Luca Marelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Marelli
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Como
Professione Avvocato
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2001 - 2005
2005 - 2009
Serie C
Serie A e B
Arbitro
Arbitro

Luca Marelli (Como, 17 febbraio 1972) è un ex arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Luca Marelli apparteneva alla sezione di Como. Dopo aver diretto 68 gare in serie C1 (comprese ben tre finali play-off, ovvero Martina-Pescara del 2003, Viterbese-Crotone del 2004 e Avellino-Napoli del 2005) nei quattro di militanza in CAN C, nel 2005 viene promosso nella massima categoria per volontà dell'allora designatore Maurizio Mattei. L'esordio in Serie A di Marelli risale al 5 dicembre 2005, quando diresse - Lazio - Siena. Da allora ha collezionato in tutto 15 presenze in serie A. La sua carriera è stata interrotta temporaneamente il 3 novembre 2007, dopo l'infortunio che subì durante la partita di serie B Ascoli-Treviso (si procurò la frattura del perone dopo un fortuito scontro di gioco con il calciatore ascolano Thomas Job, e la partita venne portata a termine dal Quarto ufficiale Vincenzo Manna).

Il 1º luglio 2009 viene dismesso dalla CAN A/B per normale avvicendamento. Si conclude così la sua carriera sui campi e comincia invece quella dietro la scrivania all'interno del Comitato Regionale Arbitro della Lombardia con il ruolo di componente per le designazioni dell'eccellenza e della promozione: tale incarico viene revocato prima del termine della stagione 2009/2010 a causa di contrasti interni al Comitato Regionale Arbitri.

Marelli decide di dimettersi dall'Associazione nel luglio 2011 per profondi contrasti con il responsabile CRA Alberto Zaroli e con il Presidente Nazionale Marcello Nicchi.[1]

Di professione avvocato, è titolare di un avviato studio legale a Como, aperto nel corso degli anni vissuti alla CAN.

Note[modifica | modifica wikitesto]