ^ (PT) Júlia Dias Carneiro, Mulher, negra, favelada, Marielle Franco foi de 'cria da Maré' a símbolo de novas lutas políticas no Rio, su bbc.com, BBC Brasil, 15 marzo 2018. URL consultato il 22 marzo 2018.
  7. ^ (PT) Onda de luto e indignação pela morte de Marielle Franco tomam o Brasil, su globo.com, O Globo, 17 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
    «... a companheira, Mônica Teresa Benício, com quem ela vivia há um ano, a filha Luyara Santos ..».
  8. ^ (EN) Júlia Dias Carneiro*, Rejeição da família, pedido de casamento e luto: a história de amor interrompida de Marielle e Monica, in BBC Brasil, 30 marzo 2018. URL consultato il 4 aprile 2018.
  9. ^ (PT) Sob lágrimas, Monica fala sobre os 13 anos de namoro com Marielle - Guia Gay São Paulo, in Guia Gay São Paulo. URL consultato il 4 aprile 2018.
  10. ^ (PT) Marielle Franco, UPP –A REDUÇÃO DA FAVELA A TRÊS LETRAS: UMA ANÁLISE DA POLÍTICA DE SEGUR ANÇA PÚBLICA DO ESTADO DO RIO DE JANEIRO (PDF), su app.uff.br/, Università federale Fluminense, 20 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2014.
  11. ^ (PT) Nota de pesar sobre o assassinato da vereadora Marielle Franco, su uff.br, Università federale Fluminense, 14 marzo 2018. URL consultato il 16 marzo 2018.
    «Marielle Franco era socióloga e fez mestrado em Administração Pública aqui pela UFF».
  12. ^ (PT) Marielle Francisco da Silva, su escavador.com, O Escavador. URL consultato il 22 marzo 2018.
  13. ^ (PT) Júlia Dias Carneiro, Mulher, negra, favelada, Marielle Franco foi de 'cria da Maré' a símbolo de novas lutas políticas no Rio, su bbc.com, BBC, 15 marzo 2018. URL consultato il 16 marzo 2018.
  14. ^ (PT) Votação recebida por MARIELLE FRANCISCO DA SILVA em 2016 para o cargo de VEREADOR em RIO DE JANEIRO por Zona Eleitoral, su eleicoesepolitica.net, eleicoesepolitica.net, 2006. URL consultato il 22 marzo 2018.
    «Resultado da votação: ELEITO POR QP».
  15. ^ Marielle Franco: l’assassinio che scuote il Brasile, su luiss.it, Luiss, 16 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
    «La polizia nelle relazioni preliminari parla di “imboscata”, mentre Marcelo Freixo, deputato del PSOL, ha definito l’omicidio “una vera e propria esecuzione”.».
  16. ^ a b Camilla Desideri, L’omicidio di Marielle Franco risveglia la società brasiliana. URL consultato il 20 marzo 2018.
  17. ^ (DE) Prominente Stadträtin in Rio ermordet, su zeit.de, Die Zeit, 15 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2018.
  18. ^ (PT) Antonia Pellegrino, Isabel Nascimento e Silva (registe), Primavera das Mulheres, su adorocinema.com, AdoroCinema, 2017. URL consultato il 24 marzo 2018.
  19. ^ Katia Fitermann
  20. ^ ANSA
  21. ^ (EN) The Guardian view on the murder of Brazilian politicians: Marielle Franco’s legacy, su theguardian.com, The Guardian, 16 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
    «“How many others will have to die for this war to end?” Franco wrote in one of her last tweets».
  22. ^ (PT) Casa das Pretas convoca protesto pelo assassinato de Marielle, su destakjornal.com.br, DESTAK, 20 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2018.
  23. ^ Brasile: omicidio Marielle, i proiettili usati dai killer vengono da un lotto in dotazione alla polizia, su repubblica.it, la Repubblica, 16 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2018.
  24. ^ corsera
  25. ^ Amnesty
  26. ^ (EN) Brazil: UN experts alarmed by killing of Rio human rights defender who decried military intervention, su ohchr.org, OHCHR, 26 marzo 2018. URL consultato il 3 aprile 2018.
    «Ms Franco was a remarkable human rights defender. She defended the rights of people of African descent, LGBTI, women and young people living in the poorest slums in Rio. She will be remembered as a symbol of resistance for historically marginalized communities in Brazil».
