Casa del Popolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La ex Casa del Popolo di Croce Mosso

L'espressione Casa del Popolo (da non confondere con il termine "casa popolare") compare per la prima volta in Italia tra l'8 e il 10 settembre 1893 durante il secondo congresso socialista a Reggio Emilia, in occasione del quale fu inaugurata la nuova sede della cooperativa di Massenzatico, un paese nei pressi di Reggio Emilia.

Le Case del Popolo hanno radici anche nelle esperienze europee della Maison du peuple francese, belga e svizzera (la prima Casa del Popolo svizzera sorse nel 1899 a San Gallo), della Volkshaus tedesca e della Volkshuis olandese.

Ne sono esempi la Maison du Peuple di Bruxelles, chiamata anche, in fiammingo, Volkshuis van Brussel, la Maison du Peuple di Nancy, la Maison du Peuple de Clichy.

La Casa del Popolo risponde ad esigenze di sviluppo e funzionamento di cooperative di lavoro e consumo e di un complesso di servizi culturali, assistenziali, mutualistici e ricreativi.

Culturalmente rappresenta la visibilità del movimento, la sua stabilità, l'unità e la solidarietà popolari, la dimostrazione pubblica della propria capacità etica e tecnica, il senso di un profondo radicamento sul territorio, la conservazione della memoria.

Infine, essa simboleggia il centro coordinatore dell'insieme associativo socialista, il modello della futura società, il nucleo di un socialismo che si sarebbe gradatamente allargato fino a comprendere il comune, la vita economica e l'intera società civile. In questo senso, la Casa del Popolo contiene la speranza della società futura e dell'uomo nuovo socialista. In Friuli la prima casa del popolo fu fondata nel 1909-1911 a Torre, sobborgo operaio di Pordenone ove nel 1840 era stato costruito il primo dei grandi cotonifici della zona; fu inaugurata il 1º maggio 1911 (cfr. www.casadelpopolo.org). Seguì nel 1913 quella di Prato Carnico (Comune di montagna che all'epoca aveva 2500 abitanti) ed era stata finanziata e costruita dagli emigrati (Circa la metà della popolazione) che mandarono i soldi per i materiali dalla Francia,Germania,Usa,ecc. e dai lavoratori della valle Pesarina. Prima della guerra era stata ribattezzata dal regime in Casa del Littorio. Dopo il restauro del 1947 riprese il suo nome originale che conserva ancora oggi sebbene dal 2010 sia stata trasformata dal comune in albergo-ristorante. In Abruzzo la prima Casa del Popolo fu fondata da Umberto Postiglione, a Raiano, nei primi anni venti. Si trova in Toscana la casa del popolo più grande d' Italia, fondata originariamente nel 1877 come società corale, divenuta poi società filarmonica corale e società di mutuo soccorso filarmonica corale, a cui si aggiunse nel 1946 l' appellativo di Casa del Popolo Grassina ampliata negli anni '60 fino a essere munita di una sala multifunzionale capace di ospitare più di 400 persone, un palco scenico che al tempo della costruzione era secondo per ampiezza solo a quello del teatro Verdi di Firenze, di un cinema all aperto e uno al chiuso, il campo sportivo e 3 cucine. Frutto interamente del lavoro e dei soldi dei grassinesi in buona parte lavandai. La sua posizione al centro del paese, affacciata sulla piazza centrale a mo' di municipio é frutto del lungimirante dono del suolo su cui sarebbe sorta l attuale sede ( 1895 ) ai mezzadri e borghesi del territorio da parte dell' oggi soppresso comune del Galluzzo che si posero l' obbiettivo di istruire e dar possibilità di svago ai poveri del fiorente paese, non sorprende in questo senso che il primo presidente fu il maestro elementare del paese che la mattina insegnava ai bambini e il pomeriggio si prodigava nell' acculturare la popolazione del contado meno abbiente. Fornendo tra l' altro alla popolazione i primi bagni con acqua calda del paese.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

socialismo Portale Socialismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di socialismo