  27. ^ (PT) ALERJ SUSPENDE ORDEM DO DIA E DEPUTADOS PRESTAM HOMENAGEM À VEREADORA MARIELLE FRANCO, su alerj.rj.gov.br, Assembleia Legislativa do Estado do Rio de Janeiro, 15 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  28. ^ Temer: ‘Morte de vereadora Marielle é atentado à democracia’, su veja.abril.com.br, Abril Mídia, 16 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  29. ^ Siamo tutti Marielle Franco, la consigliera degli ultimi barbaramente uccisa a Rio de Janeiro, su rainews.it, Rai, 16 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  30. ^ Marielle Franco, un barbaro assassinio, su ilgiornaleditalia.org, Il Giornale d'Italia, 16 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  31. ^ Il Brasile piange Marielle Franco, su famigliacristiana.it, Famiglia cristiana, 16 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
  32. ^ Atos de protesto por Marielle Franco estão marcados em mais de 10 capitais, su Justificando.cartacapital.com.br, Justificando, 15 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2018.
  33. ^ (PT) Ataque à democracia: O impacto do assassinato da vereadora Marielle, su huffpostbrasil.com, EditionBR, 16 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
  34. ^ (PT) Parlamento português condena morte Marielle Franco e faz minuto de silêncio, su expresso.sapo.pt, EditionBR, 16 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
  35. ^ (EN) Joint Declaration by the Chair of the Delegation to the Euro Latin American arliamentary Assembly, by the Chair of the Delegation for relations with the Federative Republic of Brazil, by the Chair of the Delegation for relations with Mercosur and the Chair of the EuroLat Women Forum of the European Parliament on the assassination of Marielle Franco, local council woman in Rio de Janeiro, the night of Wednesday, 14 March 2018 (PDF), su europarl.europa.eu, Parlamento europeo, 20 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2018.
  36. ^ (PT) Desembargadora diz que Marielle ‘estava engajada com bandidos’, su veja.abril.com.br, Abril Mídia S A, 18 marzo 2018. URL consultato il 19 marzo 2018.
  37. ^ (PT) Opinião de Bolsonaro sobre morte de Marielle seria polêmica demais, diz assessor, su folha.uol.com.br, Folha de S.Paulo, 15 marzo 2018. URL consultato il 19 marzo 2018.
  38. ^ (PT) Reinaldo Azevedo, A MORTE DE MARIELLE 1: Assassinato interessa ao crime organizado, que se opõe à intervenção, como fazem o PT e o PSOL, su redetv.uol.com.br, RedeTV!, 15 marzo 2018. URL consultato il 19 marzo 2018.
  39. ^ (PT) Reinaldo Azevedo, Debate: A exploração política do cadáver de Marielle, su wn.com, WN, 15 marzo 2018. URL consultato il 19 marzo 2018.
  40. ^ (PT) Eloísa Mendonça e Flávia Marreiro, MBL e deputado propagam mentiras em campanha difamatória contra Marielle Franco, su brasil.elpais.com, El País, 19 marzo 2018. URL consultato il 19 marzo 2018.
  41. ^ (PT) Marina Lang, Justiça manda YouTube retirar do ar 16 vídeos com ofensas a Marielle, su noticias.uol.com.br, UOL, 23 marzo 2018. URL consultato il 24 marzo 2018.
  42. ^ (PT) Biblioteca de Manguinhos terá o nome da vereadora Marielle Franco, su rj.gov.br, Governo do Rio de Janeiro, 15 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  43. ^ (PT) Biblioteca de Manguinhos, no Rio de Janeiro, terá o nome da vereadora Marielle Franco, su portalvoz.com.br, portalvoz, 16 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
  44. ^ (PT) Show de Caetano Veloso, que seria um protesto contra a censura, abraça tributo à vereadora assassinada Marielle Franco, su cultura.rj.gov.br, Secretaria de Cultura. Governo do Rio de Janeiro., 16 marzo 2018. URL consultato il 19 marzo 2018.
  45. ^ (PT) Katy Perry homenageia Marielle Franco durante show no Rio, su globo.com, O Globo, 19 marzo 2018. URL consultato il 21 marzo 2018.
  46. ^ Il Papa telefona ai familiari di Marielle Franco, l’attivista assassinata in Brasile, su lastampa.it, La Stampa, 21 marzo 2018. URL consultato il 21 marzo 2018.
  47. ^ (IT) Fermo accetta la sfida!, su Potere al Popolo. URL consultato il 3 febbraio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]